Parto in acqua: i motivi per sceglierlo

Tramite: O2O 30/06/2019
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nell'acqua la dilatazione viene accelerata e il rischio di lacerazione e di sofferenza di un'episiotomia è ridotto: l'erogazione nell'acqua ha indubbi vantaggi, ma presenta anche le necessarie precauzioni che devono essere prese. In questa lista sarà illustrato nel dettaglio il parto in acqua e i motivi per sceglierlo.

26

La vasca

La vasca delimita e protegge la privacy della madre e restituisce il ruolo di autentico protagonista del parto. Per il bambino, che scivola dall'abbraccio del liquido amniotico al calore dell'acqua, è un modo meno traumatico di nascere. Il passaggio dal caldo rifugio dell'utero materno al mondo esterno è più graduale. Il bambino è avvolto dalla carezza dell'acqua per alcuni secondi. La vasca deve essere preparata con acqua a una temperatura di 37 ° C , poiché l' acqua calda può essere controproducente e il freddo non fornisce gli effetti rilassanti attesi.

36

La dilatazione

Per entrare nella vasca, specialmente se è il primo parto, è necessario attendere fino a quando la dilatazione è attiva e la cervice ha raggiunto un'ampiezza compresa tra i 3 e i 5 centimetri. In caso contrario, se la madre si immerge troppo presto, v'è un rischio che le contrazioni rallentino. Tuttavia, quando la dilatazione è completamente in corso, l'acqua favorisce la sua progressione e, in generale, riduce la sua durata.

Continua la lettura
46

I vantaggi

Dati i numerosi vantaggi offerti alla futura madre, il parto in acqua è indicato per quasi tutte le donne che hanno avuto una gravidanza fisiologica (normale). Il criterio più importante per l'esclusione ha a che fare con il benessere del bambino: nel caso in cui il monitoraggio cardiotocografico indica la presenza di forte sofferenza del feto, dovuta a tanto liquido amniotico, la madre non può partorire in acqua.
Inoltre, non è possibile fare il parto in acqua nel caso di gravidanza gemellare o prematura. Si sottolinea che non è una controindicazione assoluta il fatto che la donna abbia partorito in precedenza con parto cesareo.

56

I contatti

Se la futura madre vuole partorire nell'acqua, è necessario che lei contatti con un certo anticipo un centro privato oppure un ospedale in cui avvengono questo tipo di nascite. Una volta identificati i centri che offrono questo servizio, è opportuno essere informati. Infatti, non tutti gli ospedali permettono al bambino di nascere nell'acqua.

66

La nascita

Con circa 10 cm di dilatazione e se il professionista determina che l'evoluzione del parto è buona, la madre può scegliere tra il parto nella vasca o fuori. La maggior parte sceglie di finire, ma circa il 20% preferisce finire dentro. Il neonato passa dal liquido amniotico all'acqua nella vasca, quindi non vi è alcun cambiamento improvviso. Dopo la nascita, il medico o l'ostetrica mettono il bambino sul seno della madre e tagliano il cordone ombelicale nei quattro minuti successivi.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Parto

10 cose da sapere sul parto

Ecco che il giorno più atteso della vostra vita si avvicina, la data del parto si fa sempre più prossima, sia che abbiate scelto un cesareo programmato (e magari anche fissato già la data), sia che a farsi più prossima è la scadenza dei mesi di gestazione....
Parto

10 consigli per superare la paura del parto

La gradivanza è uno stato di grazia per ogni donna. I nove mesi di gestazione sono un periodo pieno di emozioni in cui il corpo femminile cambia, si trasforma e esprime al massimo la sua bellezza. Nonostante ciò, però, questi mesi possono rappresentare...
Parto

10 consigli utili per il post parto in ospedale

Il periodo immediatamente successivo al parto è particolarmente importante per la donna, il cui corpo ha sostenuto uno sforzo immane per dare alla luce il bimbo che portava dentro, e che, pertanto, ha bisogno assoluto di riprendersi. Ma la stessa cosa...
Parto

5 segnali che il parto si avvicina

Quali sono i 5 segnali che ci fanno capire che il parto si sta avvicinando? Alcuni sono più evidenti, altri meno... Ma è importante conoscerli e soprattutto saperli riconoscere al momento opportuno. Ci sono infatti una serie di piccoli accorgimenti,...
Parto

Come agevolare le contrazioni

Diventare mamma è sicuramente una tra le cose più belle del mondo. Avere una nuova vita dentro di sé, per 9 mesi, di cui prendersi cura per sempre.. Ci pensate? La natura è talmente straordinaria, così come le emozioni che legano il bambino alla...
Parto

Come riconoscere la rottura delle acque

La rottura delle acque, generalmente, avviene alla fine della gravidanza e preannuncia l'inizio del parto. Quando la pressione del liquido amniotico si fa più forte, le membrane del sacco che circondano il feto si contraggono e spingono il bambino verso...
Parto

Banche del latte donato: cosa bisogna sapere

Banche del latte donato: cosa bisogna sapereLe banche del latte sono centri di raccolta del latte donato dalle mamme in allattamento.L'Italia è prima in Europa con ben 35 punti di raccolta, cosi recita il Presidente l'Associazione Italiana banche del...