Come rispondere alle sfide dei bambini

Tramite: O2O 22/07/2020
Difficoltà: media
19

Introduzione

Incentivare l'autonomia del bambino è molto importante per accrescere la fiducia in sé stesso e il suo spirito d' iniziativa: ciononostante il compito di ogni bravo genitore è prima di tutto quello di dare al proprio figlio un insieme di norme e di valori che siano in grado d' orientare e guidare il suo comportamento. L'imposizione di regole al bambino rappresenta quindi il primo passo verso la sua totale indipendenza e non un modo per tarpargli le ali e impedirgli di spiccare il volo. A volte però gestire un neonato o un bambino può risultare non molto semplice, sopratutto se il piccolo con cui avete a che fare è dotato di un carattere intraprendente e ribelle. E quanto più il papà e la mamma appariranno altalenanti e insicuri nell'imporre le proprie regole, tanto più il minore potrebbe riuscire a prendere il sopravvento: dietro a quelli che potrebbero sembrare a prima vista solo dei capricci immotivati ed inutili, potrebbe infatti celarsi il tentativo di vostro figlio di testare la vostra autorità per comprendere fino a che punto possa spingersi la sua libertà d'azione. Per accompagnare il bambino verso un corretto percorso di crescita basato prima sull'interiorizzazione di regole e valori e poi sulla propria autonomia decisionale, occorre che i genitori siano perfettamente in grado di gestire anche questo tipo di situazioni. Ecco dunque una serie di consigli utili su come rispondere alle sfide dei bambini.

29

Occorrente

  • Giocattoli
  • Musica
  • Computer
39

Mantenere la calma

Di fronte ai capricci e alle richieste immotivate del proprio bambino, molti genitori appaiono del tutto paralizzati e incapaci di agire per imporre la loro volontà. Dopo un'iniziale reazione di imbarazzo, il genitore potrebbe anche reagire con rabbia, alzando la voce e rimproverando pesantemente il figlio il quale, vedendo il padre e la madre andare nel pallone, anziché farsi più rispettoso ed ubbidiente, potrebbe anche diventare più insistente e difficile da contenere. Di norma tutti i bambini intorno ai due anni attraversano questo passaggio, che rientra nel normale processo di sviluppo cognitivo dell'infante, allo scopo di imporre la propria personalità su quella dell'adulto. È molto importante che il genitore reagisca nel modo appropriato, mantenendo il più possibile la calma e la lucidità necessaria per affrontare il proprio piccolo: mostrarsi isterici ed arrabbiati, infatti, non fa che aumentare il desiderio del minore di violare le regole imposte dalla famiglia, come ad esempio quella di non mangiare le merendine prima della cena o di lavarsi i denti prima di andare a dormire. Se il bambino fosse molto piccolo, il suo capriccio potrebbe anche essere manifestazione di sonno o di noia, provate quindi a calmarlo cullandolo fra le braccia o provando a distrarlo con una canzoncina o un sonaglino.

49

Esaminare la coscienza

La provocazione lanciata dal bambino è un chiaro segnale di come egli stia cercando di delineare la propria autonomia, distinguendo un "io" da un "tu". Per rispondere adeguatamente alla necessità di costruire un'identità chiara e diversa rispetto all'autorità genitoriale, occorre quindi interpretare la natura delle sfide lanciate e attribuire loro il giusto significato. Molto spesso infatti questo è solo un modo da parte di vostro figlio per ottenere maggiori attenzioni, magari perché si sente trascurato. Fatevi quindi un esame di coscienza e chiedetevi se forse negli ultimi tempi il lavoro o altri impegni vi hanno assorbito un po' troppo, tenendovi magari lontano da vostro figlio e dalle sue necessità. Se così fosse, è probabile che basterà dedicargli un po' di tempo in più al giorno, soffermandosi ad ascoltare tutte le cose che ha da dire e da raccontare e non essendo avari di baci, abbracci e carezze ogni volta che lo avete sotto tiro. Vedrete che pian piano anche il più ribelle dei bambini diventerà docile e mansueto allo scopo di non infrangere l'ottimo rapporto instauratosi con voi.

