Come Utilizzare Il Metodo Easy Di Tracy Hogg

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Non tutti conoscono il nome di Tracy Hogg. Si tratta di un'infermiera proveniente dall'Inghilterra che ha dedicato la sua vita ad occuparsi della cura e lo sviluppo dei bambini sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista psicologico. A questo scopo la donna ha sostenuto il cosiddetto metodo ''Easy'' per facilitare la crescita dei bambini. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato come utilizzare questo metodo.

27

Occorrente

  • Latte
  • Zona adibita al gioco
  • Lettino
37

Tracy Hogg pensa che i bambini debbano essere rispettati sin dalla nascita, in quanto aventi anche loro un carattere ed una personalità bene definiti. Pertanto il suo linguaggio si riferisce non solo ai bambini ma anche agli adulti. La donna sostiene che fin dai primi giorni a casa dopo il parto ci si accorge che il ritmo della giornata rischia di essere deciso e scandito dagli stati d'animo, di quiete e di tempesta del nuovo arrivato.

47

Le opinioni su come cercare di interpretare i pianti "comunicativi" del bambino sono molteplici. Il problema è cercare di capire quello che il bambino vuole comunicare. Il suo modo di comunicare è il pianto e il corpo. Sentirai tantissime opinioni su come scandire il ritmo della giornata. Le due più diffuse sono: l'allattamento a richiesta e l'allattamento programmato. Il metodo Easy, di cui parlano vari puericultori, è un'efficace "via di mezzo" che può essere adattata ad ogni neonato. Esso infatti insegna a reagire e ad interpretare il pianto di un bambino sano.

Continua la lettura
57

La parola Easy, che significa "facile", è in realtà anche un acronimo delle parole Eat (mangia), Activity (attività), Sleep (nanna), You (tu). Grazie a queste quattro fasi, andrai a delineare una routine giornaliera che fa susseguire ciclicamente e scandisce i vari momenti del giorno. Così facendo, puoi riuscire ad abituare il tuo bambino alla tua giornata, senza fargli mancare le tappe necessarie al suo benessere.

67

Il ritmo è sempre lo stesso e parte in risposta al suo pianto: aspetta qualche secondo, lo ascolti, gli sorridi e gli dai da mangiare. Quando è sazio (te ne accorgi perché smette di mangiare ed è sereno) lo tieni sveglio (giochi con lui, gli cambi il pannolino, gli fai le coccole). Nel momento in cui inizia ad inarcare la schiena e a stropicciarsi gli occhi mugugnando, vuol dire che è stanco e vuole essere messo a nanna. Senza cullarlo, per non dargli l'abitudine, lo metti nel lettino (oppure nella culla), che deve essere posto in un ambiente pulito e poco luminoso, eventualmente con una ninna nanna in sottofondo.

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come creare una routine per la nanna

Una delle cose fondamentali da apprendere quando si diventa neo genitori è come insegnare al proprio bambino a domire. Certo si sa, i neonati normalmente passano gran parte dei loro primi mesi di vita dormendo, ma non sempre lo fanno nei momenti giusti...
Bambino

Cullare il neonato con le coliche: il metodo giusto

Per i genitori, quando il piccolo piange e soffre per le coliche, è sempre un momento di dolore e di sconforto e spesso si prova di tutto per calmarlo, ma non sempre il nostro metodo è davvero quello ideale, soprattutto per genitori alla prima esperienza....
Bambino

Dormire: il metodo Sears

Per molti genitori far dormire il proprio bambino è un'impresa difficilissima, soprattutto se piccolini. È successo lo stesso anche a William Sears, pediatra americano. Trovando difficoltà a far addormentare uno dei suoi otto figli, il medico ha elaborato...
Bambino

I migliori libri sulla nanna dei bambini

A volte mettere a nanna il proprio bambino può risultare particolarmente difficile, se non addirittura una vera e propria sfida. Basta una colichetta oppure un ciclo sonno veglia non proprio regolare che il piccolo comincia a urlare sfogandosi con pianti...
Bambino

Dormire: il metodo Ferber

La fase dei risvegli notturni, più o meno lunghi, è naturale per i bambini, piuttosto traumatica per i genitori. Dormire e riposare durante la notte è infatti indispensabile per mantenere gli equilibri psico-fisici. Quando questo momento viene interrotto...
Bambino

Come creare dei giochi montessoriani per il tuo bambino

L'educazione di un bambino è molto importante, soprattutto durante la tenera età, quando il bambino comincia ad apprendere tutto ciò che lo porterà a vivere bene nel mondo. È importante anche che un bambino impari a muoversi nella maniera corretta,...
Bambino

Come insegnare ai bambini a leggere e scrivere

Il primo impatto con la scuola non è mai semplice per i bambini perché segna sia la lontananza dai genitori che un reale cambiamento nelle abitudini quotidiane. Il primo passo da compiere è sicuramente imparare a leggere e a scrivere. A tal proposito,...
Bambino

10 giochi Montessori per bambini dai 3 ai 6 anni

Maria Montessori, oltre ad essere stata una tra le prime donne ad essersi laureata in medicina in Italia, è stata la pedagogista che ha dato il nome al metodo di insegnamento adottato ancora oggi in moltissime scuole di tutto il mondo. Da insegnante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.