Il linguaggio dei segni con i bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Prima che i bambini imparino a parlare, dai 18 ai 24 mesi se si escludono le prime vocalizzazioni e le associazioni consonante-vocale, è possibile comunicare con loro tramite un linguaggio dei segni di cui negli Stati Uniti sin dagli anni Ottanta si cominciò a intuire l'utilità e le potenzialità, anche in termini di scambio reciproco tra genitore e figlio in un periodo delicato come quello neonatale e infantile.
In effetti, se è vero che che i bambini indicano con forza (ad esempio, attraverso il pianto) il loro desiderio di comunicare, l'incapacità da parte del genitore di comprendere immediatamente i loro bisogni (al pianto si possono associare stanchezza, fame, freddo e altre cause) genera incomprensione e frustrazioni. L'intesa raggiunta attraverso la comprensione non solo evita strani capricci ma rafforza il legame.
Il linguaggio dei segni con i bambini in questo senso costruisce un ponte valido fino a quando il bambino non avrà imparato a parlare.

24

Il mangiare

I bambini amano imitare, e hanno un bisogno primario: mangiare. Uno dei primi gesti da insegnare al proprio bambino è quello di avvicinare le dita alla bocca, a indicare lo stimolo della fame. Gli studiosi suggeriscono, per tutti i segni, di utilizzare la parola associata al gesto in maniera costante, ogni volta che si verifica il bisogno, di modo che il bambino dopo un po' riesca a capire il legame tra il gesto e l'azione. Dopo averlo fatto per diverso tempo, incoraggiate il bambino a "parlare con il segno", imitandovi.

34

Il messaggio

Un'altra delle espressioni che spesso si usano spesso con i bambini è: "Finito, non ce n'è più". Questo messaggio può essere reso con un gesto semplice, muovendo entrambe le mani vuote avanti e indietro (in direzione del bambino e ritirandole) o mostrandole nell'atto di capovolgerle, dall'alto verso il basso e viceversa. Per il bambino il meccanismo della ripetizione è il primo metodo di apprendimento.

Continua la lettura
44

La voce

Associare la parola, pronunciata ad alta voce, al gesto permette di abituare il bambino allo sforzo necessario per acquisire le abilità verbali che di lì a poco si svilupperanno.
Di là dai numerosi segni, è bene sapere che insegnare a un bambino il linguaggio dei segni, sperimentando un modello di comunicazione, è un procedimento che richiede pazienza e coerenza. In genere i bambini iniziano a comprendere i segni intorno ai 6 mesi, e solo verso i 10 mesi cominciano a produrre segni in maniera autonoma. Il passaggio cruciale è quello del riconoscimento: il bambino deve riconoscere il gesto prima di farlo proprio.
.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come capire il tuo bambino dal linguaggio del corpo

Sin dalla più tenera età, i bambini cercano di comunicare ed interagire con il mondo esterno. Per farlo impiegano tutti i modi che sono a loro disposizione. Non hanno ovviamente la possibilità di parlare, ma attraverso versi, gesti ed atteggiamenti...
Bambino

Come incoraggiare un bambino con un ritardo del linguaggio

L'enorme importanza del linguaggio nei rapporti umani, può portarci a credere che il suo sviluppo sia totalmente a carico di fattori biologici. In realtà, la capacità di esprimersi e la sua naturale evoluzione, è spesso soggetta a notevoli variazioni...
Bambino

10 consigli per stimolare il linguaggio del bambino

La capacità comunicativa verbale dei bambini comincia a prendere forma già nei primi mesi di vita con il pianto, ma è solo tra i 12 ed i 18 mesi che i piccoli cominciano ad articolare le prime frasi composte. Ogni bambino ha i suoi tempi, anche se...
Bambino

Problemi del linguaggio: come affrontarli

Cedere subito all'ansia ed andare in allarme quando il proprio bambino inizia a mostrare delle difficoltà di linguaggio, non sembra essere una buona reazione al verificarsi di una situazione inattesa. Ovviamente come è risaputo ogni individuo, bambino...
Bambino

Come curare i disturbi del linguaggio del bambino

Si sa, tutti i bambini che cominciano a pronunciare le loro prime parole incorrono, molto spesso, in "Inceppi", o addirittura al salto di alcune vocali o consonanti. Molti sono i disturbi del linguaggio, come per esempio: 1) il non saper pronunciare alcune...
Bambino

Come aiutare un bambino con difficoltà di linguaggio

Lo sviluppo del linguaggio avviene in tempi diversi. Il bambino apprende le parole più elementari dai genitori, dai fratellini o dalle sorelline. I fattori biologici ed ambientali contribuiscono ad accrescere il suo vocabolario. Tuttavia, si possono...
Bambino

Come riconoscere i segni del disagio nel neonato

Con il passare dei mesi il bambino cresce e cambia modo di esprimersi, infatti oltre al pianto inserisce dei piccoli gesti, delle espressioni del viso e anche una postura del corpo che, associati ai diversi tipi di pianto, ci fanno capire i suoi bisogni...
Bambino

Bambini: l'importanza dell'ascolto

Un bambino appena nato ovviamente non conosce il linguaggio per comunicare, bensì si limita ad emettere dei suoni che comunque hanno un significato ben preciso. L'unico modo in cui i neonati possono apprendere il linguaggio è attraverso l'ascolto, per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.