Come riconoscere i segni del disagio nel neonato

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Con il passare dei mesi il bambino cresce e cambia modo di esprimersi, infatti oltre al pianto inserisce dei piccoli gesti, delle espressioni del viso e anche una postura del corpo che, associati ai diversi tipi di pianto, ci fanno capire i suoi bisogni e le sue sensazioni. Questa semplicissima guida vi aiuterà a sapere come riconoscere con chiarezza i segni di disagio del vostro neonato. Quando si arriva a casa dall'ospedale con il proprio bambino la paura principale di tutti i neogenitori è quella di non capire le sue necessità in quanto non può esprimerle a parole: il pianto è la prima e principale via di comunicazione del neonato.

26

Occorrente

  • Ascoltare e osservare il neonato prima di agire
  • Armarsi di una buona dose di pazienza
36

Il neonato può anche agitarsi fino a scoppiare in lacrime se qualcosa gli da fastidio (ad esempio se ha il pannolino bagnato), oppure se ha caldo ed è sudato o in alternativa se ha freddo; in quest'ultimo caso avrà anche un tremolio del labbro inferiore. Può succedere infine che il bambino si senta solo e abbia bisogno di attenzioni che vi farà capire con un pianto imperioso, a tratti quasi disperato soprattutto se vi siete allontanati.

46

Se il neonato ha fame emette degli strilli sonori che diventeranno un vero e proprio pianto con ritmo stabile; in aggiunta inizia a succhiarsi prima le labbra e poi le mani, a muovere la testa di lato, ad arricciare la lingua e ad inarcare la schiena e il collo all'indietro. Se, al termine della poppata, il neonato piange e si agita può aver mangiato troppo, pertanto sarebbe meglio picchiettare la schiena per farlo digerire ed evitare che rigurgiti il latte.

Continua la lettura
56

Un pianto improvviso, acuto e inconsolabile che comincia senza preavviso può invece nascondere un disturbo o dolore e in particolare nei neonati può essere associato all'accumulo di aria nella pancia; il bambino porta le gambe al torace piegandole, si irrigidisce, muove la lingua verso l'alto come una lucertolina e le braccia si agitano. Il pianto associato alla stanchezza comincia come nervosismo e insofferenza, il neonato sbadiglia, si stropiccia gli occhi e la faccia con le mani e sbatte le palpebre. Lo stesso tipo di pianto è anche associato ad un eccesso di stimoli ma in questo caso il neonato ha gli occhi spalancati e le palpebre che non si chiudono, tende a spostare lo sguardo dalla luce e da qualsiasi cosa gli venga mostrata. Quando il neonato allontana gli oggetti da se, giocherella con le dita ed emette dei suoni di fastidio più che un vero e proprio pianto, significa che è annoiato ed è meglio cambiare scenario.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fidarsi del proprio istinto di genitori

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come comportarsi quando un neonato piange

Piccoli, indifesi e teneramente meravigliosi! Eppure i piccoli appena nati non sono solamente dei teneri "cuccioli" d'uomo da vezzeggiare, ma hanno specifiche necessità che vanno rispettate. Il pianto nei neonati è il primissimo contatto utilizzato...
Bambino

5 modi per provare a calmare un neonato che piange

Il pianto di un neonato può essere provocato da diversi fattori quali ad esempio stanchezza, fame, coliche, pannolino sporco, sete, temperatura troppo bassa oppure eccessivamente elevata e molti altri ancora. Il compito, non sempre facile, di chi si...
Bambino

Come riconoscere e gestire il pianto del bambino

I più piccoli, fin dai primi momenti della loro vita, hanno un unico modo di comunicare: il pianto.Dapprima un flebile vagito, che è già espressivo dello stato di malessere o delle esigenze primarie. Poi un pianto più articolato ed intenso attraverso...
Bambino

Come tranquillizzare un neonato

Il neonato ha i propri bisogni e molteplici richieste sin dal primo attimo in cui viene alla luce. Difficile non cogliere i suoi stati fisiologici ed emotivi, soprattutto di malessere, che lui comunica con l'unica modalità a sua disposizione, il pianto....
Bambino

Come gestire il pianto del neonato

Ogni neonato affinché possa comunicare con l'ambiente esterno e con tutte le persone che lo circondano ricorre al pianto. Quando un bambino piange infatti può avere tanti significati, bisogna perciò imparare ad interpretare e di conseguenza a gestire...
Bambino

Pianto del neonato: 5 consigli per calmarlo

Tutti i neonati piangono, chi più chi meno, ma la maggior parte dei genitori ha, spesso, numerose difficoltà nel calmarli, soprattutto se alla prima esperienza. Calmare il pianto di un bambino, infatti, può rivelarsi un'impresa molto ardua. Per risolvere...
Bambino

Come rispondere ai pianti del neonato

Quando si diventa mamma per la prima volta sono molti i dubbi che possono venire riguardo al neonato. Uno di questi riguarda il pianto: come comportarsi davanti ad un pianto frequente? Perché il piccolo piange? I motivi possono essere svariati, proprio...
Bambino

Come interpretare il pianto di un neonato

Capire il perché un neonato piange non sempre è facile ed immediato: questo diviene spesso una notevole fonte di preoccupazione e talvolta addirittura ansia per il papà e per la mamma, specialmente se si trovano ad affrontare la loro prima esperienza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.