Come spiegare i 5 sensi ai bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Man mano che i bambini crescono, hanno la necessità di imparare cose nuove. I genitori devono affrontare l'arduo compito di insegnare ai loro figli tutti e 5 i sensi. Molte volte questo si può fare entrando in contatto con il bambino mettendosi dalla sua parte. Bisogna comprendere che il piccolo esplora non solo il proprio corpo, ma anche il mondo circostante. Proprio per questo nasce la necessità di imparare ad interagire con lui. I genitori, ma anche le maestre, devono saper trasmettere al bambino l'uso dei 5 sensi. Questo serve perché impari a comunicare in modo efficace ciò che desidera, che vede, sente o percepisce. Ecco una guida che illustra come spiegare i 5 sensi ai bambini.

27

Occorrente

  • Tanta fantasia
  • Un cartoncino e dei colori
37

I bambini, a seconda dell'età dispongono di un diverso vocabolario. In particolare, quelli più piccoli, non conoscono ancora molte parole ed è difficile spiegare loro in modo discorsivo qualcosa. A questo proposito, l'unico modo sicuro per comunicare e insegnargli i 5 sensi, è quello di utilizzare la pratica piuttosto che la teoria. Si può iniziare disegnando su un cartone tutti e 5 i sensi e le parti del corpo che corrispondono. Quindi, con dei pennarelli colorati, disegnare insieme con lui una bocca per il senso del gusto, un orecchio per quello dell'udito, un naso per l'olfatto, un occhio per la vista e la mano per il tatto. Il bambino così comincerà ad associare ogni senso alla giusta parte del corpo.

47

Il primo senso che andiamo a spiegare è la vista. Il bambino deve capire che attraverso gli occhi può riconoscere colori, forme, oggetti e persone. Per fare questo si possono mostrare al bambino dei colori che dovrà riconoscere. I genitori possono fargli vedere anche delle forme geometriche e dimostrargli che, attraverso la vista, possono distinguere la loro forma, il loro colore e le dimensioni. Un altro esercizio utile è quello di fargli vedere delle fotografie di famigliari che conosce (zii, cugini, nonni ecc.) e invitarlo a riconoscerli. Inoltre, attraverso questo senso, possiamo spiegare al bimbo che può notare le differenze e i cambiamenti che si verificano attorno a lui. Ad esempio si può far vedere un oggetto per qualche minuto e poi nasconderlo invitandolo a descrivere ciò che ha visto.

Continua la lettura
57

Il secondo senso è quello dell'udito. Per insegnare al bambino l'importanza di questo senso possiamo fargli sentire una canzone o i versi degli animali. Tutto questo per fargli capire che il senso dell'udito serve per distinguere i suoni. In questo modo associa ad ogni oggetto o animale un suono e sarà in grado di riconoscerli anche quando lo sentirà in futuro. Inoltre, basta spiegargli che anche il suo nome, cosi come quello dei genitori e degli amici, è un suono. Riproducendo quel suono si può richiamare l'attenzione della persona interessata e, lui stesso, può rispondere quando sente il suo nome.

67

Per quanto riguarda il tatto, si può far capire l'importanza di questo senso spiegando che, anche senza vedere né sentire, può riconoscere un oggetto, una persona o un animale. Tutto questo semplicemente toccandolo o accarezzandolo. Far chiudere quindi gli occhi al bambino e fargli prendere in mano un peluche o una palla. Invitatelo a dirvi di cosa si tratta. Fargli capire che attraverso il tatto può riconoscere anche un oggetto caldo o freddo. Far toccare una cosa congelata e spiegargli che quella sensazione che sente si chiama freddo. Procedere così anche per le cose ruvide, morbide ecc.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • All'inizio i bambini vi faranno molte domande e quindi abbiate molta pazienza rispondendo loro con calma

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come spiegare ai bambini la festa del 1 maggio

Ci sono feste facili e feste difficili da spiegare. Sicuramente il 1 maggio non è la più semplice da capire, per i bambini. Non servono giri di parole, ma non ci sono neanche "storie" da raccontare. L'approccio migliore per chiarire anche ai più piccoli...
Bambino

Come spiegare ai bambini la differenza tra suono e rumore con un gioco

Nel corso dell'età prescolare, i bambini sono molto affascinati da tutto ciò che stimola la loro curiosità ed i loro sensi in pieno sviluppo; giocare diventa soprattutto un'attività di scoperta e, allo stesso tempo, scoprire il mondo che li circonda...
Bambino

Come spiegare ai bambini la festa dei Lavoratori

Il primo maggio è la festa dei lavoratori, una celebrazione nota ai più piccoli perché, a meno che non cada nel fine settimana, non si va a scuola. Ma i bambini sanno perché è un giorno contrassegnato in rosso sul calendario? E come spiegare loro...
Bambino

Come spiegare il significato delle bugie ai bambini

Tutti abbiamo detto una bugia, almeno una volta nella nostra vita. Allo stesso modo, tutti i bambini mentono o hanno mentito almeno una volta durante la loro infanzia. Mentire non è sempre negativo, a volte si mente per proteggere. Spesso noi adulti...
Bambino

Come spiegare il concepimento ai bambini

Quando i bambini arrivano ad una certa età, le domande e le curiosità su ogni cosa diventano sempre più frequenti. I bambini, cominceranno già in tenera età a porvi delle domande, spesso anche molto imbarazzanti a cui avrete magari difficoltà a...
Bambino

Come spiegare ai bambini il significato del 25 Aprile

Il 25 Aprile, come tutti sanno, è la Festa della Liberazione. Questa giornata è molto importante perché ha un grandissimo significato politico per la storia d'Italia. Essa infatti ricorda il giorno della resistenza dei partigiani e la fine della seconda...
Bambino

Come spiegare ai figli come nascono i bambini in 5 mosse

Prima o poi per ogni genitore arriva la fatidica domanda su come nascono i bambini e ci si ritrova a cercare un modo di spiegare quello che la natura fa con molta semplicità. La mente così si affolla di tabù, elenchi di parole da non usare e mille...
Bambino

Come spiegare ai figli come nascono i bambini

Tutti i bambini sono curiosi di sapere come sono nati e prima o poi chiederanno spiegazioni ai propri genitori. Meglio mostrarvi sicuri e preparati, privi di imbarazzo. Le parole spesso arrivano da sole quindi non serve pensarci troppo, o dilungarsi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.