Come spiegare la Pasqua ai bambini

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La Pasqua è una festa religiosa, che ricorda la Resurrezione, o ritorno sulla terra di Gesù. Questo concetto non è semplice da esporre ai bambini, particolarmente a quelli più piccoli, che magari ne hanno sentito parlare a casa o a scuola e che poi, incuriositi, pongono delle domande dirette molto chiare, come ad esempio "Cos'è la Pasqua?", "Cosa vuol dire Resurrezione?". Per affrontare il tema della morte e della resurrezione non è sempre semplice; bisognerò quindi farlo distinguendo la fascia di età a cui i bambini appartengono. In questa guida vediamo come spiegare la Pasqua ai bambini.

25

Questa festività religiosa, differentemente dal Natale, non ha sempre una data ben precisa (solitamente marzo o aprile) ma sappiamo che cade sempre di Gesù e, dal punto di vista religioso avviene la resurrezione di Gesù, il terzo giorno dopo la sua morte. Ai tempi originari del Cristianesimo, ogni domenica si ricordava la resurrezione, in seguito invece la chiesa decise di celebrare questo accadimento una sola volta durante l'anno. Il calcolo del giorno di Pasqua viene fatto in basse all'equinozio di primavera e alla luna piena.

35

Un elemento ricorrente nelle festività, e anche in quella pasquale, sono i simboli. Ed è proprio da questi fattori che si potrebbe incominciare a presentare il significato della Pasqua ai bambini. Tra i vari simboli abbiamo le uova che indicano il sepolcro vuoto e, quindi, la resurrezione di Gesù, il ritorno alla vita che vince sulla morte; poi vi è la colomba, volatile che simboleggia la primavera, periodo in cui i campi tornano in fiore e che quindi indica una nuova vita. Vi sono anche le campane, con le quali viene annunciato il lieto evento e l'ulivo, albero maestoso, simbolo di pace.

Continua la lettura
45

Anche le tradizioni caratterizzano questa festa pasquale; la più nota è quella di donare le uova di cioccolato. Seppure adesso è un'azione basata sul consumismo è importante ricordare che anche nel passato, durante il medioevo, venivano donate le uova di gallina con il significato di buon augurio. Un altro uso, è quello di dipingere le uova (sode), attività presente nelle scuole. Il motivo per cui queste vengono colorate si individua nel Vangelo, al cui interno si narra che Maria Maddalena, recandosi al sepolcro e trovandolo vuoto, corso dai discepoli per dare loro la notizia di Cristo risorto e Pietro, uno di loro, le rispose: "Crederò a quello che dici solo se le uova in quel cestello diventeranno rosse" e le uova si colorarono di rosso.

55

Dal punto di vista religioso, invece, è importante coinvolgere il bambino agli eventi ricorrenti che si presentano prima della domenica di Pasqua. È importante farlo partecipare alla domenica delle palme, durante la quale potrà portare in chiesa il rametto di ulivo in chiesa per farlo benedire e, in seguito, gli può essere spiegata la settimana Santa: Lunedì, martedì e mercoledì Santo, il tradimento di Giuda nei confronti di Gesù. Importante anche Giovedì Santo, durante il quale si ricorda l'ultima cena di Cristo con gli apostoli e il lavaggio dei piedi: in questo giorno anche si può portare il piccolo in chiesa per farlo assistere a questo accadimento, dove poi generalmente viene anche distribuito del pane benedetto. Il Venerdì Santo invece è il giorno in cui non suonano le campane in quanto si ricorda la morte di Gesù. È solo il giorno successivo, il sabato che le campane riprendono a suonare e in questa giornata si svolgono processioni (in alcuni luoghi viventi e rappresentanti le scene) per ricordare la Via Crucis alla quale possono partecipare anche i bambini, per capire meglio le sofferenze di Cristo. Infine arriviamo alla Domenica, giorno di grande festa perché Gesù è risorto.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

Come spiegare ad un figlio che la mamma ha un nuovo compagno

Il matrimonio è una bellissima cosa, un'unione tra due persone che dichiarano il loro amore reciproco, e che spesso sfocia nel concepimento di un bambino. Purtroppo però non sempre quest'unione ha un lieto fine, e molte sono le storie di separazione...
Famiglia

Come insegnare la parità di genere ai bambini

Come insegnare la parità di genere ai bambini? A parole diventa un concetto troppo difficile da capire. Ecco perché sono importanti gli esempi pratici per mettere i piccoli nella condizione di rendersi conto da soli che maschi e femmine sono uguali....
Famiglia

5 motivi per fare l'orto con i bambini

Al giorno d'oggi ci vengono proposte sempre più attività da svolgere con i bambini: laboratori, gite a tema, viaggi.A volte però, le esperienze più appaganti e costruttive si rivelano essere le più semplici.Se avete a disposizione un appezzamento...
Famiglia

Bambini ad alto potenziale intellettivo: 10 caratteristiche

Per bambini ad alto potenziale si intendono L'intelligenza è un fattore dinamico, che può evolvere se stimolato nel modo giusto per cui è bene riuscire a individuare quelle che possono essere le potenzialità di un bambino per indirizzare il suo sviluppo...
Famiglia

5 esperimenti da fare a casa con i bambini

Passare del tempo con i nostri bambini è una cosa di fondamentale importanza, sono momenti indimenticabili per noi, ma anche per loro, perché i bambini amano passare il tempo con i propri cari e questi momenti restano nella loro mente, indelebili nel...
Famiglia

5 motivi per portare i bambini al parco anche d'inverno

Con la stagione fredda è piuttosto frequente trascorrere intere giornate dentro casa con i bambini che sembrano scalpitare e non stancarsi mai. Perché quindi non uscire e portare i bambini al parco anche in inverno? Sicuramente il freddo aumenta le...
Famiglia

5 motivi per portare i bambini in montagna

L' estate si sta avvicinando e quindi è bene cominciare a programmare la prossima vacanza: mare o montagna? Certamente è difficile scegliere un luogo dove portare i bambini e cercare allo stesso tempo di rilassarsi, ma la montagna offre almeno 5 motivi...
Famiglia

Come giocare a ruba bandiera con i bambini

Chi non ha mai giocato da bambino a ruba bandiera? Si tratta di uno dei giochi più antichi e storici, ma sempre attuale e molto divertente. Se dovete animare una festa di bambini o semplicemente intrattenerli durante le vacanze estive, proponete loro...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.