La funzione educativa del gioco

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il ludus per gli antichi, il gioco. Molti sottovalutano le potenzialità che il gioco può creare in un bambino e le capacità che può fargli sviluppare con gli anni, in particolare dunque la sua funzione educativa. Infatti, questa pratica effettuata da ogni bambino, anche solo con la sua fantasia, ha dei risvolti con il suo carattere e con le scelte di vita che effettuerà da grande. Nel gioco il bambino capisce utilizzo delle regole e del sapersi comportare.

25

Il gioco come ispirazione per il futuro

Al gioco sono associate proprietà stimolanti, come quelle legate ai colori, alle forme, dedicate perlopiù ai bambini nei loro primi mesi di nascita. Infatti suoni, movimenti, dimensioni li portano a scoprire il mondo e a comprendere la varietà infinita di possibilità e di forme che esso offre. Un esempio ci è fornito ad esempio dai giochi frobeliani che si basano su accostamenti di colori primari e su forme base della geometria. Questi giochi ispirarono la madre di un bambino, Frank Loyd Wright, che con essi acquistò una notevole capacità compositiva e divenne uno dei maestri dell'architettura del Novecento. Altri esempi possono essere fatti per musicisti, artisti vari. È dunque importante scegliere con cura il gioco, specie nei bambini, così da indirizzarli, con il loro divertimento, ad una vita ricca di intelligenza e di espressività. Il bambino con i suoi primi giochi riesce a capire quali sono le sue inclinazioni, e di conseguenza a svilupparle adeguatamente attraverso il gioco.

35

Il gioco per accrescere intelligenza

Ma il gioco possiede grandi qualità che vanno al di la del semplice divertimento o relax. Al gioco sono date funzioni e capacità che accrescono l'intelligenza del bambino e la sua ampiezza mentale. I più grandi filosofi si sono occupati del gioco, come Aristotele, che lo definì fonte di piacere e di virtù e come l'illuminista Kant che lo definì un'attività che provoca piacere. Ogni bambino nel gioco, specialmente quando gioca da solo, da libero sfogo alla sua creatività e fantasia, anche se non in tutti i giochi, infatti in un gioco come può essere quello di fare un puzzle, il bambino sviluppa le sue abilita logiche, perfetto sarebbe invece far giocare il bambino con le costruzioni, le quali sviluppano sia le sue abilità logiche nel momento in cui seguono delle istruzioni, sia quelle creative nel momento che costruiscono qualcosa di proprio.

Continua la lettura
45

Il gioco non è solo parte dell'infanzia

La pratica del gioco è una cosa che non ha origini, nel senso che queste ultime si perdono nella notte dei tempi. Ma le qualità che possiede sono davvero uniche sotto molti punti di vista. Prima di tutto il gioco è divertimento, altrimenti non avrebbe senso chiamarlo tale. Essendo divertimento il gioco induce ad una distensione mentale, quasi come un potente antistress e antidepressivo. Molto spesso il gioco è accostato soprattutto all'infanzia perché indubbiamente sono i bambini quelli che maggiormente lo richiedono e ne necessitano. Ma non è così in ogni caso. Infatti il gioco, così inteso, viene praticato a tutte le età, dall'adolescenza (in particolare con gli sport) fino all'età adulta, ad esempio in coppia, ed infine anche in tarda età. Basti pensare la grande quantità di giochi che si possono fare con le carte (appunto le carte "da gioco") oppure i vecchi giochi di società, oppure laddove un gruppo di persone si riuniscono e passano magari una serata distesa difronte ad un gioco da tavolo. Oppure la varietà di giochi che si fa in famiglia ad esempio nel periodo di Natale, su tutti il più famoso è sicuramente la tombola. Ma ad oggi la varietà è ancor più estesa se consideriamo i videogames, ormai non più materia esclusiva dei bambini e adolescenti.

55

Conclusione

In conclusione il gioco non è importante solo per la crescita del bambino, ma è fondamentale per la crescita della persona, infatti il gioco spesso si proietta sul suo futuro, per questo è bene far avere ai bambini giochi variegati, i quali si indirizzino tutti in diversi ambiti, ma sopratutto che non giochino sempre da soli, poiché è importante per loro imparare a condividere e a fare lavoro di squadra.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

L'importanza del gioco nella socializzazione

L'importanza del gioco nei primi anni di vita di ogni bambino è pari all'importanza dell'alimentazione per una sana crescita. Grazie ad esso esplora e conosce il mondo circostante. Le esperienze ludiche favoriscono lo sviluppo motorio e quello cognitivo....
Bambino

L'importanza del gioco nello sviluppo del bambino

L'importanza del gioco, per i bambini, non è un fattore da sottovalutare! Giocare, infatti, favorisce in maniera notevole la crescita e lo sviluppo delle capacità intellettive. Tutti avrebbero diritto ad un'infanzia felice e spensierata, all'insegna...
Bambino

Come insegnare il gioco degli scacchi ai bambini

Quando cerchiamo un gioco da tavolo da fare con i bambini, di solito, pensiamo ai classici giochi di società da tavolo magari quelli più recenti che vanno alla moda lasciando da parte quelli più classici o che consideriamo "da adulti". Vediamo in questa...
Bambino

Come dare la giusta importanza al gioco del bambino

I bambini sono degli esseri straordinari, puri ed incontaminati, senza sovrastrutture mentali e liberi da preconcetti. La loro vita non è ancora stata intaccata dai problemi quotidiani degli adulti (almeno nella norma, tralasciando ovviamente i casi...
Bambino

Come Organizzare Un Gioco Musicale Per Una Festa Di Bambini

La musica attrae i bambini fin da piccolissimi e forse per questo motivo i giochi musicali sono sempre molto apprezzati, durante le feste di compleanno e non solo. I bambini sono sempre felici se gli offriamo l'occasione di potersi muovere a suon di musica...
Bambino

Come superare le paure infantili attraverso il gioco collettivo

La paura, emozione di gran lunga diversa dal panico, è una sensazione che nei bambini nasce intorno all'età dei due anni. Nell'istante in cui il bimbo prende atto di quali cose possano rappresentare una possibile minaccia, la paura lo frena sollecitandolo...
Bambino

Il gioco in condizioni di disabilità

I bambini hanno la necessità di giocare in qualsiasi condizione. In questa guida approfondiremo proprio il tema del gioco in condizioni di disabilità. Al pari dei propri coetanei, anche i ragazzi in condizioni di disabilità hanno il diritto di sviluppare...
Bambino

Come spiegare ai bambini la differenza tra suono e rumore con un gioco

Nel corso dell'età prescolare, i bambini sono molto affascinati da tutto ciò che stimola la loro curiosità ed i loro sensi in pieno sviluppo; giocare diventa soprattutto un'attività di scoperta e, allo stesso tempo, scoprire il mondo che li circonda...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.