Strabismo nei bimbi piccoli: quando e come intervenire

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Lo strabismo nei bambini è più frequente di quanto si possa pensare. Fino ai sei mesi di età però è ancora solo transitorio. I bimbi spesso non riescono a posizionare le pupille nella stessa direzione. Ma si tratta quasi sempre di un disturbo che scompare da solo. È dopo questa data che un simile atteggiamento diventa un problema e occorre recarsi da un medico. È probabile che i meccanismi neuromuscolari deputati proprio alla regolazione dei movimenti oculari non funzionino bene. Se avete dei dubbi, e vedete che gli occhi di vostro figlio non sono allineati, ma puntano in due direzioni opposte, leggete questa guida: strabismo nei bimbi piccoli: quando e come intervenire.

24

Esotropia essenziale infantile

È così che si chiama lo strabismo nei bimbi piccoli. Ma sarà solo un pediatra a saper fare la giusta diagnosi e solo lui potrà dire quando e come intervenire. Anche se la tempestività in questi casi è sempre vantaggiosa. Ecco perché non appena ci accorgiamo che il bambino sposta sempre la testa di lato per focalizzare lo sguardo o pare voler guardare il suo naso dobbiamo iniziare a preoccuparci. Questo disturbo infatti si manifesta proprio con uno spostamento delle pupille verso gli angoli interni degli occhi, come se il bimbo guardasse appunto il proprio naso. Si tratta di una malattia generalmente ereditaria, ma molteplici possono essere le sue cause, tanto che lo strabismo può essere graduale o anche improvviso e manifestarsi dopo l'anno di età. Normalmente è accompagnato da una miriade di altri disturbi satellite come il mal di testa o il fastidio alla luce ed anche le vertigini e le frequenti perdite di orientamento.

34

Intervento chirurgico mininvasivo

Oggi le tecniche operatorie per correggere lo strabismo nei bimbi piccoli sono così avanzate che il paziente ottiene la guarigione immediata con effetti benefici già dopo le prime ore dall'intervento. Ecco perché non conviene aspettare, ma occorre intervenire subito e recarsi immediatamente da un medico, per eliminare tutti quei fastidi come arrossamento, bruciore, gonfiore e dolore, che si associano allo strabismo e per rendere migliore ad un bambino la qualità della sua vita. L'intervento è diretto a rinforzare il muscolo che muove il bulbo oculare, grazie al quale è possibile rimettere le pupille in asse. L'intervento viene eseguito nei pazienti con almeno tre anni di età, tuttavia la tempestività è importante in ogni caso perché un oculista pediatrico dovrà correggere, prima dell'intervento, gli eventuali disturbi visivi come l'ipermetropia, l'astigmatismo o la miopia.

Continua la lettura
44

Guarigione immediata

Esistono diversi tipi di strabismo nei bimbi piccoli, ma tutti riguardano essenzialmente i muscoli degli occhi. Lo strabismo paralitico, non paralitico o restrittivo sono tutti curabili con probabilità di successo vicine al 90%. I sintomi però sono sempre evidenti. Ecco perché è facile capire quando e come intervenire. La tempestività è fondamentale. Quando ci accorgiamo allora che nostro figlio fissa gli oggetti con un occhio, mentre l'altro è rivolto in un'altra direzione, è il caso di correre ai ripari. In poco tempo infatti, potremo restituire la serenità al nostro bambino, evitandogli la fastidiosa diplopia, ossia il raddoppiamento delle immagini che altro non è che la visione normale di un bambino strabico.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Cosa fare in casa con i bimbi piccoli

L'inverno è ormai alle porte e fa troppo freddo fuori per portare i bimbi al parco giochi o a fare una passeggiata. I bambini sono dotati di un'energia e di una voglia di scoprire il mondo incredibili, e non vogliono proprio stare con le mani in mano....
Bambino

5 attività outdoor invernali da fare coi bimbi

Come voi lettori e lettrici ben saprete, il fatto che l'aria aperta faccia molto bene non è sicuramente un mistero: a maggior ragione, per i bambini è importantissimo svolgere delle attività outodoor, per svariati motivi (attività ed esercizio fisico...
Bambino

Come comportarsi in caso di tic nervosi nei bimbi

I tic nei bimbi sono le prime preoccupazioni che hanno i genitori. Molti di questi vengono attribuiti a movimenti che si ripetono continuamente. Tuttavia, i tic sono gesti, movimenti ed espressioni improvvisi. Questi con il passare del tempo possono...
Bambino

Bimbi: le 8 regole per bere correttamemte

I genitori hanno grandi responsabilità verso i propri bimbi, una di questa è quella di assicurarsi della loro corretta idratazione. Infatti i bambini non possono bere le stesse cose di un adulto ma solo determinate bevande che sono fondamentali per...
Bambino

Motivi per cui mandare i bimbi al nido

Per un genitore ma soprattutto per le mamma molte volte mandare i bimbi all'asilo nido è più una necessità che una decisione volontaria. Tale necessità nasce dal fatto che di questi tempi, ci si gode giusto i mesi della maternità e dell'allattamento...
Bambino

Come gestire tre bimbi piccoli

Avere una famiglia numerosa è una sfida meravigliosa. Durante la crescita, la casa si riempie di grida e di risate. Certamente, non ci sono solo gioie. I genitori si trovano ad affrontare i vari problemi, moltiplicati per due o per tre. Il compito educativo...
Bambino

Come gestire i capricci dei bimbi quando sei fuori casa

Spesso i bimbi fanno delle sceneggiate, per attirare l'attenzione dei genitori. Altre volte sono dei veri e propri bisogni che dobbiamo soddisfare. Un neonato ha la necessità del latte materno. Non riesce a esprimersi. Perciò piange e urla per farsi...
Bambino

5 idee per un book fotografico per bimbi

Più i nostri bimbi sono piccoli, più viene voglia di fare milioni di scatti per immortalare questi momenti bellissimi e unici. I bimbi però sono soggetti difficili da fotografare, perché si muovono in continuazione, chiudono gli occhi, si mettono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.