Come studiare inglese con i bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I bambini, si sa, apprendono velocemente qualsiasi cosa. Soprattutto una seconda lingua. Dai 2 ai 9 anni l'apprendimento delle lingue risulta naturale, non richiede sforzo e avviene parallelamente all'apprendimento dell'italiano. Ma teniamo presente che i bambini hanno anche molta difficoltà a concentrarsi. È difficile tenere fermo un bambino, seduto ad una scrivania a studiare o a imparare inglese. Se non riusciamo ad interessarli non li potremo mai convincere a fare qualcosa. Certo, se non riusciamo a stimolare il loro interesse, potremmo provare con una scusa. Ma quello che è certo è che la prima cosa che serve per studiare inglese con i bambini è proprio un motivo. Vediamo come fare.

26

Rimanere in piedi

Avete mai provato a studiare camminando su e giù per una stanza? Per i bambini è molto liberatorio, piuttosto che rimanere seduti per ore, col rischio di addormentarsi e senza poter dare libero sfogo alla voglia di muovere le proprie articolazioni. Soprattutto con una materia come l'inglese che va parlata prima che scritta. Parole e frasi o domande e risposte sono molto più spontanee se pronunciate"in cammino". L'ideale è che le parole e le frasi inglesi siano proposte durante tutto l'arco della giornata. Per esempio potreste dire ai bambini parole come " Slowly" mentre fanno sport, " Good job" mentre fanno i compiti e " Do you want some bread?" mentre mangiano.

36

Giocare

L'inglese si presta molto ad essere letteralmente"giocato". Ogni regola di grammatica si impara velocemente se si fanno esempi sotto forma di indovinelli. Meglio se i bambini sono due o più. Avete provato mai con il terzo intruso? Date tre risposte a una domanda. Una sola deve essere sbagliata. Vediamo se un bambino la indovina. Potrete anche segnare un punto su una tabella per ogni risposta esatta e stabilire che al raggiungimento di una data soglia è previsto un premio. Ma anche giocare semplicemente a nascondino o alla caccia al tesoro in inglese è utilissimo per imparare la lingua. I comandi base saranno : turn right, turn left, go back e simili. Se un bambino vuole giocare dovrà capire cosa gli si sta chiedendo!

Continua la lettura
46

Simulare

Studiare l'inglese per un motivo ben preciso è molto meglio che studiarlo senza sapere perché. Un bambino che studia per un obiettivo è un bambino motivato che rende di più. Partiamo dagli elementi base: perché si dovrebbe imparare una frase semplice? "Per usarla" potrebbe essere la risposta. Quando dobbiamo spiegare una regola o insegnare una parola nuova ai bambini, l'ideale è fargliela usare subito. Un metodo utilissimo è quello di simulare una situazione realistica per fare in modo che i bambini si esprimano in inglese usando quella parola nuova.

56

Tradurre

Utilissimi per studiare l'inglese con i bambini sono i cartoni animati in inglese. Si possono facilmente trovare in rete. Scegliamo i personaggi amati dai nostri bambini. Peppa Pig, Masha e Orsa o i Pigiamini. A questo punto non ci rimane che premere play. Ma non abbandoniamo i bambini davanti allo schermo. Potrebbe essere fatale. Rischieremmo di farli annoiare o, peggio, scoraggiare di fronte ad una mare di parole nuove e dialoghi incomprensibili. E allora come studiare l'inglese? È molto semplice. Facciamo notare ogni regola o parola nuova sul video, proprio mentre è pronunciata. Meglio se mandiamo indietro e vediamo più volte lo stesso pezzo. State certi che i bambini impareranno subito quello che avranno visto applicato nella pratica.

66

Cantare

Con la musica anche imparare l'inglese diventa più facile e interessante. Soprattutto per i bambini. Cercate filastrocche, canzoncine per i più piccoli e sigle di cartoni animati in inglese. Nella maggior parte dei casi si tratta di testi semplici adatti per imparare le frasi più elementari. Iniziate a cantarli insieme ai bambini ed in un secondo momento spiegatene il significato. L'associazione sarà immediata per loro.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come invogliare il figlio a studiare

Quando si diventa genitori, si vorrebbe trasmettere ai propri figli, la voglia di studiare che forse, da ragazzi, è mancata anche a noi, molto dipenderà dall'approccio che abbiamo avuto con questa attività. Imparando dai nostri errori, o dagli errori...
Bambino

Come capire se tuo figlio finge di studiare

Vuoi capire se tuo figlio finge di studiare? Quante volte hai sentito dire che si può fare qualunque corso per imparare qualsiasi cosa tranne come fare i genitori? Probabilmente, tante volte così come tante volte provi a ripeterlo davanti allo specchio...
Bambino

Come insegnare l'inglese ai neonati

I bambini, soprattutto in età neonatale, possiedeono una maggiore capacità di apprendimentodella lingua parlata; in particolare, sono in grado di distinguere le differenze anche molto sottili nella pronuncia e nell'intonazione. Per questo motivo, l'introduzione...
Bambino

Come organizzare la scrivania dei bambini

Al termine delle vacanze estive giunge il momento, per i bambini, di tornare a scuola. Nel frattempo i genitori dovranno provvedere a tutte le esigenze scolastiche dei bambini. Zainetti, astucci, quaderni e libri sono una parte fondamentale per il percorso...
Bambino

Tecniche di pittura per bambini della scuola materna

Tra le varie attività creative e ludiche che vengono svolte nelle moderne scuole dell'infanzia ritroviamo sicuramente la pittura. Attraverso di essa i bambini possono sviluppare le loro capacità cognitive e liberare la loro fantasia artistica. Oltretutto...
Bambino

5 modi per avvicinare i bambini all'arte

L'arte svolge un ruolo fondamentale nella crescita dei bambini, per il loro sviluppo psicologico, cognitivo e fisico. Fin dalla prima infanzia, l'arte, stimolando le potenzialità creative, spinge i bambini a comunicare in modo libero e aperto e a socializzare...
Bambino

Come insegnare ai bambini a usare il computer

Il PC (personal computer) è, al giorno d'oggi, uno strumento indispensabile presente in ogni famiglia. La tecnologia è parte integrante della nostra vita quotidiana, tanto che i bambini di questa generazione entrano in contatto con questo mondo fin...
Bambino

Come e quando controllare la vista ai bambini

La vista è uno dei cinque sensi e come tutti gli altri è importante per conoscere il mondo attorno a noi. È fondamentale dunque fare prevenzione per evitare lo sviluppo di patologie come il glaucoma che se preso in tempo può essere tenuto sotto controllo....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.