Come riconoscere i tic nei bambini

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I tic nervosi sono dei movimenti incontrollabili, improvvisi ed involontari che si ripetono sempre uguali. Nascono quasi sempre sin dall’infanzia, come gesti di rassicurazione, però con il tempo possono diventare molto complessi e fastidiosi e interferire quindi con la vita quotidiana. Bisogna cercare di riconoscere il comportamento ripetitivo in un bambino che spesso risulta essere l'effetto di situazioni in cui il bambino si sente sopraffatto dalle emozioni o vive situazioni di stress.

25

Scomparsa del disturbo

Secondo alcune ricerche dai 6 anni in su circa un bambino su 100 soffre di tic nervosi che nella maggioranza dei casi diminuiscono o scompaiono in breve tempo, sono infatti davvero pochissimi i tic che perdurano oltre l’adolescenza. Quando si è piccoli le strutture cerebrali – e in particolare la corteccia motoria e i cosiddetti bulbi basali - sono ancora in piena maturazione, ed è quindi molto più facile che una serie di movimenti sfugga al controllo. Ma con la crescita e lo sviluppo delle strutture cerebrali scompare quasi sempre anche il disturbo.

35

Quando preoccuparsi?

La maggioranza dei tic nervosi sono dei semplici gesti abituali che facciamo senza neache rendercene conto, come battere un piede a terra in maniera frenetica stando seduti, inanellarsi i capelli, rosicchiarsi le unghie. Questi movimenti però, da semplici atteggiamenti a cui non diamo peso, portati all'estremo possono sfociare in un vero e proprio disturbo ossessivo come ad esempio la tricotillomania, caratterizzato dal bisogno di strapparsi i capelli da testa tanto da provocarsi zone di alopecia. Inoltre un'altro segnale d'allarme si ha se il tic non sparisce ma perdura negli anni. I bambini affetti da tic cronici possono presentare anche balbuzie, deficit di attenzione, disturbi nell'apprendimento, difficoltà di concentrazione.

Continua la lettura
45

Classificazione dei tic

Oltre ad i movimenti i tic possono essere anche una produzione vocale involontaria e ricorrente. Li possiamo infatti distinguere in tic motori: come battere le palpebre, fare smorfie, (o effettuare i movimenti elencati poc'anzi); e in tic vocali: come schiarirsi la gola, tossicchiare, fischiare. C'è inoltre un' ulteriore classificazione ovvero tic transitori, e cioè destinati ad una scomparsa spontanea, o cronici, se la loro durata supera l'anno e vede anche l’associarsi di nuovi tic. Quando si manifestano tic sia motori che vocali si parla di sindrome di Tourette.

55

Come risolvere il problema

Ancora oggi la causa scatenante dei tic nervosi è sconosciuta ma resta uno dei tanti modi in cui il nostro corpo esterna un disagio. Spesso i nostri figli vivono delle situazioni che possono di per sé sembrarci banali ma che per il bambino sono difficili da affrontare. La cosa più importante che dobbiamo fare come genitori è parlare ed ascoltare i nostri figli. E così anche in questo caso occorre capire se ci possa essere un motivo di stress nel bambino parlandolgi senza cercare di corregerlo. Occorre parlare con gli insegnanti per evitare che in classe venga preso in giro. È utile fargli praticare un'attività che lo diverta e che lo faccia rilassare come ad esempio i corsi di yoga specifici per bambini. Escludendo i casi patologici, se il problema non si dovesse risolvere in un arco di tempo che può aggirarsi anche intorno all' anno è importante rivolgersi al proprio pediatra di fiducia ed intervenire poi con un approccio di tipo psicologico.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come insegnare ai bambini a riconoscere le forme geometriche

La geometria, al pari della matematica, è forse la materia più ostica sia per gli alunni delle scuole elementari, sia per coloro che la studiano a livello universitario. Questa difficoltà sta soprattutto nel fatto che ogni concetto è strettamente...
Bambino

Come riconoscere giocattoli pericolosi

Riconoscere i giocattoli pericolosi, soprattutto quando si hanno bambini molto piccoli (generalmente al di sotto dei tre anni di età, ma la fascia è solo indicativa), è importantissimo, perché i rischi che i nostri figli corrono, maneggiando e giocando...
Bambino

Come riconoscere un bambino troppo sensibile

Tuo figlio piange per ogni minima contrarietà? È incapace di gestire le frustrazioni? Ha frequenti scoppi di ira o di disperazione? Si intestardisce per piccoli dettagli di poco conto? Piagnucola spesso per richiamare la tua attenzione? Fai attenzione...
Bambino

Come riconoscere una brava babysitter

Come riconoscere una brava babysitter? Una brava babysitter si nota già al primo incontro che essa ha con il bambino, ma solo dopo qualche volta ne avremo piena conferma. Una brava babysitter cerca subito di entrare in confidenza con il bambino e la...
Bambino

Come spiegare ai bambini la differenza tra suono e rumore con un gioco

Nel corso dell'età prescolare, i bambini sono molto affascinati da tutto ciò che stimola la loro curiosità ed i loro sensi in pieno sviluppo; giocare diventa soprattutto un'attività di scoperta e, allo stesso tempo, scoprire il mondo che li circonda...
Bambino

Come scegliere un bagnoschiuma per bambini

Scegliere un bagnoschiuma da utilizzare per la doccia o il bagnetto dei bambini è un'operazione meno semplice della solita scelta del nostro bagnoschiuma. Un bagnoschiuma per la pelle dei bambini, infatti, deve necessariamente essere meno aggressivo...
Bambino

10 giochi Montessori per bambini dai 3 ai 6 anni

Maria Montessori, oltre ad essere stata una tra le prime donne ad essersi laureata in medicina in Italia, è stata la pedagogista che ha dato il nome al metodo di insegnamento adottato ancora oggi in moltissime scuole di tutto il mondo. Da insegnante...
Bambino

5 giochi da creare per bambini fino ai 3 anni

I bambini sono pieni di energia ed intrattenerli in casa può risultare molto faticoso. In particolar modo i bambini sotto i 3 anni di età hanno una bassa soglia di attenzione ed è difficile che si applichino a qualcosa per più di pochi minuti. I giochi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.