La comunicazione non verbale nel bambino

Di: A. R.s.v.
Tramite: O2O 06/05/2020
Difficoltà: difficile
18
Introduzione

La comunicazione non verbale si compone di tutti i frammenti e gli elementi di comunicazione che vanno oltre le parole utilizzate o i toni e che si avvale dei sensi non collegati direttamente alla comunicazione verbale interpretando ad esempio gesti, sguardi ed espressioni facciali. La comunicazione non verbale nel bambino è un argomento particolarmente complesso che merita di essere approfondito perché i bambini trasmettono costantemente alcuni segnali importanti che vanno interpretati e individuati correttamente per aiutarli ad esprimersi. Nessun bambino è uguale a un altro, e questo chiaramente vale anche per i genitori, quindi bisogna mantenere un approccio particolarmente flessibile, ma ci sono alcuni errori comuni da evitare e alcuni consigli generici da tenere a mente.

28
Occorrente
  • Pazienza e creatività
38

L'ambiente circostante

Lo studio della comunicazione non verbale parte dall'analisi di alcuni elementi comunicativi che aiutano i bimbi a esprimersi al di là di quello che possono dire (quando hanno imparato a parlare) e come possono dirlo usando la propria voce. Si parla di tutti i feedback che ricevono ed elaborano dal mondo esterno. Si tratta ad esempio delle condizioni ambientali e le caratteristiche delle persone con cui il bambino vuol comunicare. I bambini tendono a comunicare in maniera differente se ad esempio si trovano in ambienti e con persone familiari o se si trovano in presenza di sconosciuti. In tutti i casi è fondamentale una reciproca interazione, che può essere aiutata da ambienti di gioco luminosi e colorati e contatto fisico.

48

La ripetizione e imitazione

Anche se il loro modo di comunicare evolve con il passare del tempo e in base al contesto e all'ambiente in cui crescono, i bambini tendono molto a comunicare tramite ripetizione e imitazione di quello che vedono fare e quel che sentono dire. I bambini interpretano la nostra soglia di attenzione, i messaggi al subconscio che inviamo e i gesti e le movenze che possiamo utilizzare facendole proprie e ripetendole, anche quando ancora non hanno imparato a capirne il significato. Per questo diventa importante analizzare ogni gesto e ogni azione comunicativa non verbale che riconosciamo familiare e che vediamo, anche andando oltre l'immediato significato che potremmo dargli. Questo perché, appunto, a volte i bambini prima ripetono, e solo più tardi apprendono. Diventa quindi fondamentale essere ben consapevoli di quel che si fa, cercando di controllare, per quanto possibile, la nostra comunicazione verbale rendendola "positiva".

Continua la lettura
58

L'espressione attraverso disegni e forme artistiche

Il disegno e la scrittura sono altre due importantissime forme di comunicazione non verbale che i bambini utilizzano spesso. Occorre sempre prestare attenzione ai loro disegni e alle forme d'espressione, da espressioni musicali fino a costruzioni anche con i LEGO per esempio (gli esempi sono infiniti), e soprattutto all'enfasi che ci mettono nel realizzarli. Alcuni bambini ballano, o almeno ci provano, muovendosi seguendo un ritmo che a volte è nella loro mente. Altri cantano, altri disegnano, altri usano i giochi e così via. Quel che a noi sembra uno scarabocchio, è sicuramente molto di più per il bambino ed è compito nostro cercare di capire. Prestiamo attenzione a come si muovono e come si esprimono mentre disegnano o giocano, sempre senza invadere i loro spazi, e cerchiamo di capire come e quali stimoli esterni possano influenzare la loro comunicazione e il loro umore.

68

Il ruolo fondamentale dei genitori

Uno degli errori fondamentali e comuni da evitare è quello di delegare la comunicazione e l'apprendimento dei bambini agli insegnanti oppure a TV e social media. Serve una doverosa premessa: i bambini cresceranno sempre con infiniti input esterni provenienti dall'ambienti che frequentano fuori da casa (asilo, scuola, etc) e da mezzi di comunicazione moderni come la televisione e i social media, questo è inevitabile. Tuttavia, questo detto, bisogna sempre ricordare che i genitori sono e rimangono sempre la bussola per la crescita e l'apprendimento del bambino. Il compito è quello di vidimare, correggere e tenere sotto controllo tutti gli input del mondo esterno, aggiungendo ovviamente i propri. Se la scuola, gli insegnanti, gli altri bambini e i social media sono delle luci, i genitori sono e rimangono il faro.

78
Guarda il video
88
Consigli
Non dimenticare mai:
  • Valutiamo la possibilità di un aiuto psicologico, se necessario
  • Non "deleghiamo" la comunicazione alla TV o ai social
  • Lasciamo loro spazio e possibilità di esprimersi
  • Non diamo per scontato il significato dei loro gesti
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come insegnare al bambino a parlare bene

Per i figli imparare a parlare bene è una delle prime tappe cruciali della loro vita, così come lo è, ad esempio, imparare a camminare. Questa prima grande conquista del bambino ha bisogno però di tanta costanza e pazienza da parte dei genitori, senza...
Bambino

Come ottenere l’attenzione di un bambino

Il dialogo fra adulti e bambini avviene secondo modalità diverse dal dialogo fra soli adulti. Infatti fra grandi e piccoli esiste una forte discrepanza di lingua, di conoscenza del mondo e di aspettative. Per superare gli ostacoli nell'interazione, è...
Bambino

Come insegnare a parlare ad un bambino

Lo sviluppo del linguaggio è un aspetto molto rilevante nella crescita di un bambino. Ogni genitore si chiede quando e come insegnare a parlare al proprio bimbo. La comunicazione verbale, infatti, facilita la vita di relazione ed una crescita armoniosa....
Bambino

Come incoraggiare un bambino con un ritardo del linguaggio

L'enorme importanza del linguaggio nei rapporti umani, può portarci a credere che il suo sviluppo sia totalmente a carico di fattori biologici. In realtà, la capacità di esprimersi e la sua naturale evoluzione, è spesso soggetta a notevoli variazioni...
Bambino

10 modi per consolare un bambino che piange

Il bambino, in genere, non conosce molti mezzi espressivi, specialmente se neonato e incapace di comunicare a parole. Pertanto, un veicolo di comunicazione efficace è rappresentato dal pianto, con cui il bambino tenta di far comprendere i propri bisogni,...
Bambino

Come insegnare ad un bambino a soffiare il naso

Soffiarsi il naso è sicuramente una di quelle azioni così semplici da compiere che, in un adulto, diventano tanto automatiche da venire svolte senza pensarci su. Le cose non sono però altrettanto facili se la stessa operazione viene eseguita da un...
Bambino

Come gestire un bambino che piange dal dottore

Lattanti e bambini più o meno grandi possono piangere per svariati motivi. Il pianto, infatti, è uno dei primi mezzi di comunicazione che un bambino adotta per comunicare con il mondo circostante. I bambini, soprattutto i più piccoli, sanno bene, infatti,...
Bambino

5 cose che un bambino di un anno inizia a fare

Crescere un bambino è sempre piacevole e appagante, tuttavia il periodo intorno ai dodici mesi è uno di quelli più teneri ed esaltanti per un genitore. Infatti, proprio adesso il bimbo impara tante cose che lo rendono sempre meno un neonato. Comincia...