Come riconoscere una brava babysitter

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Come riconoscere una brava babysitter? Una brava babysitter si nota già al primo incontro che essa ha con il bambino, ma solo dopo qualche volta ne avremo piena conferma. Una brava babysitter cerca subito di entrare in confidenza con il bambino e la sua esperienza e professionalità trapelerà dalla sua bravura e sicurezza, che rivela conoscenza dei bambini. Questa è solo una prima indicazione che può far riconoscere una brava babysitter, ma bisognerà valutare diversi parametri per appurare la sua bravura.

24

Babysitter ,figura altamente specializzata e professionale.

A volte capita che vi sono bambini un po' problematici, non socievoli, estremamente timidi e timorosi; ma una brava babysitter con un po' di tempo riesce a entrare in sintonia con loro. Se il bambino mostrerà entusiasmo nel voler stare con la babysitter allora vuol dire che è di suo gradimento e anche voi vi sentirete più tranquille .

34

Babysitter ,figura altamente specializzata e professionale.

Deve essere capace sul piano ludico, avere molta empatia e predisposizione all'affettività, perché entra nell'armonia della famiglia facendone parte. Deve essere capace di avere un ruolo importante per il bambino, ma la sua figura deve rimanere ben determinata, non deve mai prevaricare il ruolo genitoriale. Il ruolo della babysitter è spesso un ruolo sottovalutato, credendola una semplice custode del bambino, ma non è così, in realtà è un educatrice che riveste un ruolo molto importante. Infatti ad essa vengono affidati dei bambini che faranno riferimento a lei come figura di adulto e condivideranno con lei la sfera affettiva e tutto ciò è fondamentale nella formazione del bambino. Oltre alla preparazione sul piano emotivo una brava babysitter deve avere anche una buona preparazione tecnica: saper cambiare pannolini, preparare pappe, capacità nel farlo addormentare e via dicendo.

Continua la lettura
44

Babysitter ,figura altamente specializzata e professionale.

Deve essere capace di saper gestire qualsiasi situazione, comprese le emergenze, perché lei ha un enorme responsabilità. A lei è affidato il vostro bambino e durante il suo lavoro ne è completamente responsabile e credetemi non è cosa da poco. Se la babysitter vi chiederà subito numeri di telefono, persone a cui rivolgersi, come comportarsi in determinate situazioni o se il bambino a qualche problematica, esempio allergie, patologie o altro, allora vuol dire che ha un chiaro quadro della situazione e questo mostra una certa professionalità. Un consiglio che mi sento di dare è quello di non affidare bambini piccoli a persone con poca esperienza, perché in questo settore più esperienza c'è meglio è. Può sembrare che essendo piccoli sono meno impegnativi, in quanto dormono molte ore, ma non è così, tenete sempre a mente che la babysitter deve essere capace di saper affrontare qualsiasi situazione senza farsi prendere dal panico, a lei affidate la vita del vostro bambino. In ultimo fidatevi del vostro istinto materno, voi più di chiunque altro recepite le sensazioni del vostro bambino .

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come imparare a riconoscere i suoni della natura

Nei primi giorni di vita un bambino è soggetto a stimoli ed emozioni, situazione che lo accompagnerà per tutti gli anni successivi, dal periodo infantile all'adolescenza. La scoperta dei suoni, siano quelli prodotti all'interno delle quattro mura domestiche,...
Bambino

Come riconoscere una Barbie originale

Sono numerose le persone che adorano collezionare delle vecchie bambole "Barbie": oggi, alcune di esse possono essere considerate dei reali pezzi storici, per gli amanti del genere vintage. Attualmente, tante "Barbie" degli anni '60 e '70 valgono davvero...
Bambino

Come riconoscere la scoliosi nei bambini

La scoliosi è una deformazione della colonna vertebrale che colpisce soprattutto i bambini intorno ai 10-15 anni e quindi è consigliabile riconoscere la sua presenza nel minor tempo possibile. Questa malattia viene spesso associata alle errate posture...
Bambino

Come riconoscere e gestire il pianto del bambino

I più piccoli, fin dai primi momenti della loro vita, hanno un unico modo di comunicare: il pianto.Dapprima un flebile vagito, che è già espressivo dello stato di malessere o delle esigenze primarie. Poi un pianto più articolato ed intenso attraverso...
Bambino

Come riconoscere la chetosi nei bambini

La chetosi, nota anche come acetone, è un processo biologico legato all'alimentazione. In poche parole la chetosi è una temporanea disfunzione metabolica.Si verifica principalmente nei bambini fino ai 10 anni quando l'organismo, finiti gli zuccheri...
Bambino

Come riconoscere i segni del disagio nel neonato

Con il passare dei mesi il bambino cresce e cambia modo di esprimersi, infatti oltre al pianto inserisce dei piccoli gesti, delle espressioni del viso e anche una postura del corpo che, associati ai diversi tipi di pianto, ci fanno capire i suoi bisogni...
Bambino

Come insegnare ai bambini a riconoscere le forme geometriche

La geometria, al pari della matematica, è forse la materia più ostica sia per gli alunni delle scuole elementari, sia per coloro che la studiano a livello universitario. Questa difficoltà sta soprattutto nel fatto che ogni concetto è strettamente...
Bambino

Come riconoscere una colica nel neonato

La nascita di un bambino porta con se tantissima gioia ma anche moltissimi cambiamenti. Tutto il nostro mondo inizierà a ruotare intorno alle esigenze ed ai bisogni di questo piccolo esserino in grado di comunicare solo attraverso il pianto e la gestualità....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.