Come stimolare lo sviluppo sociale del bambino

Tramite: O2O 29/01/2016
Difficoltà: media
15

Introduzione

I bambini nascono con un carattere personale e un indole più o meno favorevole alla socializzazione: ad esempio, ci saranno dei piccoli maggiormente estroversi, socievoli e gioiosi.
Questo non toglie che, le esperienze maturate durante i primi anni di vita, contribuiranno a formare l'indole caratteriale del bimbo e renderlo sia più sicuro di se stesso che ben disposto verso i rapporti sociali.
Lo sviluppo e la capacità sociale del bambino potrebbe subire delle influenze secondo l'ambito familiare e la maniera in cui il piccolo vive le proprie giornate da solo o in compagnia: nella seguente pratica e rapida guida da leggere successivamente, quindi, vi spiegherò come bisogna stimolare correttamente la socializzazione nel bambino.

25

I figli unici che tendono a trascorrere parecchie ore la settimana dentro casa con la mamma, oppure i nonni potrebbero avere un atteggiamento di timidezza e non riuscire poi a socializzare appropriatamente con i loro coetanei.
Per favorire la socializzazione sarà estremamente importante organizzare delle uscite quotidiane oppure degli incontri con gli altri bambini, accordandosi con le proprie madri o frequentando dei luoghi dove confluiscono i bimbi (come i parchi giochi, le giostre e gli asili).

35

Quando il bambino è abbastanza piccolo, la presenza di fratelli o cugini o vicini di casa è molto importante nello sviluppo della socializzazione e della condivisione, anche se la sua iniziale integrazione sociale avviene naturalmente con la propria mamma.
Superati i tre anni d'età, sarà possibile iscrivere il bambino all'asilo e favorire l'approccio con i coetanei, attraverso le strutture pubbliche o private della propria cittadina: negli asili, i piccoli giocano insieme, litigano e apprendono, sperimentando la condivisione, l'amicizia ed alcune sane frustrazioni che li porterà ad essere degli adulti molto equilibrati.
Lasciare a casa il bambino e non fargli frequentare le scuole fino ai 6 anni potrebbe essere davvero controproducente, anche se la madre e il piccolo faticano a staccarsi l'uno dall'altro: infatti, l'asilo sarà utile alla propria maturazione sociale e rafforzerà la sua indipendenza ed autonomia.

Continua la lettura
45

Lo sviluppo sociale del bambino dovrà compiere una crescita ed un percorso naturale, collegato alla conoscenza, alla condivisione e all'amicizia con gli altri bambini: qualunque posto potrebbe andare bene, perché l'importante è la costanza della ricerca degli incontri tra bimbi.
Anche il piccolo maggiormente introverso e timido troverà la propria dimensione ed il suo spazio d'apertura sociale, preferendo alcuni bambini dal carattere simile al suo ed evitando probabilmente quelli eccessivamente vivaci o aggressivi.
Gli istanti di gioco, socializzazione e crescita armonica faranno di lui un bambino felice, ma ciò deve avvenire senza cadere nell'estremizzazione del concetto di socializzazione e ricordando che l'iniziale integrazione sociale avviene proprio tra le mura domestiche con la propria famiglia (mamma, papà ed eventuali fratelli/sorelle): questo non toglie il fatto che le aperture verso il mondo esterno non potranno che favorire tale processo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Lo sviluppo cognitivo del bambino da 0 a 3 anni

Con il termine " sviluppo cognitivo" si intende il progressivo crescere e rafforzarsi dell'attività intellettuale. I processi alla base dello sviluppo cognitivo durante i primi anni di vita sono due: la ripetizione di attività che il bambino già conosce...
Bambino

Come stimolare un bambino pigro

I bambini non sono tutti uguali: ognuno di loro ha una personalità molto differente e sta ai genitori cercare di capire il figlio mettendo in risalto i suoi lati migliori e minimizzando tutte quelle che possono essere le sue debolezze, in modo da accrescere...
Bambino

Come stimolare l'intelligenza del tuo bambino

Molti pensano che l'intelligenza sia un fattore ereditario, ma ci sono studi che tendono a smentire questa ipotesi. Secondo molti studi, la predisposizione ereditaria deve necessariamente essere messa a frutto grazie ad uno stimolo continuo e ragionato,...
Bambino

Come stimolare un bambino a parlare

Le mamme sono abituate ad avere tutto sotto controllo, ma se un bambino decide di non voler imparare a parlare è finita: non parlerà. E così le mamme di tutto il mondo si incontrano nei blog o nei forum per discutere di questo problema a prima vista...
Bambino

Come stimolare il bambino a gattonare

Gattonare è un passaggio importante nella crescita motoria di un bambino. Non tutti i bambini però vivono questa fase, infatti, alcuni saltano totalmente il gattonamento e, quando è il loro momento, cominciano direttamente a camminare. Non occorre...
Bambino

10 consigli per stimolare il linguaggio del bambino

La capacità comunicativa verbale dei bambini comincia a prendere forma già nei primi mesi di vita con il pianto, ma è solo tra i 12 ed i 18 mesi che i piccoli cominciano ad articolare le prime frasi composte. Ogni bambino ha i suoi tempi, anche se...
Bambino

Come stimolare a parlare un bambino

Lo sviluppo del proprio bambino rappresenta un processo che consta di diverse fasi. Precisamente, è prevista una fase relazionale, una motoria, una visiva e del linguaggio, che si sviluppato in differenti momenti cronologici. I bambini iniziano ad articolare...
Bambino

Come stimolare un bambino a camminare

Quando un bambino inizia a camminare? Senza dubbio quando glielo consentono le strutture ossee e muscolari ma anche quando tutte le funzioni neurologiche che permettono la marcia sono appropriatamente mature. Un altro aiuto fondamentale, quando il bambino...