Come riconoscere la rottura delle acque

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La rottura delle acque, generalmente, avviene alla fine della gravidanza e preannuncia l'inizio del parto. Quando la pressione del liquido amniotico si fa più forte, le membrane del sacco che circondano il feto si contraggono e spingono il bambino verso il basso. La nascita deve avvenire in breve tempo perché, il bambino, non essendo più protetto dalle membrane è soggetto ad infezioni. Negli ultimi giorni di gravidanza è normale che le perdite vaginali e di urina siano frequenti e, nella maggior parte delle donne incinte, sorge il dubbio se si tratti di liquido amniotico o no. Per evitare che questo accada, la seguente guida ti offre alcune indicazioni per capire come riconoscere la rottura delle acque.

24

Il liquido amniotico si differenzia dalle comuni perdite vaginali e dall'urina sia per il colore che per l'odore. È inodore, incolore e caldo. Si distingue quindi dall'urina che ha un colore e un odore facilmente riconoscibili e dalle comuni perdite vaginali più dense e biancastre. Se il liquido è limpido, puoi muoverti con calma. Se invece assume una colorazione rossastra, può trattarsi di una sofferenza fetale o di un'anomalia ed è necessario che ti rechi immediatamente in ospedale. La rottura del sacco è indolore, a meno che la fuoriuscita del liquido non avvenga dopo l'inizio delle contrazioni. Inoltre il liquido può fuoriuscire tutto di un getto o in varie fasi.

34

Il sacco amniotico può rompersi in qualunque punto. Quando si rompe vicino alla vagina, le fuoriuscite risultano abbondanti. Se invece il sacco si rompe in un punto più alto, il liquido impiega più tempo per raggiungere la vagina e fuoriuscire. In questo caso le perdite possono durare diversi giorni e sono più lievi e meno veloci. Per capire se si tratta di un'effettiva rottura delle acque puoi indossare un assorbente e verificare dopo quanto tempo è necessario cambiarlo. Se si bagna velocemente, può trattarsi di rottura delle acque. Ricorda inoltre che una volta rotto il sacco, il liquido amniotico continuerà ad uscire fino al momento del parto.

Continua la lettura
44

Può accadere che il travaglio inizi, ma il sacco non si sia ancora rotto, in tal caso è necessario eseguire una rottura manuale in ospedale. Non farti prendere dall'ansia e segui il tuo istinto, in quanto madre capirai da sola quando il tuo bambino sarà pronto per uscire. Nel caso questa guida non risolva i tuoi dubbi, consulta un medico o recati in ospedale.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Parto

Come far affezionare il cane al neonato

L'amico a quattro zampe fa parte della famiglia, e come spesso accade per il bambino, alla nascita del fratellino, il meccanismo di gelosia che potrebbe scatenarsi è praticamente lo stesso. Vediamo quindi dei pratici consigli su come far affezionare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.