Come riconoscere i segni del disagio nel neonato

Tramite: O2O 30/05/2016
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Con il passare dei mesi il bambino cresce e cambia modo di esprimersi, infatti oltre al pianto inserisce dei piccoli gesti, delle espressioni del viso e anche una postura del corpo che, associati ai diversi tipi di pianto, ci fanno capire i suoi bisogni e le sue sensazioni. Questa semplicissima guida vi aiuterà a sapere come riconoscere con chiarezza i segni di disagio del vostro neonato. Quando si arriva a casa dall'ospedale con il proprio bambino la paura principale di tutti i neogenitori è quella di non capire le sue necessità in quanto non può esprimerle a parole: il pianto è la prima e principale via di comunicazione del neonato.

26

Occorrente

  • Ascoltare e osservare il neonato prima di agire
  • Armarsi di una buona dose di pazienza
36

Pianto disperato

Il neonato può anche agitarsi fino a scoppiare in lacrime se qualcosa gli da fastidio (ad esempio se ha il pannolino bagnato), oppure se ha caldo ed è sudato o in alternativa se ha freddo; in quest'ultimo caso avrà anche un tremolio del labbro inferiore. Può succedere infine che il bambino si senta solo e abbia bisogno di attenzioni che vi farà capire con un pianto imperioso, a tratti quasi disperato soprattutto se vi siete allontanati.

46

Movimenti della testa e del collo

Se il neonato ha fame emette degli strilli sonori che diventeranno un vero e proprio pianto con ritmo stabile; in aggiunta inizia a succhiarsi prima le labbra e poi le mani, a muovere la testa di lato, ad arricciare la lingua e ad inarcare la schiena e il collo all'indietro. Se, al termine della poppata, il neonato piange e si agita può aver mangiato troppo, pertanto sarebbe meglio picchiettare la schiena per farlo digerire ed evitare che rigurgiti il latte.

Continua la lettura
56

Pianto improvviso e rigidità di gambe

Un pianto improvviso, acuto e inconsolabile che comincia senza preavviso può invece nascondere un disturbo o dolore e in particolare nei neonati può essere associato all'accumulo di aria nella pancia; il bambino porta le gambe al torace piegandole, si irrigidisce, muove la lingua verso l'alto come una lucertolina e le braccia si agitano. Il pianto associato alla stanchezza comincia come nervosismo e insofferenza, il neonato sbadiglia, si stropiccia gli occhi e la faccia con le mani e sbatte le palpebre. Lo stesso tipo di pianto è anche associato ad un eccesso di stimoli ma in questo caso il neonato ha gli occhi spalancati e le palpebre che non si chiudono, tende a spostare lo sguardo dalla luce e da qualsiasi cosa gli venga mostrata. Quando il neonato allontana gli oggetti da se, giocherella con le dita ed emette dei suoni di fastidio più che un vero e proprio pianto, significa che è annoiato ed è meglio cambiare scenario.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fidarsi del proprio istinto di genitori
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Gesti del neonato: come interpretarli

I neonati, essendo particolarmente fragili, hanno bisogno di molte cure e attenzioni. Allo stesso tempo, hanno la capacità di riuscire a dare enormi motivi di orgoglio e felicità nel cuore dei genitori. Basta solo saperli capire. Appena nascono, è...
Bambino

Lo sviluppo del neonato nel sesto mese di vita

Contrariamente a quanto si possa pensare, un neonato non è affatto un piccolo essere privo di capacità e competenze. In realtà, il neonato è un essere che impara davvero molto in fretta e che compie grandissimi progressi in un breve e limitato arco...
Bambino

L'udito nel neonato

L'udito rappresenta il senso più sviluppato, al momento della nascita del neonato. Basti pensare, infatti, che già all'interno del feto il neonato è in grado di avvertire i suoni, anche se naturalmente gli arrivano attutiti ed ovattati, a causa del...
Bambino

Come capire i bisogni di un neonato

I primi mesi del neonato sono i più difficili da affrontare. Ovviamente non occorre allettarsi ma cercare di capire i suoi bisogni. Ma non è il caso di cedere all'ansia pensando che il piccolo non stia bene. Infatti, a volte questo è causa di altre...
Bambino

Come far passare il mal di pancia al neonato

Fare la mamma non è un compito assolutamente facile per nessuna donna, soprattutto nei primi mesi di vita del neonato. In questo periodo, uno dei problemi più comuni è sicuramente quello del mal di pancia, che fa la sua comparsa sin dai primi giorni...
Bambino

Come stimolare un neonato pigro

L'allattamento al seno di un piccolo neonato è, di certo, una bellissima esperienza per una giovane mamma. Allattare un bambino è una perfetta occasione di intesa, magica ed irripetibile, tra il neonato e la sua preziosa mamma. Alcuni neonati, però,...
Bambino

Come monitorare il peso di un neonato

Per capire se il vostro neonato sta crescendo bene occorre monitorare il peso. Questo va controllato fin dal primo giorno di vita. Normalmente la crescita di un neonato si aggira intorno ai centocinquanta e i duecento grammi alla settimana. Ma bisogna...
Bambino

Come far superare al neonato la paura dell'abbandono

I neonati utilizzano il pianto, per poter comunicare in maniera verbale le loro esigenze a coloro che se ne prendono cura, non avendo ancora la capacità di parlare. Ad esempio, essi piangono quando hanno bisogno di mangiare o bere, o anche perché avvertono...