Come tagliare il cibo per i bambini

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
110

Introduzione

I bambini, specialmente se piccoli, hanno una dentatura ancora temporanea e non abbastanza forte per poter masticare perfettamente i cibi. Inoltre, anche le loro abilità di masticazione non sono ancora ottimali a causa dell'inesperienza e magari anche della fretta nel mangiare, pur di terminare per poter andare a giocare. Ci sono, poi, cibi che risultano essere particolarmente difficoltosi per la loro bocca e i loro denti, tenendo anche conto delle dimensioni ridotte di entrambi (bocca e denti). Per questo motivo, è essenziale, da parte dei genitori e di chi è addetto ai loro pasti (come maestre d'asilo, nonni e baby sitter), tagliare il cibo delle giuste dimensioni, proporzionate alle loro capacità, per evitare rischi di soffocamento e per stimolarli a mangiare rendendogli quanto meno più agevole la masticazione. Vediamo allora come fare.

210

Occorrente

  • coltello
  • bicchiere (utile per il taglio della pasta)
310

Il taglio di lungo

Pare che addirittura il 70% degli incidenti nei bambini al di sotto dei 3 anni sia dovuto proprio al cibo. A tavola, infatti, il rischio di soffocamento si fa decisamente maggiore, specie con alimenti come i wurstel, il prosciutto, la mozzarella, i pomodorini e persino la pasta e la frutta. Un primo esempio che vogliamo sottoporvi è il taglio delle carote (e di tutti gli alimenti dalle dimensioni simili), alimento così ricco di nutrienti e molto amato dai bambini. Dovranno essere tagliate non a rondelle, ma di lungo, in quattro striscioline, e poi ognuna di queste andrà fatta a piccoli pezzetti. Più i bocconi risulteranno piccoli e meno pericoli ci saranno. I wurstel andranno tagliati esattamente allo stesso modo, proprio per evitare che rondelle scivolose possano essere ingoiate intere con il rischio di ostruire le vie respiratorie.

410

Il taglio a sfilaccetti

Per quanto riguarda il prosciutto (da preferire il cotto e mai il crudo), invece, non andrà mai proposto ai bambini piccoli sotto forma di intere fette. Bisognerà, infatti, eliminare prima tutto il grasso in eccesso, dopodiché si dovrà piegare ogni fetta su se stessa, come una sorta di stretto rotolino. Tagliare a questo punto a fettine molto sottili: si otterranno piccoli "sfilaccetti" che andranno, eventualmente, tagliati ancora a metà per renderli piccoli, facilmente masticabili e non pericolosi anche se ingoiati interi.

Continua la lettura
510

Il taglio a dadini

Alimenti dalla consistenza un po' gommosa, come ad esempio la mozzarella, non dovranno essere presentati in fette o bocconi troppo grandi ma tagliati a dadini molto piccoli. Attenzione, poi, ad alla mozzarella filante, quella che c'è per esempio sulla pizza: il rischio di soffocamento si fa ancora più elevato, sia perché questa, riscaldata, è in grado di inglobare al suo interno altri alimenti, sia perché è decisamente difficile da spezzare con i dentini piccoli. Tagliatela quindi a pezzetti molto piccoli e ben distanziati tra loro, e magari evitatene grosse quantità sulla pizza per i più piccoli.

610

Il taglio della frutta

Anche la frutta andrà tagliata correttamente ed accuratamente, anche quella già piccola. Alcune varietà, infatti, possono diventare pericolose non tanto per le loro dimensioni, quando per la loro capacità di scivolare in gola troppo facilmente, come l'uva, dalla buccia così liscia e la forma così sferica, perfetta per incastrarsi lungo le vie respiratorie, con rischi elevatissimi. Mai proporre, quindi, gli acini interi ai bambini, sia perché non saranno in grado da soli di sputare eventuali semini interni, sia perché tenderanno a mandare giù il chicco tutto intero, con grande rischio. Anche l'uva, dunque, andrà tagliata a piccoli pezzettini, rimuovendo magari anche i semini interni. Lo stesso discorso, ovviamente, varrà per qualsiasi altro tipo di frutta, rimuovendo accuratamente noccioli e piccioli, e persino per gli ortaggi, come i pomodorini.

