Gesti del neonato: come interpretarli

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I neonati, essendo particolarmente fragili, hanno bisogno di molte cure e attenzioni. Allo stesso tempo, hanno la capacità di riuscire a dare enormi motivi di orgoglio e felicità nel cuore dei genitori. Basta solo saperli capire. Appena nascono, è particolarmente difficile riuscire a interpretare i gesti dei bambini. Anche perché ognuno ha un carattere e delle esigenze diverse. Ma ci sono alcuni segnali che hanno un valore universalE. Questa guida, si occuperà proprio di spiegare, in pochi passi, quali possono essere i gesti del neonato e come si può riuscire a interpretarli.
Naturalmente il neonato non riesce ad esprimersi come vorrebbe. Ma un codice che spieghi esattamente quello di cui ha bisogno non esiste. Tuttavia con l'esperienza si possono ricondurre i loro gesti o delle semplici smorfie a determinati significati. Questa guida si occuperà proprio dei gesti del neonato: come interpretarli.

25

Disagio o curiosita

Sono molte le situazioni di disagio che un bimbo può soffrire. Nel momento in cui il bambino dovesse fare un lieve grugnito, per esempio, nella maggior parte dei casi si trova in una situazione di disagio. Per poter riuscire a calmare questi dolorini, si può cercare di strofinare il suo ventre delicatamente con una mano. Tenete presente che i bambini tendono istintivamente a distorcere i lineamenti e a spalancare gli occhi quando si verifica un movimento intestinale dentro di loro. Tutto il contrario si verifica quando il neonato è incuriosito. Se punta lo sguardo intensamente verso un oggetto o una direzione precisa, vuol dire che è affascinato. Soprattutto se avverte un movimento o l'improvvisa sparizione di qualcosa. Quasi tutti tendono a guardare costantemente nella direzione in cui un oggetto scompare, perché si aspettano che questo ritorni da un momento all'altro.

35

Noia o bisogno di coccole

Un altro gesto da saper decodificare, potrebbe essere quell'espressione che i neonati tengono di frequente, con le sopracciglia aggrottate e le labbra imbronciate. Nella maggior parte dei casi è dovuta all'interruzione di una stimolazione piacevole del bambino. Per un neonato, stare fermo per molto tempo nello stesso posto, potrebbe essere particolarmente fastidioso. Se è abituato a giocare con gli adulti, si aspetta sempre di essere preso in braccio. Ma, a volte, basta solo cambiare la sua posizione per ristorarlo. Un ottimo modo per calmarlo è anche solo fargli fare un movimento oscillante o a dondolo.
Se invece il comportamento del neonato è ancora più estremo, ossia in caso di pianti continui e urla, in questo caso, il bimbo potrebbe essere semplicemente annoiato. Quindi sarebbe molto utile dedicargli un po' di attenzione. Probabilmente vuole solo un po' di coccole o desidera giocare. Prestate molta attenzione ai suoi pianti, perché se sono più acuti del solito, possono indicare che il pannolino è sporco e quindi potrebbe avere un'irritazione in corso. C'è una leggera differenza tra questo pianto è quello per fame. Di solito, quando i neonati vogliono mangiare infatti hanno un pianto disperato.

Continua la lettura
45

Fame o sonno

Rimangono le due ultime esigenze primarie del neonato. Fame e sonno. C'è molta differenza tra i gesti che le esprimono. Quando un bambino ha fame strilla e spesso fa un movimento smanioso con le mani, come se volesse afferrare qualcosa. Man mano che un neonato cresce, poi, inizia ad aumentare e definire sempre di più i suoi gesti ed i suoni, quindi è sempre più probabile che ci si possa confondere cercando di capire cosa esattamente vuole o non vuole. In caso di sonno infatti un neonato piange esausto, come se non avesse più forza. Si stropiccia gli occhi e tende ad essere preso in braccio allungando le mani verso la mamma. Ma ogni bambino avrà diverse espressioni, legate alle sue abitudini o all'ambiente in cui vive, che definiscono ognuno dei suoi desideri. Se le osservate attentamente, vi diranno proprio ciò che il bimbo vuole esattamente. Ricordiamoci che i suoni, i gesti e le espressioni facciali dei neonati sono comunque diversi da soggetto a soggetto. Spesso solo una madre riconosce i segnali che il suo bimbo le lancia. E si tratta a volte di gesti impercettibili e insignificanti per le altre persone. In questa guida abbiamo elencato solo alcuni esempi generali di come i bambini possono esprimere la loro fame o la loro stanchezza. Ma sta a chi vive con loro saper riconoscere il loro modo di comunicare.
Per andare a concludere questa guida, sarà utile aggiungere un approfondimento specifico su queste tematiche, attraverso degli articoli di pediatri che possano dare delle informazioni dettagliate sull'interpretazione dei gesti dei bambini. Eccovi, a tal proposito, un link utile: http://bambino.donnamoderna.com/neonati-linguaggio/.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come gestire il pianto del neonato

Ogni neonato affinché possa comunicare con l'ambiente esterno e con tutte le persone che lo circondano ricorre al pianto. Quando un bambino piange infatti può avere tanti significati, bisogna perciò imparare ad interpretare e di conseguenza a gestire...
Bambino

Come riconoscere i segni del disagio nel neonato

Con il passare dei mesi il bambino cresce e cambia modo di esprimersi, infatti oltre al pianto inserisce dei piccoli gesti, delle espressioni del viso e anche una postura del corpo che, associati ai diversi tipi di pianto, ci fanno capire i suoi bisogni...
Bambino

Come prendere in braccio un neonato

La nascita di un bambina segna un momento veramente molto importante per la vita di una coppia, ma allo stesso riempie i due genitori di moltissime responsabilità e paure. Tuttavia non esiste nessuna guida che insegni ad essere dei bravi genitori ma...
Bambino

Come comportarsi quando un neonato piange

Piccoli, indifesi e teneramente meravigliosi! Eppure i piccoli appena nati non sono solamente dei teneri "cuccioli" d'uomo da vezzeggiare, ma hanno specifiche necessità che vanno rispettate. Il pianto nei neonati è il primissimo contatto utilizzato...
Bambino

Come intrattenere un neonato

La nascita di un bambino porta tanta gioia nella sua famiglia. Ogni neonato viene accolto con entusiasmo ed allegria. Per l'occasione, di solito i genitori, parenti ed amici acquistano giocattoli e pupazzi per il nuovo nato. Potrebbe sembrare prematuro,...
Bambino

Lo sviluppo del neonato nel sesto mese di vita

Contrariamente a quanto si possa pensare, un neonato non è affatto un piccolo essere privo di capacità e competenze. In realtà, il neonato è un essere che impara davvero molto in fretta e che compie grandissimi progressi in un breve e limitato arco...
Bambino

Come fare un album del primo anno del neonato

La nascita di un bambino rappresenta un magnifico sconvolgimento nella vita di una coppia. Anche se non è il primo figlio, ogni bimbo è unico e irripetibile. Ogni progresso e ogni sorriso rimane impresso nella mente dei genitori. La crescita del primo...
Bambino

Come stimolare un neonato pigro

L'allattamento al seno di un piccolo neonato è, di certo, una bellissima esperienza per una giovane mamma. Allattare un bambino è una perfetta occasione di intesa, magica ed irripetibile, tra il neonato e la sua preziosa mamma. Alcuni neonati, però,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.