Continua la lettura
59

Sostenere i bambini

Al contrario, se vostro figlio fosse sempre al centro delle vostre attenzioni, al punto tale che negargli qualcosa risultasse per voi impossibile al fine di non contraddirlo e di non farlo piangere, è probabile che i capricci siano invece un tentativo da parte sua di affermare il bisogno di avere un orientamento. Il lassismo, così come l'iper- protezione, genera nel bambino una sensazione di smarrimento, che porta il piccolo a reagire con comportamenti provocatori. In assenza di regole ferme e certe, il bambino potrebbe sentirsi investito di un carico di responsabilità che, data l'età, risulta ancora troppo difficile da sostenere. Ecco dunque che diventa molto importante essere estremamente risoluti nell'imporre delle regole educative al bambino fin da quanto egli è molto piccolo: è inoltre fondamentale che padre e madre siano solidali in questo processo, senza mostrare indecisioni. Se la madre vieta e il padre concede (o viceversa), la reazione più immediata di vostro figlio sarà il disorientamento.

69

Adottare una strategia

Le strategie più efficaci per affrontare comportamenti sfidanti sono principalmente focalizzate
prevenzione di comportamenti sfidanti e promozione di comportamenti sociali adeguati. Queste strategie
includere manipolazioni ambientali, fornendo attenzione e feedback positivi ai bambini e
insegnare abilità sociali e competenze emotive. Anche quando sono presenti queste pratiche, alcune
i bambini piccoli si impegneranno in comportamenti sfidanti. Ci sono diverse strategie che puoi usare quando
rispondere a comportamenti sfidanti, ma questi dovrebbero sempre essere combinati con più intenzionali
pratiche di promozione e prevenzione. L'uso di queste strategie di risposta ha lo scopo di ridurre il
probabilità di comportamenti sfidanti, ma non saranno efficaci senza attenzione attenta e intenzionaleinsegnare abilità sociali e competenze emotive. Di fronte ad un bambino che si rifiuta di obbedire, che reagisce ad un'imposizione rompendo oggetti o urlando, i genitori devono innanzitutto dare risposte coerenti e mai contraddittorie, evitando di palesare eventuali punti di disaccordo. No alle punizioni fisiche, sì alle spiegazioni: bisogna offrire delle motivazioni che permettano al bambino di capire perché "non si fa". D'altro canto, quando il capriccio e la sfida sfociano nell'aggressività occorre mostrare fermezza, rigore e decisione. Se non si riesce a tenere fede ad una punizione e si cede alla facile tentazione di concedere tutto pur di calmare lo stato di nervosismo, il rischio è quello di perdere definitivamente credibilità e potere decisionale.

79

Mantenere le interazioni

Quando i bambini si impegnano in comportamenti sfidanti, mantenere le interazioni con loro a
minimo durante questi episodi. Dovresti garantire la sicurezza del bambino fornendo al contempo il minimo
attenzione al comportamento stimolante. Questa raccomandazione si basa sul fatto che i due
le ragioni più probabili per comportamenti sfidanti sono: (1) tentativi di attirare l'attenzione o (2) tentativi di
evitare o sfuggire a un'attività non preferita. A volte se assistiamo ai bambini durante questo periodo,
stiamo rafforzando il loro comportamento inappropriato.
Quando i bambini si impegnano in comportamenti difficili, interrompere e reindirizzare il bambino verso
comportamento alternativo appropriato usando attenzione, discussione ed emozione minime. Il tuo
il reindirizzamento dovrebbe concentrarsi sull'affermazione di ciò che il bambino dovrebbe o potrebbe fare.6. Metti il 95% del tuo tempo e attenzione nell'insegnamentodi comportamenti sostitutivi e farlo quando il bambino lo è non impegnarsi nel comportamento stimolante. Se e quando i bambini sono turbati e coinvolti in comportamenti sfidanti,è probabile che i tuoi sforzi di insegnamento saranno minimiefficace. Pianifica intenzionalmente opportunità di insegnamento l'abilità sostitutiva per tutto il giorno prima, è probabile che si verifichino comportamenti stimolanti che focalizzino la maggior parte i tuoi sforzi su queste istruzioni.

