Logopedia: quando serve

tramite: O2O
Difficoltà: facile
19

Introduzione

Per prima cosa occorre spiegare in maniera semplice e sintetica che cos'è la logopedia. Si tratta della branca della medicina che si occupa di studiare il linguaggio e le sue eventuali problematiche. Non sempre, infatti, per un bambino, l'apprendimento del codice linguistico avviene senza ostacoli e nei tempi corretti, per cui è bene intervenire in tutti quei casi in cui ci si accorge di un apprendimento tardivo o di una difficoltà nel pronunciare certe parole o suoni, come pure in quei casi dove l'uso della voce viene in qualche modo distorto. L'importanza del linguaggio, oggi, è un aspetto ben presente in tutte le scuole dell'infanzia che, spesso, organizzano in collaborazione con i Comuni, incontri con logopedisti che, recandosi direttamente a scuola, verificano il grado di apprendimento linguistico dei nostri figli, denunciandoci eventuali problemi e/o ritardi in maniera preventiva. Prima ci si accorge di un disturbo linguistico prima, infatti, sarà possibile risolverlo, aiutando il nostro bambino non solo a comunicare nella maniera più completa e corretta, ma evitandogli anche problemi di isolamento che potrebbero, poi, complicare la sua situazione in ambito sociale. Questa guida serve, quindi, per aiutarvi a capire quando è necessario rivolgersi alla logopedia.

29

Occorrente

  • Pazienza
  • Supporto professionale
  • Dove necessario aiuto psicologico sia per il bambino che per i genitori
39

Vocabolario ristretto

Uno degli allarmi che potrebbero rendere necessaria la visita da un logopedista è quando ci si accorge che il bambino ha un vocabolario troppo limitato per la sua età. Normalmente un bambino di due anni dovrebbe conoscere dalle 100 alle 200 parole, oltre naturalmente a saper pronunciare alcune semplici frasi. Quando ciò non avviene è opportuno chiedersi perché e, in alcuni casi, rivolgersi ad un professionista. Un linguaggio ristretto, però, non deve spaventare quando il bambino in questione parla due lingue. Nei casi di genitori dalla doppia nazionalità è, infatti, normale che un bambino abbia un tempo di apprendimento, apparentemente, più lungo. In realtà in questi casi specifici, i bambini useranno poche frasi o, spesso, le medesime parole, ma solo perché hanno necessità di tempo per "dividere" nel loro cervello i due linguaggi. Solitamente verso i tre anni, senza bisogno di alcun aiuto, inizieranno a parlare entrambe le lingue in maniera corretta e fluente.

49

Linguaggio tardivo

Un altro campanello di allarme che potrebbe rendere necessaria una visita da un logopedista potrebbe essere quando il bambino non parla. Ci sono, infatti, bambini che non solo pronunciano poche frasi o sempre le medesime parole, ma che proprio non vogliono parlare. In questi casi, nel loro silenzio, potrebbero nascondersi diverse patologie, ma la prima cosa da fare è rivolgerci ad un professionista del linguaggio per capire se il parlatore tardivo può essere recuperato spontaneamente grazie ad un semplice aiuto esterno che abbia le necessarie competenze verbali. Uno degli elementi che può ritardare l'uso della parola è sicuramente l'abuso del ciuccio. I bambini che hanno sempre la bocca impegnata dalla tettarella saranno sicuramente i più pigri nell'apprendere. Si consiglia, quindi, a tutti i genitori di non permettere ai propri figli di usare il ciuccio costantemente, ma di spronare i propri bambini a manifestare in maniera verbale le loro necessità ed emozioni, anche se ciò significa esprimere un disagio con un pianto, per noi, fastidioso.

Continua la lettura
59

Difetti di pronuncia

In alcuni casi, non sempre complessi, ci sono bambini che parlando esprimono difetti di pronuncia. Questi sono i casi più comuni e meno difficili per ogni logopedista, ma che vanno comunque affrontati con un percorso mirato ed attento. In questi casi l'attenzione dei genitori è fondamentale. Siamo noi, infatti, i primi a doverci accorgere di tali difetti, essendo i primi ascoltatori dei nostri figli. Quando il bambino dopo i 5 anni non pronuncia ancora bene alcune consonanti come la Z, la R, la S, si rende necessaria una visita di controllo ed un eventuali supporto medico che insegni ai nostri bambini a pronunciare tutti i suoni in maniera scandita e corretta.

