I migliori sport per bambini insicuri

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se il vostro bambino è un po' insicuro, uno degli ambienti migliori per combattere timidezze e paure è quello sportivo. Lo sport aiuta il piccolo a relazionarsi con gli altri, ad affrontare ciò che teme e a guadagnare fiducia in se stesso; per questo tra tutti gli sport presenti si suggeriscono gli sport di squadra o di contatto, magari all'inizio in un gruppo con un numero ridotto di bambini e all'interno della propria scuola, o comunque, di un ambiente conosciuto, e con bambini più piccoli (possibilmente), in modo che possa sentirsi già sicuro fin dai primi giorni.
Il calcio, il ciclismo, la pallavolo, il basket o anche le arti marziali, possono davvero aiutare molto voi e il vostro bambino. Però molti sport di squadra partono dagli otto anni di età, e prima andrebbero scelti sport diversi come il nuoto o la danza che sono più adatti ai piccoli, ma questi non aiutano un bambino insicuro. Aspettate la giusta età e necessariamente chiedete consiglio al vostro pediatra, che saprà consigliarvi in merito allo sport da fargli praticare.

26

Boy Scout

Facendo il Boy Scout insieme ad altri bambini tuo figlio imparerà a stare in compagnia e allo stesso tempo a rendersi utile. Lo scoutismo li fa crescere divertendosi con giochi sempre diversi che ogni volta gli insegneranno qualcosa di nuovo e originale. Questo sport aiuterà l'insicurezza del tuo bambino perché lo renderà sicuro di quello che fa, sarà consapevole (dati gli insegnamenti appresi al campo), di poter gestire determinate situazioni in autonomia e sarà più preparato ad affrontare la vita in più occasioni, e soprattutto il fatto di essere in un gruppo di ragazzi lo renderà più propenso ad essere socievole e meno timido.

36

Ciclismo

Andare in bicicletta di solito si impara al parco, in giardino o davanti casa propria insieme a mamma e papà, e da quel momento in poi può essere un modo piacevole per trascorrere una giornata tutti insieme divertendosi e facendo sport. In realtà come sport vero e proprio inizia verso i 4 anni, che è il momento in cui vengono tolte le rotelle posteriori, perché per definirsi tale richiede una pratica costante e riuscire a prefissarsi obbiettivi da raggiungere. Questo sport è molto adatto per i bambini un po' insicuri perché stimola l'autostima, la libertà, fa accrescere l'autonomia, l'equilibrio e la capacità di risolvere situazioni del tutto nuove; per esempio, come deve fare per evitare di cadere.

Continua la lettura
46

Calcio e Calcetto

Il calcio e il calcetto si intraprendono verso i 7-8 anni. Come tutti gli sport di squadra, prima, il bambino è troppo piccolo per capire le regole del gioco, infatti ciò che si pratica prima di quest'età viene chiamato "minicalcio". Questo sport migliora la capacità respiratoria e favorisce lo sviluppo dello spirito di squadra perché insegna a mettere da parte l'egoismo e a lavorare per il bene del gruppo; migliora poi precisione e abilità. E’ molto coinvolgente anche per la grande partecipazione di pubblico nei confronti di questa disciplina che aiuterà senz'altro vostro figlio a sentirsi più a suo agio in mezzo ad una folla, grande o piccola che sia.

56

Judo e Karate

Questi due sport sono entrambi arti marziali, che possono essere intraprese non prima dei 7 - 8 anni perché richiedono abilità che al di sotto di una certa età sono poco sviluppate. Sono utili ai bambini più timidi e insicuri perché infondono fiducia nelle proprie capacità e, attraverso l’apprendimento di certe posture insegnate, il bambino acquisisce la conoscenza, la consapevolezza e il controllo del suo corpo, cose che con il tempo lo aiuteranno a relazionarsi con gli altri e a star bene con se stesso.

66

Basket e Pallavolo

Entrambi sono sport di situazione come il calcio, e per questo motivo si possono cominciare anche questi verso i 7 - 8 anni purché si tratti di corsi specifici per bambini. Non prima, perché proprio come con il karate e il judo, non è facile apprendere il gesto atletico specifico, inoltre non ha ancora sviluppato la coordinazione e le capacità condizionali necessarie. Questi due, essendo sport di squadra, molto atletici e impegnativi, stimolano lo spirito di gruppo e sviluppano precisione e abilità.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come rispondere alle sfide dei bambini

Incentivare l'autonomia del bambino è molto importante per accrescere la fiducia in sé stesso e il suo spirito d' iniziativa: ciononostante il compito di ogni bravo genitore è prima di tutto quello di dare al proprio figlio un insieme di norme e di...
Bambino

Come motivare bambini nello sport

Lo sport è di fondamentale importanza per la salute di un individuo, soprattutto se viene praticato in tenera età; i bambini infatti, iniziando da piccoli ad allenarsi, irrobustiscono i loro muscoli e riescono a mantenere lo sforzo fisico, poiché riescono...
Parto

Come affrontare la nascita del secondo figlio

Scoprirsi in attesa del secondogenito può essere un evento programmato o del tutto inaspettato, ma di certo non è meno emozionante della prima gravidanza. Alla stessa maniera, però, questo avvenimento può essere accompagnato da paure e tensioni, vissute...
Bambino

Come gestire le paure dei bambini

Tutti i bambini hanno paura, si sa. Questo perché non conoscono ancora bene tutte le cose che popolano il mondo. Non sanno che la pioggia è un fenomeno naturale, come i lampi e i fulmini, non sanno che il buio è solo l'assenza di luce e danno un volto...
Famiglia

10 regole per una madre single

Nel periodo in cui viviamo, per vari motivi, essere una madre è piuttosto difficile. Il discorso diventa ancora più complesso se ci riferiamo alle madri che, per un motivo o per un altro (il mancato riconoscimento del bambino da parte del padre, la...
Bambino

10 regole per educare i bambini

Educare i bambini non è mai un compito facile. I neogenitori si ritrovano a fare i conti con un bambino che cresce e ha bisogno di una guida. I figli necessitano anche di alcune attenzioni che li facciano crescere bene. In particolare ci sono delle regole...
Bambino

Come rassicurare un bambino insicuro

Lo sviluppo della personalità e del carattere è una delle fasi centrali nella crescita del bambino: sin dalle prime esperienze, come l'asilo nido e la scuola materna (fino ad arrivare alle elementari), infatti, il piccolo deve fare i conti con il mondo...
Bambino

Arti marziali per bambini: consigli per iniziare

Le arti marziali sono un antico metodo di addestramento del corpo, della mente e dello spirito, originario della Cina. Coloro che praticano le arti marziali cercano tuttavia di vivere sempre in armonia con sé stessi e con gli altri, ma al contempo anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.