Come scoprire se il bambino ha problemi alla vista

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I problemi alla vista sono molto frequenti specie nei primi anni di vita ma con una accurata diagnosi e una altrettanta tempestiva cura si possono rilevare guarigioni totali. In questa guida vedremo come scoprire se il bambino ha problemi di vista. È sempre bene ricordare che un neonato presenta la capacità di vedere, nel primo mese, alla distanza tra la sua testa e gli occhi della madre che lo allatta, praticamente 1/20 i diottria che aumenta nel primo anno fino a 4/10, andando sempre affinandosi poi. Una corretta prevenzione con visite ogni quattro mesi per i primi due anni di vita, consente all'apparato visivo di svilupparsi correttamente evitando l'innescarsi di circoli viziosi per cui, non arrivando immagini nitide al cervello, il bambino arrivi a presentare disturbi psicomotori, cognitivi e visivi, di conseguenza. Ma quali sono i principali difetti visivi nel bambino e quali i campanelli d'allarme?

26

Primo passo

"Occhio Pigro" (un occhio meno potente dell'altro, curabile bendando l'occhio sano per stimolare il meno potente), astigmatismo (occhi fuori asse che causano immagini poco nitide e sfocate), miopia, strabismo. Tutti problemi risolvibili ma se trascurati che possono portare, al momento dell'asilo e soprattutto della scuola, scarsa resa, stanchezza, casi di dislessia, deconcentrazione e difficoltà di comprensione.

36

secondo passo

Al di là dell'osservazione diretta degli iridi che devono sempre essere omogenei e regolari in forma e colore, e della corretta asse di sguardo per notare principi di strabismo, sono a considerarsi campanelli d'allarme: bruciore, rossore, lacrimazione eccessiva, escrezione abbondante di cispa, stanchezza e mal di testa frequenti, necessità di strizzare e stropicciare gli occhi per concentrarsi, palpebra pesante, occhi troppo grandi i troppo piccoli. Naturalmente nel caso di un neonato, difficilmente si possono rilevare piccoli problemi di vista, dato che il bambino non parla e non è soggetto a stimoli come la lettura. È per questo che una repentina visita di controllo entro i primi mesi può essere illuminante su eventuali problematiche. Prestate attenzione alle fotografie: se il riflesso del flash negli occhi è bianco anziché rosso, occorre recarsi dall'oculista.

Continua la lettura
46

terzo passo

Spesso i problemi alla vista sono dovuti a un eccessivo livello d'insulina. In tal caso una corretta dieta che limiti glutine e cibi zuccherati può senza dubbio favorire un netto miglioramento, senza ricorrere subito a occhiali e lenti correttive. Genitori, "occhio" agli occhi dei vostri figli. La vista è un senso fondamentale dal quale dipendono concentrazione, lucidità ed efficienza, tutte qualità indispensabili per una vita vissuta al massimo.

56

Quarto paso

Avere un problema agli occhi può vedersi anche attraverso lo sguardo assente, problemi nel seguire oggetti in movimento, difficoltà nell'afferrare gli oggetti, cadute a terra frequenti, problematiche a evitare ostacoli o assumere una postura anomala con il capo soprattutto guardando gli oggetti da molto vicino. Attenzione anche all'igiene degli occhi, lavarsi le mani e non far toccare giochi che contengano delle punte o dei liquidi aggressivi che potrebbero fuoriuscire. Potrebbe anche succedere che le malattie della vista siano di natura ereditaria come: (retinite pigmentosa, strabismo, glaucoma congenito, e cataratta congenita), che predispongono i bambini a un problema visivo. Un altro problema che potrebbe essere causa di problemi di vista per i bambini e quando la madre incinta contrae delle infezioni come la rosolia o la toxoplasmosi, o invece le malattie prenatali del bambino che abbiano avuto qualche problema alla nascita come i bambini prematuri.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • visita oculistica una volta ogni 4 mesi per il primo anno e mezzo. Se non ci sono problemi una volta all'anno
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come scoprire se il bambino è mancino

Il mancinismo è un fenomeno molto particolare. Sul suo studio si sono soffermati molti studiosi per capirne l'origine e le conseguenze. La preferenza per l'uso della mano sinistra interessa solo il 10% della popolazione mondiale. Secondo diversi studi...
Bambino

Problemi del linguaggio: come affrontarli

Cedere subito all'ansia ed andare in allarme quando il proprio bambino inizia a mostrare delle difficoltà di linguaggio, non sembra essere una buona reazione al verificarsi di una situazione inattesa. Ovviamente come è risaputo ogni individuo, bambino...
Bambino

Come scegliere gli occhiali da vista per i bambini

Sono molti i bambini che necessitano di indossare gli occhiali da vista; specialmente negli ultimi periodi, lo stare sempre davanti a un computer o alla playstation non fa altro che peggiorare la vista. In giovane età, quando non se ne comprende ancora...
Bambino

Problemi di comportamento nei bambini: come affrontarli

Gestire i bambini non è cosa facile! Capiamo come distinguere i problemi di comportamento nei bambini: come affrontarli.Alcune ricerche hanno dimostrato come in età evolutiva si sviluppano maggiormente i problemi comportamentali e relazionali nei bimbi....
Bambino

Come proteggere la vista dei bambini

Prestare attenzione alle abitudini di vita dei piccoli è fondamentale per monitorare eventuali problemi a carico della vista. I genitori o coloro i quali si prendono cura dei bambini sono essenziali nell'evidenziare precocemente un possibile disturbo...
Bambino

5 consigli per proteggere la vista dei vostri bambini

Proteggere i propri bambini dai pericoli del mondo esterno è una delle più grandi preoccupazioni di un genitore. Altrettanto importante è proteggerli anche all'interno della casa. Per questo, esistono tutta una serie di precauzioni da adottare per...
Bambino

Cosa acquistare in vista dello svezzamento

Tutte le mamme, quando si avvicina il periodo dello svezzamento, tendono a farsi prendere dall'ansia e dal panico. Si tratta, infatti, di una fase molto delicata nella vita del proprio bambino il quale inizierà a distaccarsi dall'alimento primario, ovvero...
Bambino

Come aiutare i bambini ad affrontare i problemi

A seconda dell'età non sempre è semplice aiutare i bambini ad affrontare i problemi.A volte non sanno esprimere il loro disagio o la loro sofferenza indirizzandoli nella giusta direzione.Altre volte invece non sanno spiegare il problema che li afflige...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.