Esposizione mediatica dei bambini: guida alla legge in vigore

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I media al giorno d'oggi, servono sicuramente a tenere informati su ciò che accade nel mondo, sui fatti di cronaca, sui fatti di politica e su tutto ciò che può o potrebbe succedere. L'esposizione mediatica però, non è di certo vantaggiosa per i piccoli, perché spesso, è in grado di sviarli completamente e di farli crescere in maniera sbagliata. I media possono catturare l'attenzione dei bambini, trascinandoli completamente e portandoli in uno stato mentale non proprio ottimale. I bambini infatti entrano in trance a causa delle luci che si spengono e si accendono dalla tv, ma nello stesso tempo anche se vengono eccitati dalle immagini, il loro cervello si distacca completamente dal resto delle cose. Di seguito troverete la guida alla legge in vigore, legata all'esposizione mediatica dei piccoli.

27

Occorrente

  • Legge del 6 agosto 1990 n. 223/90
  • Orari specifici delle programmazioni per i minori
  • Programmi adeguati all'educazione dei bambini
37

Capire i principi della legge

Secondo la legge del 6 agosto 1990 n. 223/90, esistono dei parametri e dei principi di legge legati alla visione dei contenuti mediatici da parte dei bambini che hanno un'età compresa da 0 a 14 anni. Il linea generale, la legge è riferita a chi deve trasmettere i contenuti verso i minori. È importante che ogni singola impresa televisiva tenga conto sempre del continuo miglioramento di ogni contenuto mediatico da diffondere prima di esporlo ai minori. La legge in vigore, tiene conto anche delle capacità di ogni singolo genitore di far visionare ai minori contenuti di qualità piuttosto che una quantità inutile di programmazioni futili e spesso dannose.

47

Adattare la legge all'educazione scolastica

La legge in vigore, deve necessariamente essere strettamente correlata all'educazione scolastica. Un minore deve essere informato da esperti del settore su quale sia la corretta alfabetizzazione mediatica e a quali possano essere i contenuti più adatti e più consoni per una crescita sana e con uno scopo educativo esemplare. Un minore deve secondo la legge in vigore, sempre essere in grado di visionare contenuti in grado di prepararlo ad eventuali situazioni di disagio. La legge in vigore inoltre, prevede che ogni impresa televisiva che sviluppa dei programmi per i minori, tenga conto della sensibilizzazione del pubblico, esponendo nei programmi mediatici, problemi legati alla disabilità, ai disagi di tipo psichico ma anche motorio, per considerare anche i minori che vivono realmente tali condizioni.

Continua la lettura
57

Tenere conto della programmazione televisiva

Le imprese che intendono progettare, programmare e trasmettere un programma o un contenuto televisivo mediatico ai minori, secondo la legge in vigore, devono anche aver presenti gli orari di programmazione fissati dalla legge dedicati ai bambini. Solitamente la programmazione per i minori, deve avvenire dalle 7:00 alle 22:30 tenendo conto delle varie fasce d'età e del fondamentale ruolo educativo che i media devono avere verso i minori e di segnalare se è necessaria o meno, la presenza di un adulto per la visione del programma.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' importante sempre stare attenti al contenuto che visionano i bambini e se è necessaria la presenza di un adulto.
  • E' fondamentale tenere conto delle fasce orarie in cui vengono trasmessi i programmi, per verificare se rispettano le richieste di legge.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Guida alla comprensione delle prime parole dei bambini

I bambini iniziano a parlare non appena cominciano a comprendere il significato delle parole. Secondo una ricerca approfondita svolta da esperti scientifici nell'University of PennsyIvania (università situata a Philadelphia) la comprensione delle parole...
Bambino

Guida alle attività e agli spazi per bambini a Bari

Nella guida che seguirà andremo idealmente in Puglia, nel suo capoluogo: Bari. Come abbiamo indicato nel titolo, ci concentreremo nel creare una guida che si occupi di collegarsi alle attività e agli spazi per i bambini presenti in questa bellissima...
Bambino

Guida ai giochi da fare in campeggio con i bambini

Il camping è una delle esperienze più emozionanti per i bambini. Si posso fare iniziative in tenda, camper o bungalow e sopratutto vivere qualche giorno all'aperto. Oltre a questo si riesce anche ad impegnarsi ed ingegnarsi per risolvere piccoli imprevisti...
Bambino

Guida all'importanza delle favole per i bambini

"C'era una volta... Una mamma che leggeva una favola al suo bambino prima di dormire".E sì, questa sembra ormai davvero una favola, un'abitudine persa, un dolce ricordo d'infanzia e niente di più. Oggi siamo abituati a correre sempre, non c'è più...
Bambino

Bambini: guida alle strategie per farli dormire serenamente

Se anche voi avete problemi per far addormentare i vostri figli, e quando ci riuscite il loro sonno è irrequieto e si svegliano spesso, questa guida fa al caso vostro. Il sonno è molto importante, specie nei bambini. Il sonno irrequieto può essere...
Bambino

Guida alle attività e agli spazi per bambini a Milano

Milano, dopo Roma, è la seconda città italiana per numero di abitanti nonché considerata la vera e propria capitale economica del paese. Sul terriotorio della città meneghina, infatti, sono presenti moltissime aziende che operano in svariati settori,...
Bambino

Guida alle attività e agli spazi per bambini a Napoli

Pur tra mille difficoltà, legate principalmente alla scarsità di risorse nelle casse comunali, Napoli è una tra le città in Italia che presta maggiore attenzione all'infanzia. Decine di cooperative gestiscono e promuovono iniziative dedicate ai bambini,...
Bambino

Guida ai caschi da bici per bambini

Indossare il casco è obbligatorio per tutti i conducenti e i passeggeri di motocicli, qualsiasi sia la loro cilindrata, mentre non lo è affatto per coloro che vanno in bicicletta. Tuttavia, anche quando si circola in bicicletta è buona regola indossare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.