Come riconoscere una Barbie originale

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Sono numerose le persone che adorano collezionare delle vecchie bambole "Barbie": oggi, alcune di esse possono essere considerate dei reali pezzi storici, per gli amanti del genere vintage.
Attualmente, tante "Barbie" degli anni '60 e '70 valgono davvero parecchio e, per questo motivo, è necessario fare particolare attenzione a coloro che cercano di venderne una spacciandola per un vintage originale, quando invece è soltanto un'insipida riproduzione.
Fortunatamente, esistono alcuni criteri grazie a cui è possibile smascherare gli impostori e riuscire a portarsi a casa una bambola veramente autentica, senza né difetti né imbrogli: nella seguente pratica e dettagliata guida che vi consiglio di leggere successivamente, quindi, vi spiegherò come bisogna riconoscere una "Barbie" originale.

25

La vera "Barbie" vintage è quella che è stata fabbricata nel periodo compreso tra il 1959 ed il 1966: pertanto, questa rappresenta la buona annata di quelle che adesso vengono ritenute delle bambole assolutamente vintage.
Le caratteristiche che queste "Barbie" dovranno presentare per non essere scambiate con delle copie moderne sono le seguenti:
- i capelli biondi oppure castani;
- le sopracciglia ad arco (come andavano di moda in quell'epoca), piuttosto alzate ed arcuate;
- gli occhi di un azzurro estremamente chiaro, che si avvicina molto al bianco;
- gli orecchini a cerchio argentati e mai a bottone oppure delle perline di dimensioni ridotte.

35

Ovviamente, non dovrete assolutamente dimenticare che la "Barbie" dovrà presentare, sulla propria schiena, il simbolo del suo marchio di riferimento, ovvero la "Mattel": qualsiasi ulteriore scritta riguardante la sua fabbricazione (come il classico "Made in...", riscontrabile in quasi ciascun prodotto attualmente in commercio) indicherà che la bambola non è un pezzo originale dell'azienda statunitense "Mattel", bensì una riproduzione di altre società.

Continua la lettura
45

Fate attenzione anche alla pianta dei piedi, che dovrà essere bucata, poiché negli anni '60 le bambole venivano commercializzate all'interno della confezione, aggrappate al loro personale piedistallo in plastica e mantenute in piedi grazie ai fori dentro i quali passavano i chiodini di quest'ultimo.
Con riferimento alla confezione, occorre stare attenti alla scatola che, come la "Barbie", dovrà presentare il marchio originale della "Mattel": naturalmente, diffidate dagli eventuali "Made in China", i quali staranno a significare che quella tra le vostre mani non è una bambola originale dell'azienda statunitense, ma una riproduzione falsa.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come raccontare una favola in modo originale

Raccontare una favola non è da tutti, mentre ci sono persone che possiedono questo dono per natura, altri per farlo devono applicarsi ed imparare. La cosa fondamentale è il coinvolgimento di chi ci sta ascoltando, infatti gli ascoltatori devono sentirsi...
Bambino

Come riconoscere la scoliosi nei bambini

La scoliosi è una deformazione della colonna vertebrale che colpisce soprattutto i bambini intorno ai 10-15 anni e quindi è consigliabile riconoscere la sua presenza nel minor tempo possibile. Questa malattia viene spesso associata alle errate posture...
Bambino

Come riconoscere e gestire il pianto del bambino

I più piccoli, fin dai primi momenti della loro vita, hanno un unico modo di comunicare: il pianto.Dapprima un flebile vagito, che è già espressivo dello stato di malessere o delle esigenze primarie. Poi un pianto più articolato ed intenso attraverso...
Bambino

Come riconoscere la chetosi nei bambini

La chetosi, nota anche come acetone, è un processo biologico legato all'alimentazione. In poche parole la chetosi è una temporanea disfunzione metabolica.Si verifica principalmente nei bambini fino ai 10 anni quando l'organismo, finiti gli zuccheri...
Bambino

Come riconoscere una brava babysitter

Come riconoscere una brava babysitter? Una brava babysitter si nota già al primo incontro che essa ha con il bambino, ma solo dopo qualche volta ne avremo piena conferma. Una brava babysitter cerca subito di entrare in confidenza con il bambino e la...
Bambino

Come riconoscere i segni del disagio nel neonato

Con il passare dei mesi il bambino cresce e cambia modo di esprimersi, infatti oltre al pianto inserisce dei piccoli gesti, delle espressioni del viso e anche una postura del corpo che, associati ai diversi tipi di pianto, ci fanno capire i suoi bisogni...
Bambino

Come insegnare ai bambini a riconoscere le forme geometriche

La geometria, al pari della matematica, è forse la materia più ostica sia per gli alunni delle scuole elementari, sia per coloro che la studiano a livello universitario. Questa difficoltà sta soprattutto nel fatto che ogni concetto è strettamente...
Bambino

Come riconoscere una colica nel neonato

La nascita di un bambino porta con se tantissima gioia ma anche moltissimi cambiamenti. Tutto il nostro mondo inizierà a ruotare intorno alle esigenze ed ai bisogni di questo piccolo esserino in grado di comunicare solo attraverso il pianto e la gestualità....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.