Imparare a camminare con le bretelle

Tramite: O2O 05/08/2018
Difficoltà: media
16
Introduzione

Generalmente la maggior parte dei bambini inizia a camminare tra i 10 e i 15 mesi, salvo eccezioni che possono vedere alcuni bambini camminare anche a 17 mesi e che non devono assolutamente provocare preoccupazioni nei genitori. Solitamente la fase iniziale vede il bambino gattonare, cioè muoversi autonomamente - ma sempre sotto la supervisione dei genitori - a quattro zampe, oppure trascinare il sedere a terra spostandosi con le mani, saltellare da seduto o in ginocchio, per passare poi agli spostamenti incerti sorretti dall'adulto o reggendosi a sedie o mobili. Queste sono tutte fasi molto importanti e necessarie per arrivare alla definitiva posizione eretta e alla camminata autonoma. Spesso per favorire la maggiore acquisizione di indipendenza e di autonomia i genitori preferiscono ricorrere a delle modalità che permettono ai bambini di provare a camminare in modo sicuro e autonomo. Un esempio può essere il controverso girello, sul cui utilizzo però alcuni pediatri non si trovano d'accordo, oppure le bretelle che prevedono un minore sforzo da parte dei genitori, ma garantiscono sempre il controllo del bambino. In questa guida vedremo, dunque, come imparare a camminare con le bretelle.

26

L'importanza del gattonamento

Lo sviluppo armonico del bambino passa attraverso una tappa importante: il gattonamento. Questa è la fase preliminare, che può iniziare già intorno ai 7 mesi, in quanto è quella in cui riesce finalmente a muoversi da solo e ciò è tanto più evidente in quanto se si osserva un bambino che comincia a gattonare si vedrà che guadagnerà sempre più fiducia in sé stesso e sempre maggiore autonomia un giorno dopo l'altro. Tale fase, infatti, gli permette di fare esperienza, lo aiuta a capire quali sono i possibili ostacoli del suo percorso da superare o aggirare acquisendo così maggiore sicurezza. Sperimentare pericoli (sempre sotto il controllo dei genitori o delle maestre, naturalmente!) e prendere "le misure" ad eventuali sbarramenti, sviluppare coscienza delle distanze da adottare e prendere qualche "delusione", laddove si ha la coscienza di ciò che non si può fare e di dove non si può arrivare, favorisce l'acquisizione della sicurezza e stimola le sue abilità.

36

L'utilità delle bretelle

Chiarita l'importanza della sperimentazione propedeutica del gattonamento alla camminata, si può facilmente evincere che qualsiasi "tutore" che gli impedisca materialmente di sbagliare, gli sottrae le opportunità di apprendimento, in altre parole è controproducente esattamente come lo è il forzarlo ad alzarsi e a muovere i primi passi quando il bambino non si sente ancora pronto e sicuro. Al gattonamento, infatti, segue necessariamente la fase in cui il bambino cerca di restare eretto mantenendosi ovunque, ma questa fase arriva presto o radi a seconda della predisposizione del bambino e non deve essere forzata. Spesso i genitori sorreggono il bambino, lo supportano reggendolo per le mani e tutto ciò è positivo soltanto laddove sia stato il bambino a sollevarsi autonomamente, poiché forzarlo a stare in piedi quando ancora non è pronto potrebbe soltanto affaticare e sovraccaricare i muscoli delle sue gambe e della schiena. L'uso, al momento opportuno, delle bretelle va a costituire quasi un prolungamento dell'aiuto fornito dall'adulto. Le bretelle si fanno indossare al bambino e il genitore mantiene la parte rinforzata posta dietro le spalle del bimbo, consentendo la massima libertà al bambino ed anche alla "schiena" del genitore. Non tutti i bambini sopportano però tale arnese e tra gli esperti troviamo anche chi lo sconsiglia, poiché non permetterebbe uno sviluppo totalmente autonomo del camminare.

Continua la lettura
46

L'introduzione delle bretelle

Le case produttrici invece sostengono l'aspetto della sicurezza delle bretelle, che permettono un buon controllo del bambino, e soprattutto la fiducia che si infonde al bambino stesso che si trova a compiere i suoi primi passi. Ma ogni bimbo ha i suoi tempi di apprendimento ed ogni conquista è un tassello di maturazione se raggiunta da soli. Al bambino non andrebbero mai fatte assumere posizioni o posture in modo passivo che non sappia attivare e mantenere in autonomia. Molti esperti consigliano quindi di utilizzare le bretelle in un momento successivo.

56

Il controllo offerto dalle bretelle

Una volta che il bambino riesce a camminare da solo, possono entrare in funzione le bretelle, molto utili per avere un controllo sull'allontanamento del bimbo rispetto al genitore, soprattutto in luoghi affollati dove il passeggino crea un ingombro, le bretelle, infatti, aiutano a creare un collegamento di sicurezza tra mamma e bimbo. La mamma riesce a tenere sotto controllo il proprio piccolo senza togliergli la libertà di camminare e di esplorare, permettendogli così di soddisfare la propria curiosità di scoperta senza rischi.

66
Consigli
Non dimenticare mai:
  • Valutare con il medico se utilizzare le bretelle
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come stimolare un bambino a camminare

Quando un bambino inizia a camminare? Senza dubbio quando glielo consentono le strutture ossee e muscolari ma anche quando tutte le funzioni neurologiche che permettono la marcia sono appropriatamente mature. Un altro aiuto fondamentale, quando il bambino...
Bambino

Come aiutare un bambino a imparare a parlare

Il linguaggio è il modo di comunicazione più normale e comune. L'uso delle parole è, da sempre, il modo più diretto per interagire con gli altri. I bambini, nei primi anni di vita, spesso sopperiscono a questa incapacità utilizzando metodi alternativi,...
Bambino

BIcicletta senza rotelle: come imparare

Andare in bicicletta è sicuramente una delle esperienze che ci dona una sensazione di libertà in modo semplice, non dispendioso e sempre nel rispetto della natura. Chi non ricorda la sua prima biciclettina con le altrettanto utilissime, ma odiatissime,...
Bambino

Come insegnare al bambino a parlare bene

Per i figli imparare a parlare bene è una delle prime tappe cruciali della loro vita, così come lo è, ad esempio, imparare a camminare. Questa prima grande conquista del bambino ha bisogno però di tanta costanza e pazienza da parte dei genitori, senza...
Bambino

Come educare un bambino sin da piccolo

Quando si diventa genitori, si hanno delle grandi responsabilità si perché bisognerà essere sempre in grado di proteggere e curare il proprio figlio e sia perché bisognerà educarlo correttamente. Purtroppo non esiste un vero e proprio manuale che...
Bambino

Come muoversi con una coppia di gemelli

Come voi lettori e lettrici sicuramente potrete concordare, diventare una mamma è un'emozione che difficilmente si riesce ad esprimere appieno a parole. Sicuramente è un qualcosa di unico, di inimitabile, di stupendo. Quando, poi, è in arrivo la nascita...
Bambino

Sport per bambini: ginnastica artistica

Lo sport è un’attività fondamentale per far crescere i bambini sani e forti. Abituarli fin da piccoli a svolgere esercizi fisici, consente a migliorare il loro sistema immunitario, sviluppare in modo corretto l’apparato osseo, controllare il peso,...
Bambino

Come stimolare la masticazione del neonato

Lo svezzamento di un bambino consiste nell'integrazione di cibi solidi e semisolidi all’alimentazione di un neonato che fino a quel momento era nutrito con solo latte. Rispetto ai tempi passati, l'ordine di introduzione degli alimenti non riveste più...