Come stimolare il bimbo a muoversi in grembo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Per una futura mamma non c'è cosa più emozionante che sentire il bimbo muoversi nel proprio grembo.
I movimenti che il piccolo compie provocano una grandissima gioia nella mamma e lasciano stupito chi poggia la mano sul suo pancione.
Sono anche un segno che il bimbo reagisce agli stimoli esterni.
Esistono dei piccoli accorgimenti che possono aiutare a creare questo magico momento.
Ecco allora alcuni semplici consigli su come stimolare il movimento del vostro bimbo.

24

Bere un succo di frutta

Il succo di frutta viene assorbito molto velocemente dal nostro organismo.
Poiché è ricco di zuccheri di solito favorisce il movimento del bimbo, che si sveglia nel caso in cui stia dormendo.
Alcuni esperti sostengono anche che si può bere un liquido freddo per far sì che il bimbo si svegli.
Lo stesso effetto lo provoca la caffeina, per cui bere un caffè o una soda può indurre nel piccolo lo stimolo a muoversi.
Prima di assumere questi alimenti chiedete sempre un parere al vostro ginecologo.

34

Concedetevi un bagno rilassante

Rilassarsi nella vasca da bagno è un modo piacevole per togliersi di dosso tutto lo stress della giornata. Può inoltre essere utile per stimolare il movimento del bambino.
In genere il piccolo apprezza molto la situazione creata dal tepore del bagno.
Così voi potreste sentire muoversi il piccolo godendovi la tranquillità del momento.
Potete anche provare ad accarezzare il pancione dando dei piccoli colpetti per stimolare la reazione del bimbo.
Il bimbo di solito reagisce agli stimoli tattili e anche ai suoni.
Provate a fare dei rumori, non troppo forti, per richiamare l'attenzione del vostro bambino.
Di solito il piccolo dorme quando la mamma cammina o compie movimenti perché si sente cullato, mentre sta sveglio e si muove quando la mamma è ferma.
Un buon modo per sentire il bimbo muoversi è stare distese e rilassate, perché il bambino in quella posizione solitamente è sveglio.
Consultate sempre il vostro specialista per sapere quello che potete fare o dovete evitare nella vostra condizione.

Continua la lettura
44

Mangiare della cioccolata

La cioccolata in genere è molto apprezzata dai bimbi. Di solito quando la mamma mangia un pezzetto di cioccolata il piccolo reagisce muovendosi nel ventre.
Un effetto simile lo provocano anche le caramelle perché contengono zucchero.
Il glucosio infatti può favorire i movimenti del piccolo.
Non bisogna però esagerare con gli alimenti ad elevato contenuto di zucchero, perché potrebbe non essere salutare. Anche in questo caso chiedete sempre un parere al vostro specialista.
Il bambino dunque risponde agli stimoli che provengono dall'esterno in un modo tutto suo: sobbalza quando sente un rumore, ricambia le carezze e addirittura fa le capriole quando la mamma assume alimenti ricchi di zucchero.
Tutti i movimenti che compie sono conseguenza delle reazioni della mamma. Con lei instaura quel legame indissolubile che gli permetterà di riconoscerne perfino l'odore quando appena nato cercherà istintivamente il suo seno.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gravidanza

Come capire dall'ecografia se è maschio o femmina

Le future mamma si sa, sono molto ansiose e curiose di conoscere il sesso del nascituro. Delle volte disposte a sottoporsi ai metodi più disparati e alle credenze di ogni cultura. Osservano la forma dei seni o della pancia in ogni minimo dettaglio o...
Gravidanza

Rimedi naturali contro l'acidità di stomaco in gravidanza

Anche la gravidanza più tranquilla che una donna può desiderare non è esente, però da piccoli disturbi, come, ad esempio, il fastidiosissimo bruciore di stomaco, l'acidità o la nausea. La causa dell'acidità e dei forti bruciori è molto semplice:...
Gravidanza

Gravidanza: le posizioni del feto

Per riconoscere la posizione del feto in gravidanza, il ginecologo che segue la donna in stato interessante effettua visite regolari. Il nascituro può assumere tre posizioni principali: cefalica, podalica e trasversale (o obliqua). Vediamo insieme in...
Gravidanza

Come calcolare la data del concepimento

Una delle prime domande che si pongono le donne in dolce attesa è: "Da quando sono incinta?". Oltre ad essere una semplice curiosità che magari si vuole soddisfare, il conoscere la data del concepimento può anche essere utile al fine di calcolare la...
Gravidanza

Come leggere un test di gravidanza

Ad ogni donna capita, anche più volte nell'arco della propria vita, di avere il sospetto di essere rimasta incinta, per via di un ritardo del ciclo mestruale. Sia che la gravidanza sia desiderata e ricercata, o si tema di essere rimaste in stato interessante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.