69

Falsi allarmi

Una cosa da dire a tutti è, però, di avere la giusta consapevolezza nell'affrontare situazioni di linguaggio tardivo o limitato o di difetti di pronuncia. Le linee guida ci dicono, infatti, che i bambini devono iniziare a parlare bene verso i due anni, ma non sempre questo accade. Ogni bambino è diverso per personalità, per ambiente in cui vive, per stimoli a cui è quotidianamente sottoposto, per cui occorre valutare tutti questi aspetti prima di affermare un problema o il reale bisogno di rivolgersi ad un logopedista. Oggi le scuole sono attente e collaborative sulle questione inerenti al linguaggio, occorre per cui parlare e confrontarsi con educatrici e maestre per capire se, davvero, il problema esiste e per risolverlo insieme. Lo stimolo e il supporto dei compagni di classe, in questi casi, è importantissimo in quanto, per i bambini l'emulazione influenza il 90% dei loro comportamenti per cui coinvolgerlo in pomeriggi di gioco con bambini "chiacchieroni" potrebbe essere il primo passo da fare verso la guarigione.

79

Utilizzo del gioco

Quando si verificano situazioni complicate per i bambini che siano esse legate al linguaggio o ad altri aspetti della loro vita è fondamentale ricordare sempre quanto, per loro, sia importante il gioco. Nel gioco c'è la leggerezza con cui i bambini affrontano tutte le situazioni, ma nel gioco ci può essere anche una facilità di apprendimento che arriva direttamente al bambino. Utilizzare quindi giochi in cui la comunicazione verbale sia alla base dell'attività e, forse, uno dei modi più efficaci per affrontare e migliorare un problema di linguaggio. Chiaramente è basilare che al gioco prendiamo parte noi genitori, facendo sentire nostro figlio al centro della nostra attenzione e ricordando a noi stessi che, spesso, la semplicità è il modo migliore per comunicare con gli altri.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Chiedete pareri ad aiuto ad educatrici ed insegnanti
  • Non fate mai una diagnosi personale
  • Spronate vostro figlio a parlare e correggete sempre i suoi errori di pronuncia
  • Leggete libri a vostro figlio e fategli ascoltare canzoni - lettura e musica sono fondamentali nell'apprendimento del linguaggio
  • Non fate mai sentire vostro figlio in difetto e con un problema
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come mantenere le poppate al seno

Arriva un momento in cui la straordinaria esperienza dell'allattamento al seno finisce. In questi casi si deve educare il piccolo a bere dal biberon e a mangiare le prime pappe. È un passaggio fondamentale della vita e della relazione fra mamma e bambino....
Bambino

Come preparare il corredino per il neonato

Come preparare il corredino per il neonato è un aspetto che fa impazzire di gioia le future mamme. Per il proprio piccolo si vorrebbe solo il meglio, come tutti i futuri genitori sperano e si va alla ricerca di tutto ciò che serve per rendere i suoi...
Bambino

Come prepararsi alla nascita di un bebè

La nascita di un bebè è sempre un momento bellissimo per una coppia di genitori, ma si porta dietro tantissimi cambiamenti. L'arrivo di un figlio cambia notevolmente la vita di coppia, le abitudini personali dei genitori, lo stile di vita e anche la...
Bambino

5 travestimenti fai da te per bambini

Ai bambini piace molto travestirsi. Indossare un costume li aiuta a rafforzare la loro fantasia e serve a sviluppare la loro creatività. A volte può servire anche ad affrontare le paure che i bambini possono avere nei confronti di alcuni personaggi...
Bambino

Come imbiancare casa con i bambini

Imbiancare casa è da sempre uno degli incubi peggiori di ogni famiglia. Buona parte delle stanze sarà inagibile per un certo periodo di tempo e trovare ciò che serve può diventare una missione impossibile. Se poi si hanno bambini in casa, la domanda...
Bambino

Come spiegare i 5 sensi ai bambini

Man mano che i bambini crescono, hanno la necessità di imparare cose nuove. I genitori devono affrontare l'arduo compito di insegnare ai loro figli tutti e 5 i sensi. Molte volte questo si può fare entrando in contatto con il bambino mettendosi dalla...
Bambino

5 cose indispensabili per un neonato

L'arrivo di un bebè comporta sempre molte novità e cambiamenti all'interno di una famiglia, specie se si tratta del primo figlio. Oltre ad un radicale cambiamento delle proprie abitudini, i neo genitori dovranno mettere in conto anche alcune spese,...
Bambino

Corsi per massaggi neonatali

È molto importante stabilire il contatto con il proprio bambino ed imparare a fargli il massaggio. Questa tecnica da esercitare sul neonato, già da piccolissimo, è un’antica tradizione che serve a rafforzare il rapporto genitori - figli. Il massaggio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.