Dormire: il metodo Sears

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Per molti genitori far dormire il proprio bambino è un'impresa difficilissima, soprattutto se piccolini. È successo lo stesso anche a William Sears, pediatra americano. Trovando difficoltà a far addormentare uno dei suoi otto figli, il medico ha elaborato la teoria del co-sleeping meglio conosciuto come metodo Sears. Co-sleeping significa "dormire insieme" e proprio in questo consiste il metodo Sears, nel far addormentare il bimbo insieme con i genitori affinché adatti il proprio ritmo del riposo a quello dei genitori. Il bambino infatti si sentirà rassicurato dalla presenza dei genitori e il suo sonno sarà più sereno e arriverà più facilmente. Nella guida che segue potrete leggere quindi qualche approfondimento riguardante il metodo Sears, che permetterà ai vostri figli di dormire in maniera più tempestiva e tranquilla.

24

Metodo Sears: pro e contro

Nel dettaglio quando si parla di metodo Sears o co-sleeping, si intende la pratica di far dormire il proprio bimbo nel lettone dei genitori. Questo metodo va sempre più diffondendosi nei paesi occidentali perché i bambini sembrano addormentarsi con minore difficoltà e le mamme sono facilitate nei risvegli per l'allattamento notturno. Nonostante i benefici del metodo Sears, non tutti i genitori e specialisti del settore si trovano concordi con questa metodologia. La prima obiezione che viene mossa è il pericolo che il bimbo sviluppi un eccessivo senso di attaccamento verso i genitori che impedirebbe i suoi normali progressi verso l'autonomia e l'affrancamento dai genitori. Altra obiezione è che dormire nel lettone potrebbe essere rischioso per i bambini, in quanto dopo un primo momento di beneficio, durante il sonno i genitori potrebbero avere movimenti bruschi dettati da un sonno profondo e quindi mettere in pericolo il bimbo.

34

Metodo Sears: il pianto del bimbo

Secondo le teorie derivanti da esperti del mondo riguardante la pediatria, quando il bambino non riesce ad addormentarsi e piange per attirare l'attenzione dei genitori, andrebbe ignorato per non favorire tale comportamento. In questo modo il bambino, non ottenendo l'effetto sperato, smetterà di piangere e si addormenterà. Il dottor Sears contesta nettamente tali teorie perché a suo parere ignorare il pianto di un bambino può avere effetti negativi sulla sua autostima. Infatti il bimbo si sentirà incapace di comunicare i propri bisogni al mondo esterno e alla lunga potrebbe chiudersi in sé stesso. Quindi secondo il dottor Sears il pianto di un bambino non va mai ignorato bensì al contrario andrebbe preso in seria considerazione, placandolo con della musica dolce per esempio.

Continua la lettura
44

Favorire l'ambiente prima del sonno

Le teorie del Dott. Sears ma in generale quelle riguardanti il sonno del bambino sono piuttosto controverse. Bisogna anche considerare che ogni bambino è diverso e sta alla saggezza dei genitori e al loro istinto naturale trovare il metodo migliore per il loro piccolo. Ogni genitore conosce segnali empatici che non possono essere riassunti in una teoria. Ogni mamma ed ogni papà per creare l'ambiente ideale e favorire così il sonno notturno, possono applicare infine questi consigli finali: musica classica, farlo giocare così la stanchezza gli favorirà la riuscita del sonno, una lettura a bassa voce di fiabe.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

I principali rituali per la nanna del bebè

I neonati ed i bambini sono molto abitudinari nei loro primi anni di vita, specialmente per quanto riguarda il sonno: molti piccoli hanno bisogno di determinate azioni ripetute, veri e propri rituali per potersi addormentare. Queste azioni devono essere...
Bambino

Come far dormire il bambino nella culla

Quando nasce un figlio, la prima cosa che si prova è un immensa felicità. Felicità che però potrebbe essere ostacolata dalle mille difficoltà che ha ogni genitore, a cominciare dalle notti insonni causate dai pianti del bambino. Per preservare la...
Bambino

Come capire se il bambino dorme tranquillo

Generalmente i bambini, soprattutto se neonati, possono riscontrare qualche problema di sonno. Le motivazioni per cui il bambino non dorme possono essere varie, ma nel caso dei neonati il fatto di svegliarsi ogni 3 o 4 ore si ricollega alla fame. Le ore...
Bambino

Come far addormentare il proprio bimbo

Un bimbo piccolo porta tantissima gioia all'interno di tutta la famiglia. Il piccoletto è bisognoso di tantissime attenzioni e occorre passare le intere giornate a stargli dietro. Ma se dopo una giornata stancante, il bimbo si rifiuta anche di dormire,...
Famiglia

5 errori da non fare al momento della nanna

Tutte i genitori, prima o poi, si trovano, o si sono trovati almeno una volta nella vita, a dover fare i conti con il problema della nanna. Infatti, la speranza di ogni genitore, è che il proprio bimbo una volta addormentatosi, non si risvegli almeno...
Bambino

Bambini: guida alle strategie per farli dormire serenamente

Se anche voi avete problemi per far addormentare i vostri figli, e quando ci riuscite il loro sonno è irrequieto e si svegliano spesso, questa guida fa al caso vostro. Il sonno è molto importante, specie nei bambini. Il sonno irrequieto può essere...
Bambino

Sonno agitato nei bambini: come affrontarlo

In Italia, secondo le stime, circa il 25% dei bambini tra 0 ed 8 anni dorme male oppure non riesce ad addormentarsi: tutto si riversa anche sulla qualità del riposo dei genitori, i quali divengono sempre più nervosi e assonnati. Vi siete mai chiesti...
Bambino

5 modi per far dormire tuo figlio in camera sua

Senza ombra di dubbio, riuscire a  far addormentare un bambino in camera sua, dolcemente, nel suo lettino, non è facile. Effettivamente, questa situazione, può trasformarsi in una vera e propria sfida, in special modo, se tuo figlio è ormai abituato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.