Come sgonfiare la pancia dopo il parto

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Dopo una gravidanza i tessuti epidermici del ventre risultano spesso rilassati con la conseguente causa di apportare un antiestetico cuscinetto nel giro vita. Questo è un avvenimento assolutamente naturale che non dovrebbe provocare problematiche importanti in una donna in quanto il fisico femminile è predisposto proprio per mutare, cambiare ed in breve ritornare come prima della nascita del bambino. Sgonfiare la pancia dopo il parto è un obbiettivo che va perseguito con calma e tranquillità, con la consapevolezza che col tempo il corpo ritroverà il suo giusto equilibrio. Avere un bambino è un'esperienza splendida che muta radicalmente la vita di una donna: per le prime tre settimane, l'unico pensiero dovrà essere solo quello di vivere al meglio questa splendida avventura, in seguito si potranno seguire dei piccoli e semplici accorgimenti che aiuteranno a ritrovare una forma ottimale.

27

Occorrente

  • alimentazione sana
  • esercizio fisico
37

Una buona alimentazione è alla base di tutto: evitare diete drastiche e fai da te, soprattutto se si sta allattando; fondamentale è rifornirsi di una giusta dose di calorie per il fabbisogno giornaliero, ricordando che questo è un periodo nel quale si avrà bisogno di molte energie per potersi occupare al meglio del nuovo arrivato. Imparare a consumare in maniera regolare un buon quantitativo di frutta e verdura che, oltre ad apportare una sana dose di vitamine e sali minerali indispensabili per l'organismo, saziano e tolgono il senso di fame soprattutto se consumate crude; evitare cibi troppo fritti, eccessivamente grassi e saturi di calorie. Cercare di fare pasti ad orari regolari consumando alimenti sani; concedersi, quando se ne sentirà il bisogno dei piccoli sfizi: un buon dolce saprà ricompensare le energie spese per occuparsi del piccolo.

47

L'esercizio fisico dovrà essere svolto in maniera graduale: per cominciare si potranno svolgere delle camminate della durata di mezz'ora ogni giorno, cogliendo l'occasione di portare a spasso il bambino con la carrozzina. Questa azione potrebbe sembrare una banalità invece è un vero toccasana in quanto sono numerosi gli effetti benefici che se ne potranno trarre. Passeggiando a passo regolare si mettono in moto tutta una serie di circostanze che aiuteranno i muscoli addominali a ritrovare tonicità.

Continua la lettura
57

Passato un mese e mezzo dal parto, se le forze lo consento, si potrà iniziare un allenamento light mirato nello specifico alla zona da tonificare. In posizione prona, appoggiare i gomiti al pavimento ed allinearli alle spalle, sollevare e distendere le braccia fino a che non si sentirà una leggera tensione all'addome, restare in trazione per 15 secondi e ritornare nella postura iniziale, ripetere per 5 sequenze. In posizione supina, piegare le gambe tenendo i talloni ben piantati a terra; con le mani dietro al capo come ausilio, sollevarsi leggermente da terra ed eseguire 10 piegamenti respirando correttamente per portare un buon flusso di ossigeno alla muscolatura. Partendo come nel secondo esercizio sollevarsi e toccare il ginocchio destro con la mano sinistra per 15 ripetizioni ed effettuare lo stesso dal lato opposto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Parto

5 segnali che il parto si avvicina

Quali sono i 5 segnali che ci fanno capire che il parto si sta avvicinando? Alcuni sono più evidenti, altri meno... Ma è importante conoscerli e soprattutto saperli riconoscere al momento opportuno. Ci sono infatti una serie di piccoli accorgimenti,...
Parto

Ansia da parto: come tranquillizzarsi

La donna attraversa uno dei periodi più belli ma anche più difficili della sua vita, quando decide di avere un figlio. Durante la gravidanza le ansie che ogni donna sviluppa nei confronti della gravidanza stessa, del parto e della maternità, sono molteplici...
Parto

Guida agli ospedali attrezzati per il parto in acqua

Negli ultimi 10 anni le ricerche hanno dimostrato che l'immersione in acqua calda può abbreviare il parto e renderlo meno doloroso. Partorendo in acqua, le donne hanno meno probabilità di richiedere l'uso di farmaci come petidina o epidurale, per diminuire...
Parto

Cordone ombelicale annodato: i rischi

In questa guida, vogliamo tentare di aiutare tutti i nostri lettori e lettrici, che magari sono in attesa del proprio figlio, a capire qualcosa di più sul cordone ombelicale. In questo modo si potrà imparare quali sono i veri rischi che si corrono,...
Parto

Come affrontare la nascita del secondo figlio

Scoprirsi in attesa del secondogenito può essere un evento programmato o del tutto inaspettato, ma di certo non è meno emozionante della prima gravidanza. Alla stessa maniera, però, questo avvenimento può essere accompagnato da paure e tensioni, vissute...
Parto

I 5 comportamenti da evitare durante il travaglio di vostra moglie

La gravidanza è un periodo magico, che riempie di felicità ed allo stesso tempo incute qualche timore ai futuri genitori. Se le vostre mogli vedono nell'ultima fase del parto, quella espulsiva, l'ostacolo più grande, per voi "quasi papà" lo spauracchio...
Parto

Come riconoscere la rottura delle acque

La rottura delle acque, generalmente, avviene alla fine della gravidanza e preannuncia l'inizio del parto. Quando la pressione del liquido amniotico si fa più forte, le membrane del sacco che circondano il feto si contraggono e spingono il bambino verso...
Parto

Yoga in gravidanza: come fare

Lo yoga per le donne in dolce attesa è un'attività utile non solo per rilassarsi, ma anche per facilitare la fase precedente al parto; inoltre aiuta a mantenere la forma e fa bene anche alla salute del bambino. Lo yoga prenatale può essere praticato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.