Problemi del linguaggio: come affrontarli

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Cedere subito all'ansia ed andare in allarme quando il proprio bambino inizia a mostrare delle difficoltà di linguaggio, non sembra essere una buona reazione al verificarsi di una situazione inattesa. Ovviamente come è risaputo ogni individuo, bambino in particolare, ha i propri tempi, tuttavia, se iniziano a palesarsi problemi di balbuzie, sarebbe buona cosa affrontarli quanto prima.
La cosa migliore sarebbe quella di rivolgersi subito ad un buon logopedista che sicuramente aiuterà il piccolo nelle sue difficoltà legate sia alla comunicazione e sia alla corretta pronuncia delle parole.
Focalizziamoci adesso su tali problemi legati al linguaggio, su come affrontarli sottolineando anche il fatto che, sebbene tante volte angosciano, spesso trovano una completa risoluzione agendo con pazienza e costanza.

26

Occorrente

  • Attenzione
  • Calma e pazienza
  • Logopedista
36

Identificare il problema


Una cosa fondamentale da fare nel momento in cui si dovesse verificare una problematica legata al linguaggio del proprio piccolo, è comunicare con lui parlandone e cercando di identificare la base del problema.
Un classico esempio è il problema della balbuzie cioè la ripetizione di determinate sillabe oppure l'interruzione di una parola mentre viene pronunciata. Questo può avere un fondamento psicologico (dovuto per esempio all'aver subito un forte spavento), oppure può trattarsi di ben altro.
Nel momento in cui viene inquadrato il problema, è bene spiegare immediatamente al bambino che non deve sentirsi diverso od inferiore agli altri e che il problema, con il giusto aiuto, verrà affrontato ed in molti casi, risolto tranquillamente.

46

Collaborare con il bambino

Fatto ciò, sarà importante spronare il bambino ad effettuare alcuni esercizi necessari al miglioramento del linguaggio. Tali esercizi verranno svolti e consigliati solo in un momento successivo al consulto con un buon logopedista il quale affronterà nel modo corretto il problema di linguaggio e proverà a risolverlo agendo sulla motivazione e rassicurazione del bimbo suo paziente.
Una cosa molto importante è che il bambino non si senta diverso dagli altri, che non venga trattato come se avesse qualcosa di sbagliato e, soprattutto, che non lo si faccia assolutamente sentire "diverso".
Con l'aiuto del logopedista bisognerà spiegare al bambino che ha semplicemente dei piccoli difetti di pronuncia affrontabili e risolvibili grazie all'esecuzione di facili esercizi che, inizialmente verranno affrontati insieme al logopedista e poi, man mano, anche a casa ed in famiglia.
Contattare dunque un logopedista è fondamentale ed è la cosa da fare nell'immediatezza.

Continua la lettura
56

Collaborazione con i docenti

Viene ancora ribadito che i problemi del linguaggio, specialmente in tenera età, non sono gravi e nella maggioranza dei casi, se affrontati per tempo e nel modo giusto, possono essere risolti totalmente.
In caso contrario possono portare problemi a livello psicologico potendo causare una chiusura sociale del piccolo, con ripercussioni sulla vita di relazione e con la comunicare con gli altri.
In questo quadro riveste un ruolo fondamentale anche la scuola e nello specifico gli insegnanti che dovranno riportare i comportamenti del piccolo e, soprattutto, dovranno controllare che gli altri bambini non gli facciano pesare la situazione e le difficoltà del linguaggio. Il loro supporto e la loro piccola difesa nel campo scolastico è importantissimo per il piccolo che pur lasciando la famiglia, saprà di entrare comunque in un ambiente a lui piacevole e sereno.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • L'importante in questi casi è affrontare il problema senza mai provare vergogna perché il vostro piccolo non ha nulla di diverso dagli altri. Le diversità non bisogna crearle mai.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come aiutare un bambino con difficoltà di linguaggio

Lo sviluppo del linguaggio avviene in tempi diversi. Il bambino apprende le parole più elementari dai genitori, dai fratellini o dalle sorelline. I fattori biologici ed ambientali contribuiscono ad accrescere il suo vocabolario. Tuttavia, si possono...
Bambino

5 consigli per stimolare il linguaggio dei bambini

All'interno della presente guida andremo a dedicarci ai bambini. Lo faremo, nello specifico, occupandoci del linguaggio dei bambini. Come avrete già letto nel titolo della guida, andremo a dispensare 5 diversi consiglio per riuscire ad andare a stimolare...
Bambino

Come capire il tuo bambino dal linguaggio del corpo

Sin dalla più tenera età, i bambini cercano di comunicare ed interagire con il mondo esterno. Per farlo impiegano tutti i modi che sono a loro disposizione. Non hanno ovviamente la possibilità di parlare, ma attraverso versi, gesti ed atteggiamenti...
Bambino

Come curare i disturbi del linguaggio del bambino

Si sa, tutti i bambini che cominciano a pronunciare le loro prime parole incorrono, molto spesso, in "Inceppi", o addirittura al salto di alcune vocali o consonanti. Molti sono i disturbi del linguaggio, come per esempio: 1) il non saper pronunciare alcune...
Bambino

Come incoraggiare un bambino con un ritardo del linguaggio

L'enorme importanza del linguaggio nei rapporti umani, può portarci a credere che il suo sviluppo sia totalmente a carico di fattori biologici. In realtà, la capacità di esprimersi e la sua naturale evoluzione, è spesso soggetta a notevoli variazioni...
Bambino

10 consigli per stimolare il linguaggio del bambino

La capacità comunicativa verbale dei bambini comincia a prendere forma già nei primi mesi di vita con il pianto, ma è solo tra i 12 ed i 18 mesi che i piccoli cominciano ad articolare le prime frasi composte. Ogni bambino ha i suoi tempi, anche se...
Bambino

Il linguaggio dei segni con i bambini

Prima che i bambini imparino a parlare, dai 18 ai 24 mesi se si escludono le prime vocalizzazioni e le associazioni consonante-vocale, è possibile comunicare con loro tramite un linguaggio dei segni di cui negli Stati Uniti sin dagli anni Ottanta si...
Bambino

Come capire se il bambino ha problemi di apprendimento

Molte volte i problemi che ha un bambino per quanto riguarda lo studio riguarda l'apprendimento. Questa può essere la parte più dura che provoca la mancata voglia di studiare. Allora a questo punti bisogna adoperarsi e andare incontro a tale problema:...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.