Giochi e passatempi di una volta

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Una cosa è certa, una volta si trascorreva molto più tempo in compagnia rispetto ai tempi d'oggi, in quanto, quando si giocava, non si stava nascosti dietro al monitor di un pc. Ma si giocava fuori, all'aria aperta, con tante persone, favorendo la socializzazione e lo scambio culturale. I passatempi erano diversi, sia per gli adulti che per i bambini: ci si riuniva nei cortili delle case, o in strada, dove macchine non ne passavano, e si giocava con materiali poveri, come i semi di una frutta, la carta da gettare, le figurine e così via. I nostri nonni giocavano a bocce, oppure con lo “Strummolo”, uno strumento tipico da gioco, di origine napoletana, ormai caduto in disuso. La maggior parte dei giochi, oltre a favorire la socializzazione, consentiva di stare sempre in movimento, quindi di mantenere un'ottima forma e un buono stato di salute psico fisica. In questa guida vedremo nel dettaglio i vari giochi e passatempi di una volta, che potrete anche riproporre ai vostri figli o ai vostri amici.

26

Occorrente

  • Carte, noccioli di albicocche, gessetti, voglia di stare insieme.
36

Partiamo proprio dai giochi per i bambini. Quelli che venivano maggiormente praticati quando eravamo piccoli erano tanti, così come tante erano le gioie condivise con altri bambini, ed erano rappresentati principalmente dai giochi di compagnia. L'esempio più classico è il nascondino, gioco che, per fortuna, viene praticato ancora oggi, in cui un bambino contava fino a dieci e gli altri bambini si nascondevano non facendosi trovare e, successivamente, facendo tana. Chi faceva tana per ultimo, o veniva scoperto nel suo nascondiglio, doveva mettersi con il viso verso muro e ricontare fino a quando i giocatori si nascondevano nuovamente, e così via per ore e ore.

46

Per quanto riguarda le femminucce, ricordiamo tutti il gioco con le bambole, specialmente quelle di pezza, molto semplici, ma ottime compagne di avventure. Era talmente affascinante giocare, che le bambine facevano a gara per chi riuscisse a fare di meglio con le pettinature ai teneri capelli di lana, oppure con i vestitini più belli ed eleganti. Un altro gioco che veniva praticato molto spesso dai bambini era il gioco della campana. Questo veniva praticato disegnando dei quadrati per terra col gessetto bianco, numerandoli da uno a dodici. Subito dopo uno dei giocatori, fornendosi di una pietra, la lanciava su un quadrato numerato e lì ci doveva arrivare saltellando su una gamba e, una volta recuperata la pietra, doveva poi tornare indietro per rigiocare simpaticamente insieme a tutti gli altri amici.

Continua la lettura
56

Non dimentichiamo, però, il gioco della trottola, oggetto che, una volta, possedevano quasi tutti e che permetteva di fare diversi tornei determinando degli abili vincitori.
Anche gli adulti, comunque, si sfidavano in giochi entusiasmanti, utilizzando oggetti semplici, come le sfide a noccioli di albicocche, nel classico gioco in cui si facevano saltare i 5 noccioli sul dorso della mano per poi riacchiapparli con il palmo. Ancora, si sfidavano a carte, l'unico gioco ancora oggi molto usato dagli anziani e non solo, infatti si possono ancora vedere fuori dai bar gruppi di anziani che si sfidano a Briscola, oppure a Stoppa, un altro gioco vecchio in cui chi perdeva pagava da bere al vincitore. Proviamo solo ad immaginare come si ritornava a casa la sera! I giochi con le carte oggi sono sostituiti da simili partite da effettuare al pc oppure on line: la differenza sta proprio nel fatto che prima si giocava in compagnia, mentre ora si è soli davanti a uno schermo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' bello riproporre questi giochi ai propri figli, oppure organizzare una serata con gli amici, ricordando i tempi passati.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come gestire la noia dei bambini

Con l'avvicinarsi delle giornate fredde e piovose, si riduce le possibilità di fare svagare i propri bambini all'aria aperta, nelle loro ore libere dagli impegni scolastici. Tuttavia, quando i piccoli sono a casa e si sono esaurite tutte le possibilità...
Bambino

10 idee per giocare a casa se piove

Quanto è bello alzarsi la domenica mattina, guardare fuori dalla finestra e trovarsi dinanzi un cielo azzurro, un sole splendente e un caldo primaverile? Allora si che ti passano per la testa migliaia di attività per trascorrere la giornata all'aria...
Bambino

Come far viaggiare i bambini in auto

Andare in vacanza è bello, piace a tutti, specie i bambini, ma quello che davvero non piace e che il più delle volte si rivela lungo e noioso è il viaggio. Portare i bambini in auto è sempre una tragedia, e per molti genitori è la parte più difficile...
Bambino

5 giochi fare ad una festa per bambini

Molto spesso è sufficiente che i bambini stiano insieme per divertirsi, giocare ed inventare passatempi. Però, perché perdere l'occasione di organizzare per loro qualche gioco speciale che può essere fatto con la partecipazione di più bambini. In...
Bambino

Come narrare le fiabe ai bambini

Le fiabe rappresentano sicuramente uno dei passatempi preferiti dai bambini. Narrarle però non è sempre così facile in quanto bisogna cercare di attirare l'attenzione e coinvolgere il più possibile chi ascolta. Nella seguente guida pertanto verrà...
Bambino

Come intrattenere un neonato

Quando nasce un bambino porta tanta gioia nella sua famiglia: ogni nascita viene salutata con entusiasmo ed allegria, e di solito genitori, parenti ed amici acquistano giocattoli e pupazzi per il nuovo nato. Potrebbe sembrare prematuro, invece è importante...
Bambino

Come intrattenere i bambini al ristorante

Una bella cena o un pranzo in ristorante possono trasformarsi in un incubo qualora non ci si prepari a gestire il comportamento dei nostri figli più piccoli. Potrebbero annoiarsi nell'attesa delle portate, fare capricci, disturbare gli altri clienti,...
Bambino

Come divertirsi quando piove

Giocare e muoversi all'aria aperta, soprattutto in compagnia, è senza dubbio ricreativo e stimolante oltre che salutare. In caso di pioggia, tuttavia, dobbiamo trovare validi passatempi alternativi da praticare standocene comodamente (e all'asciutto)...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.