Tutte le posizioni per l'allattamento

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se sei una neo-mamma, l'allattamento al seno, uno degli atti più naturali del mondo, all'inizio potrebbe sembrarti complicato. Tutto quello che ti serve è un po' di pratica per imparare a sostenere il tuo bambino in una posizione comoda, nella quale tu e lui vi sentiate a vostro agio. Non esiste infatti una posizione valida in assoluto: ogni mamma e ogni bimbo avranno le loro preferenze. In questa piccola guida ti illustriamo tutte le posizioni per l'allattamento: vale la pena di sperimentarle fino a trovare la posizione che funzioni per te e per il tuo piccolo, nella quale, dopo tutto, dovrete passare alcune ore al giorno, per vivere momenti speciali e indimenticabili.

26

Posizione a culla

La posizione a culla è forse la più classica per l'allattamento al seno. Siediti in una posizione eretta, preferibilmente su una sedia o una poltrona con i braccioli o su un letto appoggiata a dei cuscini, eventualmente adagia i piedi su uno sgabello, un tavolino o un pouf per evitare di chinarti troppo con la schiena. Prendi in grembo il bambino in modo che la sua testa si appoggi comodamente nell'incavo del tuo gomito e in modo che il tuo avambraccio e la mano sostengano il corpo dei bambino tenendolo in orizzontale rivolto su di un fianco verso di te. Se stai allattando al seno destro appoggerai la testolina sul gomito destro e viceversa. Assicurati che il naso del bimbo si trovi in corrispondenza con il tuo capezzolo, sostenendo il seno con l'altra mano ma senza mai premere la testa del bambino sul seno. Per un supporto supplementare, puoi sistemare in grembo un cuscino che ti aiuterà a sostenere il bambino alleviando il peso sulle braccia. Questa posizione potrebbe non essere l'ideale in caso di cesareo, nei giorni successivi al parto, perché potrebbe causare un risentimento addominale.

36

Posizione dell'abbraccio trasversale

La posizione dell'abbraccio trasversale molto simile a quella a culla ma la presa delle braccia è differente. Invece di sostenere la testa del tuo bambino nell'incavo del gomito, una volta piegato il braccio, usa la mano per mantenere il seno. Il tuo braccio opposto sosterrà invece la schiena del bambino e la mano, posizionata alla base della testa del piccolo, con il pollice e l'indice all'altezza dell'orecchio, farà da appoggio alla sua testolina, guidandola verso il capezzolo. Come nella presa a culla, il bambino sarà rivolto verso il tuo grembo. Potrebbe essere necessario un cuscino per appoggiare il bambino sollevandolo all'altezza del capezzolo. Questa posizione è preferita da molte mamme i cui neonati hanno all'inizio difficoltà ad attaccarsi al seno, perché permette più facilmente di guidare il bambino verso il capezzolo.

Continua la lettura
46

Posizione sdraiata su un fianco

Questa posizione può essere indicata dopo un parto cesareo ma anche tutte le volte in cui, nella notte, pur essendo sveglia, sei molto stanca. Sdraiata sul letto mettiti su un fianco e con una mano guida il bambino verso il seno. Eventualmente sistemalo su un cuscino basso in modo che sia più facilmente al livello del tuo seno. Con l'altra mano sostieni il seno e avvicina le labbra del bambino al capezzolo. Una volta che il piccolo si sarà attaccato, usa un braccio per sostenere la tua testa e l'altro per abbracciare il bimbo, tenendolo in posizione corretta. Per essere ancora più comoda, chiedi al tuo partner di sistemarti dei cuscini dietro la schiena.

56

Posizione a rugby o presa da calcio

Questa posizione è indicata per le mamme che hanno avuto un cesareo o anche che hanno seni grandi e capezzoli poco sporgenti. Si chiama posizione a rugby perché il bambino viene tenuto proprio come i giocatori di rugby tengono il pallone: appoggiato al fianco e sotto il braccio. Il naso del bambino dovrà essere al livello del capezzolo e i suoi piedi puntati verso la tua schiena. Appoggia il braccio che regge il bambino su un cuscino sistemato in grembo e con la mano sostieni le spalle, il collo e la testolina del bambino. Guida il bimbo verso il capezzolo senza esercitare una pressione eccessiva. Questa posizione funziona anche molto bene per le mamme di gemelli, perché permette di allattare i piccoli contemporaneamente.

66

Posizione biologica

La posizione biologica è forse quella più naturale, comoda per entrambi e che può essere adottata fin dai primi giorni perché attiva il riflesso di suzione nel piccolo. Mettiti in posizione comoda, semi-sdraiata su di un letto e con la schiena a appoggiata a dei cuscini. Sistema il piccolo a pancia in giù sul tuo corpo posizionando la sua testolina al livello del seno e del capezzolo. Puoi o meno mantenere il seno mentre allatti il tuo piccolo. Questa posizione, che fa leva su un'eredità biologica ed istintiva, è particolarmente utile nel caso in cui il neonato stenti ad attaccarsi al seno o nel caso di problemi insorti durante l'allattamento come le ragadi.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

5 accessori essenziali per l'allattamento

L'allattamento è la fase della maternità in cui il neonato si attacca al seno materno per la propria alimentazione. Il latte materno è molto importante per la nutrizione e la crescita del bambino, soprattutto nei primi sei mesi di vita. Per questo...
Bambino

10 motivi per cui l'allattamento al seno fa bene al bambino

Grazie all'allattamento al seno, una madre ed un figlio vanno a creare il primo legame tra loro, esso rimarrà poi indissolubile per tutto il resto della vita. I vantaggi che può andare l'allattamento al seno sono tanti, qui di seguito infatti verranno...
Bambino

Allattamento: 10 errori da evitare

L'arrivo di un bambino per una famiglia è molto importante, perché si ha la possibilità di crescere il proprio figlio e di godersi ogni istante di questa piccola creatura. Tra i vari aspetti più importanti nella crescita di un bambino, bisogna sicuramente...
Bambino

Allattamento misto

Capita spesso che durante la fase di allattamento, la donna non abbia latte a sufficienza da dare al neonato. Ciò può dipendere da diversi fattori ma in ogni caso è importante che non si senta in colpa anche perché, esistono dei rimedi. In questi...
Bambino

Capezzoli dolenti durante l'allattamento: come attenuare il dolore

La maggiorparte delle donne possono soffrire in generale di dolore ai capezzoli in diversi periodi della loro vita; in particolare esiste un dolore che le contraddistingue che è rappresentato dall'allattamento: molte di loro solitamente quando allattano...
Bambino

Allattamento al seno: 10 cose da sapere

Diventare madre è il dono più bello che la vita possa regalare ad una donna. È la più alta espressione della femminilità che non eguaglia nulla al mondo. Una madre instaura un rapporto di amore col proprio figlio che va oltre qualsiasi immaginazione....
Bambino

Fine dell'allattamento: come affrontare il distacco

Diventare genitore è un passo della vita unico e meraviglioso, anche quando le cose non sono sempre facili. Soprattutto per le mamme il compito inizia immediatamente con un'attenzione maggiore al proprio corpo durante la gravidanza, per poi passare al...
Bambino

Le migliori posizioni per far dormire il bambino

Nei primi mesi dopo la nascita, la questione dell'addormentamento del neonato può mettere a dura prova la resistenza dei neo genitori. Ovviamente il sonno occuperà gran parte della giornata del bambino. Quindi i genitori devono assicurarsi che il neonato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.