Come svezzare un neonato

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Lo svezzamento assume un'importanza fondamentale nella vita di un bambino, sia dal punto di vista sensoriale, che nutrizionale, sia psico-emotivo. Trattasi di passare infatti, da un'alimentazione soltanto lattea, alla sperimentazione di sensazioni olfattive e gustative inedite, tanto più all'acquisizione di attitudini nuove e varie modalità dalla suzione. Verso il sesto mese di vita, nel bambino si fa strada l'esigenza, di integrare la propria dieta con altri alimenti diversi dal latte, legata al progressivo aumento del fabbisogno energetico. Nell'articolo che vi presenteremo oggi qua di seguito, vi indicheremo dei suggerimenti pratici su come svezzare un neonato, aprendo le porte all'acquisizione dell'autonomia ed anche ad uno sviluppo psicomotorio ottimale. Buona lettura!

26

La deglutizione

Il bimbo si troverà quindi, a gestire la deglutizione di alimenti densi, in quella che è stata definita alimentazione complementare.
Dovremo subito precisare che, il percorso che porterà ad un'alimentazione diversa è graduale e molto lento. Vi dovrete perciò armare di tantissima dose di buona pazienza, siccome il vostro bambino potrebbe mostrare un certo grado di diffidenza di fronte ad un alimento mai prima ingerito, prediligendo, come esclusivo alimento, il latte dolce che lo rassicurerà. Se dovesse manifestare delle ostilità davanti ad un alimento specifico, non dovrete insistete, ma dovrete soltanto provare i prossimi giorni, per cui procedete con il solito latte. Lasciate che sia il bimbo a prendersi familiarità con l'alimento nuovo, consentendogli magari di immergervi le mani, e di impiastricciarsi come solitamente accade, per la gioia di mamma e papà poi nel pulire!

36

La dieta

Dovrete proporre una dieta bilanciata che comprenda vitamine, proteine, zuccheri, sali minerali e grassi. Un'alimentazione perciò che possa garantire al vostro bimbo piccolo i giusti apporti nutritivi che gli occorrono. In tale impresa potrete avvalervi dei prodotti numerosi specifici che sono presenti nei negozi, impegnandovi nella ricerca e selezione di quelli qualitativamente adeguati. Vi dovrete ricordare di somministrare porzioni piccole, non dovrete aggiungere sale, al fine di rendere più appetibili gli alimenti. Il bambino che è abituato alla dolcezza del latte, farà fatica a gradire una certa sapidità, nell'immediato .

Continua la lettura
46

Il brodo vegetale

La base fondamentale della prima pappa è il brodo vegetale. Lo dovrete preparare mettendo in un pentolino dell'acqua, poi dovrete aggiungere carote e patate come primissime verdure. Man a mano che il tempo passerà, dovrete aggiungere le zucchine, i fagiolini ed anche le altre verdure poco a poco, rispettando le verdure nelle sue stagioni. Dovrete evitare verdure che hanno un sapore amaro oppure poco gradevole come i cavoli e le cipolle. Introducete anche legumi, pomodori ma non prima del nono mese, in quanto hanno fibre eccessive e potrebbero far scatenare allergie probabili.

56

La pappa di riso

Per quanto concerne la pappa, la prima che dovrete introdurre è sicuramente quella di riso, in quanto ha meno possibilità di allergia, ed anche quella maggiormente digeribile. Dovrete in seguito aggiungete gradatamente l'omogeneizzato di carne, cominciando con quello di tacchino, per poi passare al vitello ed al manzo. Completate tutto quanto con un filo di olio extravergine d'oliva. Dopo la pappa potrete dare al vostro bimbo la frutta. Cominciate con l'omogeneizzato a base di mela e la pera. Scegliete anche frutti maturi, lavateli molto bene con cura, con bicarbonato, poi grattugiateli. Vedrete che gradirà tantissimo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per agevolare lo svezzamento, provate a dare al bimbo del latte per saziarlo un po' prima di procedere con la pappa.
  • Attenetevi scrupolosamente alle prescrizioni del pediatra.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come svezzare un neonato

Lo svezzamento assume un'importanza fondamentale nella vita di un bambino, sia dal punto di vista sensoriale, che nutrizionale, sia psico-emotivo. Trattasi di passare infatti, da un'alimentazione soltanto lattea, alla sperimentazione di sensazioni olfattive...
Bambino

Lo sviluppo del neonato nel sesto mese di vita

Contrariamente a quanto si possa pensare, un neonato non è affatto un piccolo essere privo di capacità e competenze. In realtà, il neonato è un essere che impara davvero molto in fretta e che compie grandissimi progressi in un breve e limitato arco...
Bambino

Come stimolare un neonato pigro

L'allattamento al seno di un piccolo neonato è, di certo, una bellissima esperienza per una giovane mamma. Allattare un bambino è una perfetta occasione di intesa, magica ed irripetibile, tra il neonato e la sua preziosa mamma. Alcuni neonati, però,...
Bambino

Come monitorare il peso di un neonato

Per capire se il vostro neonato sta crescendo bene occorre monitorare il peso. Questo va controllato fin dal primo giorno di vita. Normalmente la crescita di un neonato si aggira intorno ai centocinquanta e i duecento grammi alla settimana. Ma bisogna...
Bambino

Neonato: le tappe del sorriso

Per qualsiasi genitore al mondo, l'esperienza di avere un figlio nella vita, è quella più bella e indimenticabile. Infatti nel periodo che va dalla fecondazione alla scoperta dell'essere incinta, dall'evolversi dei mesi al parto, multiple sono le sensazioni...
Bambino

Come organizzare l'armadio del neonato

Organizzare l'armadio di un neonato è forse una delle cose più divertenti per una mamma. Soprattutto se si è alla prima esperienza, all'inizio può sembrare un'impresa difficile. In realtà, come in tutte le cose, basta solo un po' di organizzazione....
Bambino

Come capire i bisogni di un neonato

I primi mesi del neonato sono i più difficili da affrontare. Ovviamente non occorre allettarsi ma cercare di capire i suoi bisogni. Ma non è il caso di cedere all'ansia pensando che il piccolo non stia bene. Infatti, a volte questo è causa di altre...
Bambino

Rigurgito neonato: cause e rimedi

Il rigurgito del piccolo neonato è anche chiamato reflusso, ed è uno dei fenomeni che maggiormente preoccupa i genitori nei prima mesi di vita dei loro piccoli. Anche se è un disturbo molto comune, che soltanto in casi molto rari potrà sfociare veramente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.