Neo mamma: come gestire le ansie

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'ansia purtroppo è un malessere psicologico, che porta anche alla depressione; quando si diventa neo mamme soprattutto del primo figlio, molte ansie ingombrano la mente, come ad esempio se si è in grado di poter tutelare il bambino; cosa potrebbe avere il bambino la notte se piange di continuo. A volte non si dorme perché si ha paura che il bambino possa avere qualche malessere e di non essere in grado di curarlo. L'ansia subentra quando il bambino inizia a piangere talmente forte che non si sa che cosa abbia. Molto spesso si h al'ansia anche quando il bambino non mangia o si ha la paura che possa affogarsi e soffocarsi. Bisogna stare molto attenti perché se l'ansia non si cura può portare altre patologie come l'esaurimento nervoso. Ecco a seguire come gestire al meglio le ansie di una neo mamma.

24

Tranquillità

I neonati, che apparentemente sembrano sconnessi dal mondo esterno, avvertono sensazioni positive e negative della mamma. La quale se sarà in tensione trasmetterà tutto ciò al bambino, il quale sarà a sua volta molto nervoso. Ponetevi, quindi, in maniera cauta e in assoluta tranquillità. Evitate di pensare alle cose negative che con la nascita state affrontando, come ad esempio le notti insonni, e pensate a ciò che vi ha spinto verso la scelta della maternità. Vedrete che il riaffiorare certi ricordi vi trasmetterà sicurezza e vi sentirete motivate e adatte più che mai al ruolo che vi è stata dato.

34

Ricordi

Le vostre ansie si rivelano fondate molto raramente. Se siete ansiose, avrete notato che le cose che temete spesso tendono a rivelarsi meno terribili di quello che sembra. La maggior parte delle volte, se si presenta un incidente di percorso, era qualcosa di assolutamente imprevisto. Prima di preoccuparvi di ciò che è accaduto, o che potrebbe accadere, accettate il fatto che ci sono alcune cose che potete controllare e alcune invece, proprio no.

Continua la lettura
44

Controllo

Non limitatevi a fare la mamma h24, cercate di crearvi degli interessi, degli hobby, vi aiuteranno a distrarvi ed ad allontanarvi in maniera graduale dal vostro piccolo, senza dover avvertire ansia da abbandono. Un consiglio è l'iscrizione del bambino al nido, il quale grazie ad un corretto inserimento, accetterà il vostro allontanamento temporaneo, anche per un paio di ore e questo vi aiuterà a ricavare piccoli spazi per voi. Fate esercizio. Allenarsi è un antistress naturale e prendersi cura del proprio corpo vi aiuterà a dimenticare le preoccupazioni. È sufficiente anche un allenamento blando: fate, ad esempio, lunghe passeggiate all'aria aperta, e nel frattempo, magari, chiacchierate con una buona amica.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

5 libri che aiutano ad accettare il nuovo fratellino

In molti casi è difficile per i primogeniti affrontare l'arrivo di un nuovo fratellino, si scatenano gelosie ed incomprensioni che creano un clima teso all'interno del nucleo familiare; il compito dei genitori è quello di far comprendere ai figli il...
Bambino

5 modi per avvicinare i bambini al mare

L'estate sta arrivando e per molte famiglie è finalmente tempo di mare! Ma per tanti bambini che si avvicinano spontaneamente alle onde, magari anche con qualche spavalderia di troppo, ce ne sono altrettanti che manifestano paura e proprio di affrontare...
Bambino

Cosa fare se il bambino rifiuta il cucchiaio

Lo svezzamento comporta il drastico passaggio dal seno materno al contatto con un oggetto come il cucchiaio estraneo alla quotidianità del bambino. La reazione del piccolo è del tutto normale e non deve destare preoccupazione. Se il bambino rifiuta...
Famiglia

Come influiscono i problemi di coppia sui bambini

Che si tratti di litigi o tacito astio, di crisi persistente o problemi transitori, i bambini sono capaci di avvertire ogni sfumatura del rapporto tra i genitori. Fin da piccolissimi, infatti, pur senza comprendere ancora il linguaggio verbale, ne captano...
Bambino

Come affrontare il primo distacco dal bebè

Affrontare il primo distacco dal bebé è un passaggio delicato nella vita di una mamma e, se non realizzato secondo i giusti principi e rispettando alcune semplici regole, può tramutarsi da evento naturale a momento assolutamente traumantico e stressante....
Bambino

Come insegnare ai bambini ad attraversare la strada

I bambini rappresentano sicuramente un bene preziosissimo per qualsiasi genitore. Ad un certo punto, però, arriva il momento in cui bisogna insegnare loro le buone abitudini ed alcune importanti regole di comportamento necessarie per condurre una vita...
Bambino

Come introdurre i legumi nello svezzamento

Con il termine "svezzamento" si intende il passaggio da un'alimentazione esclusivamente lattea ad un'alimentazione mista in cui si aggiungono gradualmente cibi solidiLa fase dello svezzamento crea ansie nelle mamme e complica il lavoro quotidiano.Questi...
Bambino

Cosa fare se il bambino cade dal letto

Quando il bambino raggiunge i novanta centimetri di altezza, i pediatri suggeriscono di effettuare il cambio dalla culla al lettino, che gli permette di avere una migliore qualità del sonno, e lo comincia ad orientare verso l'indipendenza e la crescita....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.