Cosa fare se un neonato batte la testa

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

All'interno di questa specifico articolo, andremo a occuparci di bambini. Più nello specifico, come avrete notato semplicemente leggendovi il titolo che contraddistingue questa guida, ora cercheremo di informarvi su Cosa fare se un neonato batte la testa. È un'eventualità frequente che un bimbo batta la testa, magari per terra, anche se nella maggior parte dei casi, tutto si risolve senza conseguenze negative.
Per quanto può essere traumatico quest'avvenimento, è importante che il genitore, mantenga quanto più possibile la calma, per valutare in modo serio la situazione, e capire allo stesso tempo, se l'incidente avvenuto può essere affrontato con un po' di coccole, oppure occorre per forza ricorrere al medico, in particolare se la situazione sembra essere apparentemente allarmante.
Pertanto ricostruire la dinamica è molto importante per capire, se il piccolo si sia fatto male davvero.
Infatti nel caso il piccolo dovesse battere la fronte, il tutto si può risolvere con un bel bernoccolo, mentre nel caso dovesse battere le parti più delicate della testa, come l'occipite e i lati della testa, diventa alta la possibilità di riscontrare un eventuale ematoma, non solo esternamente ma anche internamente.

26

Occorrente

  • ghiaccio
  • acqua
36

Come abbiamo appena spiegato lungo le argomentazioni che abbiamo introdotto nel passo che ha inizializzato questa guida, ora andremo a spiegarvi Cosa fare se un neonato batte la testa. Tanto per incominciare, la prima cosa che dovrete fare è controllare se successivamente al fatto, il bambina pianga o strilli anche dopo avergli dato un sorso d'acqua e un impacco freddo.
Infatti se anche dopo essere stato consolato a lungo tempo, non dovesse riuscire, a smettere di piangere e strillare, una delle cause potrebbe essere appunto il dolore che avverte in testa.
Inoltre potrebbe capitare anche che il piccolo inizi a rimettere e nel caso in cui il vomito comincia ad essere frequente, allora in questo caso sarebbe meglio avvertire il proprio pediatra di fiducia.

46

Nel caso invece il piccolo si addormentasse, è essenziale svegliarlo circa ogni 2 o 3 ore ed è anche fondamentale non soltanto che apra gli occhi, ma che risponda anche agli stimoli della madre e che non appaia confuso.
Qualora il neonato dovesse intraprendere dei comportamenti non consoni alla normalità, se dovesse mostrare dei sintomi strani, disturbi della parola, camminata diversa dal solito, non trascurate il caso e chiamate il pediatra per informarlo dell'accaduto.
Invece se nel resto della giornata dovesse apparire del tutto tranquillo, sorridente e inoltre dovesse avere un bell'aspetto, allora vuol dire che non c'è da agitarsi.

Continua la lettura
56

Per finire, dobbiamo ricordare che nel caso in cui dovesse sanguinare la sua bocca, solitamente c'è la probabilità che il piccolo si sia morsicato il labbro.
Per risolvere questo inconveniente si dovrebbe ricorrere ad un bavaglino imbevuto di acqua fredda, in modo da tamponare l'emorragia. Se il piccolo dovesse sanguinare dal naso o dalle orecchie, è fondamentale portarlo immediatamente al Pronto Soccorso, in modo che si adottino al più presto delle misure cautelative, al fine di salvaguardare la salute del nostro piccolo.
In ultima analisi, vi consiglio vivamente la lettura di ulteriori articoli sulla tematica, che possano offrirvi altre informazioni specifiche sugli argomenti che abbiamo sviluppato lungo questi tre passi. Proprio a tal fine, eccovi un link interessante: http://www.nostrofiglio.it/bambino/bambino-1-3-anni/salute/cosa-fare-se-il-bimbo-batte-la-testa.
Spero che questa guida su Come comportarsi se un neonato batte la testa sia stata interessante.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come pulire il viso ad un neonato

Pulire il viso ad un neonato è un' operazione che richiede delicatezza e che va svolta con competenza. La pelle dei neonati è infatti molto delicata, tende a irritarsi facilmente e va trattata con dei detergenti appositi. Pulire il viso del neonato...
Bambino

Il neonato nel primo mese di vita

Quando si diventa genitori, ci si trova difronte a mille nuove situazioni e sensazioni che, soprattutto all'inizio, in qualche modo possono stordirci. Anche il neonato, di contro, avendo passato la sua prima fase di sviluppo (nello stato embrionale) protetto...
Famiglia

Come affrontare i primi giorni a casa con un neonato

Dopo una lunga gravidanza di nove mesi giunge il momento del lieto evento. Avere un bambino è una delle esperienze più rivoluzionarie per la vita di una famiglia. In particolar modo è la mamma a subire più cambiamenti e a sentire le sensazioni più...
Bambino

Come far passare il mal di pancia al neonato

Fare la mamma non è un compito assolutamente facile per nessuna donna, soprattutto nei primi mesi di vita del neonato. In questo periodo, uno dei problemi più comuni è sicuramente quello del mal di pancia, che fa la sua comparsa sin dai primi giorni...
Bambino

Pianto del neonato: 5 consigli per calmarlo

Tutti i neonati piangono, chi più chi meno, ma la maggior parte dei genitori ha, spesso, numerose difficoltà nel calmarli, soprattutto se alla prima esperienza. Calmare il pianto di un bambino, infatti, può rivelarsi un'impresa molto ardua. Per risolvere...
Bambino

Come asciugare i capelli di un neonato

Molti neonati, seppur piccolissimi, hanno già tantissimi capelli, che vanno asciugati dopo ogni lavaggio. Infatti se i capelli restano bagnati, il bambino potrebbe raffreddarsi o peggio prendersi la febbre. Allo stesso tempo però, la cute del neonato...
Bambino

Come e quanto deve dormire un neonato

Le fasi di crescita di un neonato preoccupano sempre i neo-genitori. In particolare, il sonno rappresenta una delle questioni più interessanti. Come tutti, vi chiederete quali siano gli orari più idonei per il bambino, quale sia la durata minima e massima...
Bambino

Come aiutare un neonato stitico

La stitichezza in un neonato non è una cosa rara e, quindi, non deve preoccupare i genitori. Ciò può dipendere da una predisposizione ereditaria oppure dal tipo di latte che assume. Capita spesso che il bambino lo si ritiene stitico anche quando soffre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.