Come sapere se un bambino è daltonico

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il daltonismo è un disturbo del senso cromatico che rende incapaci di distinguere perfettamente i vari colori. Questo difetto prevalentemente di origine genetica è un vero e proprio disturbo della percezione visiva. A volte può manifestarsi anche durante il corso dell'esistenza, in seguito ad alcuni danni agli occhi, ai nervi o al cervello. Ma nella maggior parte dei casi si tratta di un difetto congenito. L'attenzione di ogni genitore nei confronti dei propri bambini deve essere il primo screening al riguardo. Verificare questo genere di capacità visiva bei bambini è molto importante. Il tutto solitamente diviene possibile non appena il bambino stesso impara la differenza fra i colori. In questi casi però le conclusioni non devono essere mai affrettate. Una piccola perplessità del bambino nella distinzione dei colori non deve portare alla diagnosi che sia daltonico. Spesso si tratta solo di tentativi errati da parte del bambino stesso nel nominare i diversi colori. Magari, può semplicemente essere che il bimbo non li sa indicare nel modo corretto. Il daltonismo si verifica più frequentemente nei maschi, per via di questioni genetiche. Ma vediamo allora come sapere se un bambino è daltonico.

27

Occorrente

  • Attenzione, prudenza, pazienza e costante monitoraggio verso il bambino.
37

Aspettare il momento giusto

Per sapere se un bambino è daltonico bisogna considerare l'evoluzione della sua visione nel corso degli anni. Questa infatti si svolge lentamente ed in modo sempre diverso. Per cui non è detto che sia completamente evoluta ad una certa età. Nei primi anni di vita è normale che il bambino non distingua bene i colori. Per sapere con certezza se il bambino ha questo deficit visivo, il periodo più adatto è quello della frequenza scolastica. Non è necessario controllare il bambino al microscopio. Soprattutto se egli non manifesta alcun difetto di visione. Tuttavia, bisognerà pur cominciare a verificare in qualche modo le sue capacità e i suoi progressi. Sia a casa che a scuola. Per prima cosa è bene collaborare con gli insegnanti, che saranno i primi a rendersene conto.

47

Non causare disagio

Prima della scuola materna il bambino non ha la completa capacità di chiamare i colori con il loro nome. In ogni caso potrebbe non avere la pazienza di rispondere alle nostre domande e permetterci di esaminarlo. Pertanto, per sapere se è daltonico, inizialmente non bisogna insistere troppo per evitare di confonderlo o, peggio, di causargli ansie e stress gratuitI. È più giusto concedergli tutto il tempo necessario per la corretta individuazione dei colori e la memorizzazione dei loro nomi. Con prudenza e molto tatto, quindi, si possono utilizzare alcuni test, fingendo che si tratti di un gioco. È fondamentale che il bambino non si senta sotto esame. Ciò che potrebbe causargli disagio e compromettere anche l'esito di futuri esami.

Continua la lettura
57

Individuare i rimedi

Il daltonismo più lieve si traduce soprattutto nell'incapacità di distinguere il rosso dal verde. Invece, se un bambino è totalmente daltonico, vedrà in modo monocromatico. Ossia avrà la visione delle sfumature di grigio, senza però poter percepire tutti i colori. Questo tipo di daltonismo è molto raro. Si stima che colpisca soltanto un soggetto ogni circa 30.000. Ma è possibile riconoscerlo già in tenerissima età. Un bebè appena nato deve ancora sviluppare le sue cognizioni visive. Già dopo qualche settimana è però già in grado di riconoscere contrasti di colori netti. Come, ad esempio, il bianco e il nero. Nel bambino la visione dei colori subisce una costante evoluzione. A circa sei mesi di vita, egli avrà una visione a colori più competa. Verso i due anni di età, riuscira' invece ad abbinare i colori. Mentre a tre anni inizierà a denominarli e distinguerli. Passerà comunque ancora del tempo perché li possa individuare correttamente. Per sapere se un bambino è daltonico, bisogna seguirlo nelle sue fasi di crescita. Solitamente la precisa determinazione dei colori avviene fra i quatto e i sei anni di età. http://www.nostrofiglio.it/bambino/bambino-3-6-anni/salute-3-6-anni/daltonismo-nei-bambini-come-riconoscerlo-prima-della-visita

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Collaborare con gli insegnanti sin dall'inizio della scuola materna.
  • Se persistono dei dubbi, rivolgersi ad uno specialista.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come stimolare un bambino a camminare

Quando un bambino inizia a camminare? Senza dubbio quando glielo consentono le strutture ossee e muscolari ma anche quando tutte le funzioni neurologiche che permettono la marcia sono appropriatamente mature. Un altro aiuto fondamentale, quando il bambino...
Bambino

10 cose da sapere sul latte artificiale

Il latte artificiale è indubbiamente una buona soluzione qualora l'allattamento al seno sia impossibile. Tuttavia ci sono 10 cose da sapere sul latte artificiale prima di somministrarlo al bambino se si vuole essere sicuri.
Bambino

Come aiutare il bambino a superare un lutto

Perdere una persona cara succede prima o poi a tutti. Se la persona è un familiare molto stretto, come un genitore, un fratello o un nonno, la vita non sarà mai più come prima. Quando la perdita accade ad un bambino, gli adulti non sanno proprio come...
Bambino

Come far dormire un bambino senza ciuccio

Quando si è alle prese con un bimbo molto piccolo gioie e dolori sono infiniti. Ci sciogliamo quando ci sorride o ci chiama mamma, e per la sua felicità saremmo disposti a tutto. Ma i problemi arrivano la notte. Quando il nostro pupo di dormire non...
Bambino

Come insegnare al bambino a parlare bene

Per i figli imparare a parlare bene è una delle prime tappe cruciali della loro vita, così come lo è, ad esempio, imparare a camminare. Questa prima grande conquista del bambino ha bisogno però di tanta costanza e pazienza da parte dei genitori, senza...
Bambino

Come posizionare un bambino per allattarlo con il biberon

All'interno della seguente guida andremo a occuparci di bambini. Nello specifico, andremo ad approfondire l'allattamento del bambino. Ci porremo questa specifica domanda: come si deve posizionare un bambino per allattarlo al biberon? La guida sarà molto...
Bambino

Come aiutare un bambino a non essere geloso degli altri

Iniziamo subito col dire che crescere un bambino ed educarlo al meglio è una delle imprese più difficoltose e allo stesso tempo impegnative per un genitore o per un educatore. Uno dei momenti più difficili da superare infatti, è quando nasce un fratellino,...
Bambino

Come stimolare un bambino pigro

I bambini non sono tutti uguali: ognuno di loro ha una personalità molto differente e sta ai genitori cercare di capire il figlio mettendo in risalto i suoi lati migliori e minimizzando tutte quelle che possono essere le sue debolezze, in modo da accrescere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.