710

Il taglio della pasta

Sembra strano, ma anche la pasta, alimento così basilare, può diventare pericolosa. Scegliete, quindi, formati di basta già decisamente piccoli, delle dimensioni adatte all'età dei vostri bambini. In commercio ce ne sono davvero di tantissime forme e grandezze, dalle puntine e le stelline (adatte ai piccolissimi, da mischiare anche con le pappe), ai tubetti e le pennette. Evitate, quindi, formati troppo grandi se non vorrete mettervi a tagliarli a piccoli pezzetti. Assolutamente da evitare, invece, è la pasta in formato lungo, come spaghetti o tagliatelle: scivolano facilmente in gola e la loro lunghezza aumenta il rischio di soffocamento. Se proprio non potete farne a meno, tagliate la pasta lunga (già cotta) a pezzetti molto piccoli: utilizzare un bicchiere di vetro capovolto è una procedura velocissima e molto efficace di spezzare la pasta lunga, decisamente più pratica dell'uso del coltello.

810

Il taglio grattuggiato

Un altro tipo di taglio è quello grattugiato. Si tratta di ridurre il cibo quasi in polvere, grazie all'utilizzo di una grattugia. In commercio ne esistono di adatte ad ogni alimento, da quelle specifiche per il formaggio a quelle adatte alla frutta, a forma di piattino. Grattugiare la frutta, infatti, è decisamente indicato nei neonati in fase di svezzamento, quando i dentini non sono ancora comparsi o sono ancora molto piccoli e teneri. Anche altri cibi, poi, possono essere proposti in questo modo: dai formaggi duri al cioccolato. Evitate, invece, tutti gli alimenti collosi e appiccicosi, come le caramelle e i marshmallow, almeno fin quando i bambini sono troppo piccoli.

910

Guarda il video

1010

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non lasciate mai i bambini piccoli da soli durante i pasti: anche pezzettini piccoli e innocui possono diventare pericolosi.
  • Insegnate ai bambini a masticare bene e a lungo tutti i cibi: il rischio di soffocamento diminuirà e la digestione sarà facilitata.
  • Stimolate i bambini a mangiare con pezzettini di vari alimenti, creando composizioni e divertenti disegni nel piatto: mangeranno più volentieri e accetteranno con piacere che gli si taglino i cibi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come tagliare i capelli ad un bambino

La maggior parte dei genitori sanno quanto sia difficile convincere i loro figli a tagliarsi di capelli; coloro che ci riescono, lo fanno assistendo a capricci e piagnistei. In questo caso, ovviamente, è necessario prestare la massima attenzione, soprattutto...
Bambino

Come tagliare le unghie ad un neonato

La nascita di un bambino è sempre una gioia immensa per ogni famiglia, ma specialmente quando si tratta del primo figlio le problematiche su come affrontare numerose questioni che riguardano la cura del piccolo, possono creare non poco panico. La paura...
Bambino

Come far mangiare i formaggi ai bambini

Far mangiare il formaggio ai propri bambin, è l'impresa che ogni genitore dovrà prima o poi affrontare ed anche se lo si vuole veramente, superare. Cerchiamo di capire per bene come e cosa fare per permettere ai nostri bambini, di mangiare il formaggio...
Bambino

Come convincere i bambini a stare seduti a tavola

Sicuramente e senza alcuna ombra di dubbio una delle conquiste maggiori per ogni genitore è quella di insegnare ai propri figli a stare seduti a tavola per la durata di tutto il pasto. I bambini, per natura, non amano alcun tipo di costrizione ed, in...
Bambino

L'alimentazione nei bambini di un anno

Dopo lo svezzamento, i bambini possono cominciare a mangiare di tutto, ma il passaggio a dei cibi più elaborati dev'essere effettuato gradualmente. Dalle pappe, i tritati ed i frullati, si passa progressivamente ai cibi solidi, proprio come gli adulti....
Bambino

Come rinforzare i capelli dei bambini

I capelli dei bambini sono spesso causa e fonte di preoccupazione per i genitori ma soprattutto per le mamme più apprensive. La capigliatura dei bambini nella norma non è molto folta come quella degli adulti per cui non c'è bisogno di allarmarsi inutilmente....
Bambino

10 regole per farsi ubbidire dai bambini senza urlare

Quando si decide di avere un bambino, in una coppia, si deve fin da subito essere cosciente che, in parte, la nostra vita da fidanzatini, da li a poco, cambierà. Preso coscienza di questa cosa, allora si può anche parlare di mettere a mondo un'anima...
Bambino

Come migliorare le capacità cognitive nei bambini

Quando i bambini iniziano a crescere e sono pronti ad affrontare i primi anni di scuola, l'attenzione dei genitori è rivolta alle capacità di apprendimento del piccolo. Se alcuni bambini arrivano all'età scolastica già in grado di leggere e di scrivere,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.