Come si calcola il fabbisogno di latte di un neonato

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Finalmente abbiamo il nostro piccolo cucciolo tra le braccia! Niente più nausee. Niente più pancione che non ci permette di allacciare le scarpe da sole. Niente più mal di schiena da non dormire la notte. Tutto assolutamente come prima! Sicure? Eh no! Ora.. Proprio ora cambia tutto! Pannolini. Pianti da interpretare. Ombelico da medicare. Seno dolente. Un bambino, soprattutto il primo figlio, ci porta ad affrontare cose che nemmeno avremmo immaginato! Una tra tante la quantità di latte che dovrebbe prendere nell'arco della giornata. Sì perché c'è chi opta per dare il seno a richiesta del bebè, chi vuole già dare degli orari al piccolo e chi non ha latte materno o non ne ha a sufficienza. Qualsiasi sia la casistica in cui ricadiamo l'importante è assicurarsi che ci sia una crescita del neonato: poco o tanto il piccolo deve crescere. Solitamente ci viene detto che un neonato deve prendere circa 150/200 g di peso a settimana. Quindi proviamo a capire quale sia il giusto fabbisogno di latte di un bambino e come si calcola, in modo da assicurarsi che prenda il giusto peso settimanale.

26

Occorrente

  • Amore
  • Pazienza
  • Bilancia
36

Allattamento esclusivo al seno o artificiale

Spesso durante la gravidanza ci chiediamo se avremo latte a sufficienza per fare quella cosa tanto amata dalle mamme: allattare al seno il nuovo arrivato. Oggi molti ospedali cercano di favorire l'allattamento esclusivo al seno, ma dobbiamo sempre tener conto anche di noi stesse e di quello che proviamo. Sentiamo cose del tipo "è un momento magico, solo mio e del mio piccolo", "io ho allattato il mio bambino fino a un anno" ecc.. Ma ci sono mamme silenziose che raramente ammettono di non essere riuscite in questa impresa, o per mancanza di latte, o perché per loro era un momento di dolore dove non riuscivano a vivere l'allattamento con serenità. Qualsiasi sia la motivazione che ci porta a scegliere come nutrire il nostro bambino ricordiamoci che si parla del nostro corpo e di un momento dove gli ormoni ci stanno già dando filo da torcere. Quindi optiamo per l'allattamento che più vediamo adatto al nostro stile di vita e alle nostre esigenze, poi di conseguenza sapremo quale sia il giusto fabbisogno di latte per i nostri bebè anche grazia ai passi successivi di questa guida.

46

Allattamento al seno

Spesso viene sconsigliato di pesare il bambino prima e dopo ogni poppata. Meglio sarebbe non farlo sempre, ma di diradare questo compito ad un giorno a settimana. Ciò non significa che, se il bambino nell'arco della settimana mangia poco, noi si debba aspettare lo scoccare del settimo giorno per constatarne la crescita. L'allattamento al seno, spesso su richiesta del piccolo, è perfetto se si contano circa 5 pannolini bagnati di pipì e fa cacca regolarmente. Inoltre basta osservare il nostro cucciolo. Il momento della poppata deve essere sereno per entrambi. Noi mamme possiamo riscontrare qualche problemino, ma se vogliamo portare avanti l'allattamento al seno, l'importante è che il bambino sia tranquillo e non pianga mentre è attaccato.

Continua la lettura
56

Allattamento artificiale

Quando si opta o si è costretti a nutrire il nuovo arrivato con il latte artificiale è bene seguire gli orari che ci indica il pediatra o semplicemente regolarci in base al numero di pasti che deve fare in una giornata. La giusta quantità di latte da preparare viene quasi sempre indicata dal pediatra, ma da un controllo all'altro il bambino cresce ed è possibile che si debba integrare un pochino la dose. In questo è possibile ricorrere ad un piccolo calcolo. Solitamente viene diviso il peso (in grammi) del neonato per 10 e alla cifra ottenuta si aggiunge 250. Il risultato è il quantitativo giornaliero di latte. Facciamo un esempio pratico. Il nostro cucciolo pesa 4 kg. Allora faremo 4000/10=400, poi 400+250=650. Bene! Se stiamo somministrando il latte in 6 dosi al giorno, il piccolino dovrà prendere circa 110 g di latte a poppata, 650/6=108,3.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Questi passi vogliono solo essere dei piccoli consigli, poi ogni bambino è un mondo a sé e le uniche persone che possono dire veramente di cosa ha bisogno un neonato sono il pediatra e, ovviamente, la sua mamma.
  • I primi tempi non dobbiamo temere di disturbare il pediatra. Chiamiamolo per ogni dubbio!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Cosa fare se al neonato va di traverso il latte

Per molte donne, non esiste evento più lieto della nascita del proprio bambino. Generare nuova vita regala una nuova prospettiva a ogni mamma. La propria vita cambia e ogni priorità del piccolo diventa la nostra. Un neonato ha bisogno di tutte le nostre...
Bambino

Come capire se il neonato non digerisce il latte

Tutte le neomamme cercano di capire se il loro piccolo digerisce o meno il latte, molte si preoccupano se il neonato dopo la poppata non fa il ruttino, oppure se rigurgita o addirittura si allarmano se notano che è un po' agitato o ha il singhiozzo....
Bambino

Come diluire il latte vaccino per il neonato

Il latte, per l'essere umano, è un alimento indispensabile. Viene adottato nella dieta del neonato fin dai primi giorni di vita, specie quando non è possibile procedere con l'allattamento materno. L'allattamento al seno è uno tra i gesti più naturali,...
Bambino

Come si forma il latte materno

Per il nutrimento di un neonato è sempre preferibile utilizzare il latte materno piuttosto che quello artificiale. È generalmente risaputo, infatti, che il latte della mamma contiene diverse sostanze nutritive utili alla crescita psico-fisica del bambino....
Bambino

Come capire se il latte materno è buono

L’alimento materno è perfetto per rispondere a tutte quelle che sono le esigenze nutritive del neonato. La natura lo ha perfezionato nel corso di milioni di anni, pertanto non solo è sempre adeguato e perfetto per la crescita e la salute del bebè,...
Bambino

Come capire se si ha abbastanza latte materno

Prima della nascita del bebè e durante gli ultimi tre mesi di gravidanza, il seno della futura mamma si prepara alla produzione del latte materno che costituirà il principale nutrimento per il nuovo nato. L'allattamento al seno è particolarmente importante,...
Bambino

Come stimolare un neonato pigro

L'allattamento al seno di un piccolo neonato è, di certo, una bellissima esperienza per una giovane mamma. Allattare un bambino è una perfetta occasione di intesa, magica ed irripetibile, tra il neonato e la sua preziosa mamma. Alcuni neonati, però,...
Bambino

Rigurgito neonato: cause e rimedi

Il rigurgito del piccolo neonato è anche chiamato reflusso, ed è uno dei fenomeni che maggiormente preoccupa i genitori nei prima mesi di vita dei loro piccoli. Anche se è un disturbo molto comune, che soltanto in casi molto rari potrà sfociare veramente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.