Cosa fare se un bimbo viene punto da una siringa

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Questo argomento è uno dei più delicati che merita di esser trattato in maniera approfondita e in modo corretto affinché possa dar luce e far capire a dei genitori come si devono comportare se un bimbo viene punto da una siringa abbandonata. In questa guida cercheremo di dare dei preziosi consigli su cosa fare nel caso in cui vi ritrovate in una situazione simile. Molto spesso può capitare di andare al parco con i propri figli, o in spiaggia, e mentre voi state attenti alla loro incolumità, loro si avvicinano a questi oggetti, possono prenderli per mano, oppure caderci sopra e accidentalmente pungersi. La prima cosa da fare se vi trovate in una situazione del genere è rimanere calmi, non andare nel panico e non far spaventare il vostro bambino. So che sembra la cosa più difficile, ma la situazione deve essere affrontata con assoluta lucidità, perché andare nel panico di certo non aiuta a risolvere la situazione.

24

La prima cosa che dovete sapere è che non sempre le siringhe abbandonate nella nostra comunità siano state utilizzate da tossicodipendenti, e non non tutti loro sono portatori di malattie che possono infettare il contatto. A volte l'unico disguido che si ha, dalla puntura accidentale di una siringa abbandonata, è una semplice infezione della ferita da germi comuni. In quest'ultimo caso basterà semplicemente una pulizia e disinfezione, che risulteranno essere adeguati al tipo di infezione. Quindi in sostanza non ci si deve allarmare, perché le conseguenze potrebbero essere lievi.

34

Detto ciò, comunque, si potrebbero contrarre altre infezioni molto più gravi, come ad esempio il tetano, l'epatite B e C, l'infezione di HIV. Per quanto riguarda il tetano è un infezione che si trasmette anche in altri tipi di situazioni, ed è bene sottoporre il proprio bambino, fin da piccolo al somministrazione del vaccino di antitetanica, in questo caso il bambino sarà protetto da tale infezione. Per quanto riguarda l'infezione dell'epatite B, anche in questo caso ci si dovrebbe proteggere con un vaccino, in quanto il tale virus è molto resistente e potrebbe contagiare il vostro bambino, nel caso in cui questo non sia stato opportunamente vaccinato. Comunque anche nel caso di contagio è prevista una cura di somministrazione di gammaglobuline specifiche. Per quanto riguarda l'epatite C, non esiste una cura preventiva, ma essendo il suo virus poco resistente al caldo e all'ambiente ostile, passate alcune ore, il virus non dovrebbe trasmettersi, in quanto non resiste al caldo.

Continua la lettura
44

Per quanto riguarda l'infezione dell'HIV, anche in questo caso, il suo virus non resiste al caldo per più di un'ora, quindi in u ambiente ostile e con il caldo, se sono passate diverse ore dall'abbandono della siringa, il virus non può trasmettersi, anche nel caso di puntura. In ogni caso, se le paure del genitore dovessero persistere ad un eventuale contagio, consigliamo di fare gli opportuni esami, ricordando però che l'esito degli esami può risultare negativo, nel caso in cui sia passato troppo poco tempo dall'eventuale contagio all'esame.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come curare i vermi nei bambini

I vermi dei bambini, che vengono chiamati scientificamente ossiuri, sono parassiti facilmente trasmettibili quando si frequentano scuole, ma si possono contrarre anche in ambienti frequentati da altre persone e colpiscono anche gli adulti. Non sono indice...
Bambino

Come liberare il naso chiuso ai bambini

Il naso chiuso (o congestione nasale) è tipico dell'influenza, allergia o raffreddore. Il fastidio apparentemente di poco conto, rappresenta una preoccupazione per un genitore, specie quando i bambini sono troppo piccoli e non sanno spiegare i disturbi....
Bambino

Come capire se il neonato ha mal d’orecchio

Una delle gioie più grandi che una persona possa vivere durante tutto l'arco della propria vita è senza ombra di dubbio la nascita di un figlio. I neonati necessitano di attenzioni molto particolari. Per un genitore è fondamentale conoscere tutte le...
Bambino

Come proteggere le orecchie di un bambino dall'acqua

L'orecchio è l'organo responsabile dell'udito e dell'equilibrio dell'organismo, due compiti molto importanti per il benessere generale dell'essere umano; può essere colpito da varie patologie o disturbi che ne compromettono, a volte anche molto seriamente,...
Bambino

Come pulire il nasino ai neonati

La guida che imposteremo si occuperà, nei prossimi tre passi, di spiegarvi come andare a pulire il nasino ai neonati. Il procedimento, come scoprirete, è piuttosto semplice. Ritengo che questa tematica possa essere particolarmente interessante. Incominciamo...
Bambino

Come effettuare i lavaggi nasali su un lattante

L'esecuzione dei lavaggi nasali su un lattante è una pratica semplice che necessita, però, di alcuni particolari accorgimenti, al fine di non commettere potenziali errori. In questo articolo presentiamo in modo sintetico e schematico le corrette modalità...
Bambino

Come soffiare il naso ad un neonato

Quando i nostri bambini sono ancora in fase neonatale hanno bisogno di essere aiutati nella pulizia del nasino. In questa fase, il neonato non è ancora in grado di gestire la respirazione con la bocca e specialmente durante la poppata, il nasino deve...
Bambino

Lavaggi nasali per bambini, neonati e adulti

Lavaggi nasali per bambini, neonati e adulti: quante volte il naso tappato causa sofferenza e fastidio? Non per niente i lavaggi nasali sono importanti per tutti i neonati e i bambini. Il muco in abbondanza, infatti, può causare qualche problema respiratorio....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.