Come sterilizzare il tiralatte e il ciuccio

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Al giorno d'oggi capita che alcune mamme preferiscano non sterilizzare il tiralatte ed i ciucci, in quanto, essendo in silicone, può essere sufficiente pulirli sotto l'acqua corrente. Tuttavia può capitare sia di vivere in zone dove l'acqua non contiene cloro (il che rende la pulizia sotto acqua corrente insufficiente), sia di dover comunque ricorrere alla sterilizzazione per una pulizia più approfondita (per es. Nei casi in cui gli oggetti sopra citati vengano a contatto con elementi molto sporchi). Per far fronte a queste necessità troverete di seguito alcuni passi e consigli utili sul come sterilizzare il tiralatte e il ciuccio.

26

Occorrente

  • Microonde
  • Pentolino
  • Panno di cotone
  • Detersivo per piatti
  • Bicchiere d'acqua
  • Istruzioni d'uso
36

Preparazione alla sterilizzazione

Per quanto riguarda il tiralatte, bisogna innanzitutto leggere con attenzione i fogli illustrativi dell'oggetto, che contengono sempre indicazioni utili per una corretta manutenzione. Se, ad esempio, il tiralatte è elettrico, allora il motorino non deve mai finire a contatto con l'acqua: basterà pulirlo semplicemente con un panno di lino o di cotone leggermente inumidito. Se il tiralatte, invece, è manuale, e per tutte le parti scomponibili del tiralatte elettrico, è necessario procedere ad un'attenta pulitura prima di procedere con la sterilizzazione (è sufficiente lavare tutto sotto acqua corrente con del detersivo per piatti, avendo cura di risciacquare abbondantemente). Una volta che tutte le parti sono lavate e si sono asciugate, si può procedere con la sterilizzazione. Per quanto riguarda il ciuccio il procedimento è lo stesso: lavare accuratamente, risciacquare in abbondanza, quindi procedere con la sterilizzazione.

46

La sterilizzazione

Per procedere alla sterilizzazione esistono diversi metodi: la lavastoviglie (mettere le varie parti del tiralatte e il ciuccio nella parte superiore della lavastoviglie, facendo partire un programma a 60°. Al termine del lavaggio estrarre il tutto: sarà pronto per essere utilizzato); la bollitura (è il metodo più vecchio, ma anche il più rapido e con risultati garantiti, consiste nel mettere il tiralatte e il ciuccio all'interno di un pentolino pieno d'acqua bollente per circa 10 minuti, quindi estrarre con attenzione e porre ad asciugare su di un panno di cotone pulito); il microonde (in questo caso bisogna avere cura di mantenere gli oggetti umidi, ma suggeriamo comunque di porre all'interno del microonde un bicchiere pieno d'acqua, quindi azionare l'elettrodomestico per 30-45 secondi alla massima temperatura. Al termine gli oggetti saranno sterilizzati, estrarli con attenzione e riporli dove si ritiene necessario); gli sterilizzatori (in commercio esistono differenti sterilizzatori professionali casalinghi, dal facile utilizzo e con garanzia dei risultati. In questo caso seguire le istruzioni d'uso specifiche).

Continua la lettura
56

Utilizzo degli oggetti sterilizzati

Compiuta una di queste fasi gli oggetti saranno sterilizzati e disponibili per l'utilizzo. Prestare attenzione a non ustionarsi e a non ustionare il bambino. Procedere nuovamente alla sterilizzazione ogni volta che se ne ravvede il bisogno.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Lavare sempre con accortezza tutti gli oggetti prima di sterilizzarli
  • Per il lavaggio è sufficiente del detersivo per piatti
  • Avere sempre tutto a portata di mano prima di procedere velocizza le fasi di sterilizzazione
  • Controllare sempre nel foglietto informativo del prodotto eventuali accorgimenti da dover adottare
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Guida alla scelta del tiralatte

Quando si diventa mamme per la prima volta si viene a conoscenza di un mondo completamente nuovo, fatto di tutta una serie di oggetti e accessori di cui prima non si sapeva nemmeno l'esistenza, ma che possono essere molto utili, se non fondamentali, per...
Bambino

Come e quando usare il tiralatte

La maternità è di certo uno degli aspetti più belli ed appaganti della vita di una donna. Ma talvolta essere una madre è anche sinonimo di grande impegno, lavoro e fatica. L'aspetto più impegnativo della maternità durante i primissimi tempi di vita...
Bambino

Tecniche e metodi per la conservazione del latte materno

Quando si torna a casa dall'ospedale, dopo il parto, è opportuno per le neo-mamme conservare il proprio latte. Il neonato inizia con poppate minime, succhia circa 20 g di latte materno, ma nei giorni a venire la produzione dello stesso aumenta notevolmente....
Bambino

5 accessori essenziali per l'allattamento

L'allattamento è la fase della maternità in cui il neonato si attacca al seno materno per la propria alimentazione. Il latte materno è molto importante per la nutrizione e la crescita del bambino, soprattutto nei primi sei mesi di vita. Per questo...
Bambino

Come preparare il corredino per il neonato

Come preparare il corredino per il neonato è un aspetto che fa impazzire di gioia le future mamme. Per il proprio piccolo si vorrebbe solo il meglio, come tutti i futuri genitori sperano e si va alla ricerca di tutto ciò che serve per rendere i suoi...
Bambino

Come calcolare quanto deve mangiare un neonato

Molte mamme si chiedono spesso quanto latte materno assuma a poppata il loro bambino. Spesso, infatti, alcune mamme non riescono a somministrare direttamente ai bambini il proprio latte, quindi, utilizzano un tiralatte per estrarre il latte e darlo al...
Bambino

Come stimolare gli ormoni per la produzione di latte materno

Una delle cose più naturali che la vita può riservare ad una donna è l'allattamento al seno. Questo oltre a nutrire il bambino, consente di creare con lui un rapporto speciale fatto di contatto, amore e nutrimento. Significa alimentarlo in ogni senso,...
Bambino

Ciuccio: come sceglierlo

Chi è genitore lo sa, il ciuccio è un alleato fondamentale per tenere a bada i bambini fin dalla più tenera età. L’atto della suzione è un richiamo alla vita, perché da quello dipende la sopravvivenza di un neonato e corrisponde alla fase orale,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.