89

Dedicare il tempo

Ricorda che ciò che mantiene comportamenti sfidantiaccadendo sono le cose che accadono dopo il comportamentosi verifica (ad esempio, un reindirizzamento, dicendo: "stop", che viene scortatonell'angolo accogliente durante un grande gruppo). Se impegnativo il comportamento sembra ripetersi, considera ciò che ha sta succedendo immediatamente dopo la sfidacomportamento e adattarlo. Trova rinforzi personalizzati e usali liberamente suprimo. Il comportamento sfidante funziona per il bambino del 100%, il tempo a meno che non insegniamo l'abilità più appropriata e rafforzarlo a una frequenza superiore rispetto alla sfidail comportamento viene rafforzato.

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • una conversazione con il bambino sugli interessi o sull'attività del bambino, fornendo al bambino un opportunità di risposta, o fornire al bambino affetto fisico.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come spiegare il concepimento ai bambini

Quando i bambini arrivano ad una certa età, le domande e le curiosità su ogni cosa diventano sempre più frequenti. I bambini, cominceranno già in tenera età a porvi delle domande, spesso anche molto imbarazzanti a cui avrete magari difficoltà a...
Bambino

5 giochi da creare per bambini fino ai 3 anni

I bambini sono pieni di energia ed intrattenerli in casa può risultare molto faticoso. In particolar modo i bambini sotto i 3 anni di età hanno una bassa soglia di attenzione ed è difficile che si applichino a qualcosa per più di pochi minuti. I giochi...
Bambino

Campi estivi: i benefici per i bambini

Se avete già sperimentato un campo estivo, non sarete certo sorpresi di sentire parlare dei benefici che questa attività dona. Vivendo questa esperienza, infatti, i bambini hanno delle ripercussioni positive che coinvolgono la sfera cognitiva, fisica,...
Bambino

Come spiegare ai bambini l'Olocausto

La parola Olocausto deriva dal greco e significa totale distruzione con il fuoco. Ciò spiega perfettamente la volontà del regime nazista di voler distruggere gli ebrei. Generalmente si guarda soltanto alla distruzione fisica. Bisogna però prendere...
Bambino

Sport per bambini timidi

Da sempre lo sport è considerato il miglior modo in assoluto per coronare uno stile di vita salutare; è per questo che sin dalla tenera età è consigliato approcciarsi ad una qualsiasi attività motoria. Introdurre i bambini allo sport non risulta...
Bambino

Come spiegare i 5 sensi ai bambini

Man mano che i bambini crescono, hanno la necessità di imparare cose nuove. I genitori devono affrontare l'arduo compito di insegnare ai loro figli tutti e 5 i sensi. Molte volte questo si può fare entrando in contatto con il bambino mettendosi dalla...
Bambino

Come calmare il nervosismo nei bambini

Spesso i nostri figli manifestano reazioni a cui non riusciamo a rispondere adeguatamente, perché ci colgono impreparati ad affrontare comportamenti così estremi. Anche bambini molto piccoli possono esprimere rabbia e nervosismo con atteggiamenti di...
Bambino

Come inventare una fiaba o favola per i tuoi bambini

Questa guida è ideale per padri e madri che hanno dei bimbi con difficoltà di attenzione o ad addormentarsi, per bambini di ogni età. Tuo figlio vorrebbe che ogni sera gli raccontassi una fiaba diversa prima di dormire? Niente paura, seguendo questa...