Come riconoscere e gestire il pianto del bambino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I più piccoli, fin dai primi momenti della loro vita, hanno un unico modo di comunicare: il pianto.
Dapprima un flebile vagito, che è già espressivo dello stato di malessere o delle esigenze primarie. Poi un pianto più articolato ed intenso attraverso il quale il neonato o il piccolo bambino comunica alle figure parentali; ed in special modo alla madre le sue necessità. Il pianto va vissuto, dai genitori come un modo di comunicare del proprio figlio, considerato che non è ancora in grado di parlare o gesticolare. Fatta questa premessa allora viene da chiedersi: come riconoscere e gestire il pianto del neonato?

26

Occorrente

  • Calma
  • Razionalità
36

I primi vagiti o il pianto più articolato, in primo luogo vanon vissuti senza ansia. I neo genitori alle prime armi, difronte al pianto del figlio reagiscono in preda all'ansia, desiderosi, in primo luogo di far cessare quel richiamo allarmante del loro bambino. In questi casi invece l"imperativo è: calma prima di tutto. Il bambino, infatti, ha la capacità di percepire lo stato d'agitazione della madre o del padre al qaule inevitabilmente risponde accentuando il suo disperato richiamo. È consigliabile vivere il pianto come un atto comunicativo del bambino, che non deve toglierci razionalità ma che al contrario richiede tutta la nostra lucidità e razionalità per comprenderlo.

46

I bisogni di un neonato, in normale stato di salute, non sono molti, fortunatamente. Pertanto decifrare il pianto è abbastanza semplice. Può significare infatti: fame, cacca, sonno.
Ogni volta che vostro figlio piange dovete semplicemente verificare, come prima cosa, che questo non dipenda dal disagio di avere il pannolino sporco. Questa evenienza è facilmente accettabile. Fatto questo controllo in caso di necessità è bene provvedere al cambio.

Continua la lettura
56

Una volta che il piccolo è al pulito è necessario chiedersi quando ha avuto l'ultima razione di latte. Nel caso sia trascorso un congruo lasso di tempo, è bene predisporre per una nuova poppata. Nella maggior parte dei casi questa farà placare il pianto del piccolo. Nel caso in cui, invece il pianto persista non va scartata la possibilista che il neonato possa avere sonno ed abbia bisogno di un nostro aiuto per trovare la giusta calma che lo predisponga al sonno. Un po' di coccole in questo caso sono consigliate. Qualora il pianto non si plachi ed il sonno non arrivi può essere che il malessere di vostro figlio sia provocato da piccole coliche d'aria. In questo caso disponete il neonato sdraiato sulla propria pancina e massaggiategli la schiena, per rilassarlo e facilitargli l'espulsione d'aria.
Pochi semplici bisogni facilmente comprensibili. Con l"andare del tempo imparerete anche a riconoscere le varie modulazioni del pianto di vostro figlio. Capirete da quelle se si tratta di fame, sonno o cacca.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Mantenete sempre la calma difronte al pianto di vostro figlio.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

5 risposte efficaci al pianto di un bambino

Il pianto è il mezzo di comunicazione con cui un bambino, specie in tenerissima età, esprime le proprie sensazioni verso determinati stimoli. Considerate che mediamente, almeno nei primi mesi di vita, un bebè piange da due a tre ore al giorno. Se il...
Bambino

Consigli per gestire il pianto del bebè durante la notte

Le prime settimane di vita di un neonato sono un periodo piuttosto difficile da affrontare, in particolare quando si tratta del primo figlio ed i genitori non sono del tutto preparati a questo grande cambiamento. Un neonato non ha orari, può dormire...
Bambino

Come gestire un bambino che piange in macchina

Il bambino che piange in macchina è una delle situazioni più complicate da gestire. Il pianto nel bambino, così come nell'adulto, è una manifestazione di malessere, sia esso di natura fisiologica che emotiva. Vostro figlio o il bambino in questione...
Bambino

Come gestire un bambino che piange dal dottore

Lattanti e bambini più o meno grandi possono piangere per svariati motivi. Il pianto, infatti, è uno dei primi mezzi di comunicazione che un bambino adotta per comunicare con il mondo circostante. I bambini, soprattutto i più piccoli, sanno bene, infatti,...
Bambino

Come gestire un bambino che non rispetta gli animali domestici

Gli animali domestici sono una bellissima compagnia sia per gli adulti che per i bambini. Spesso però gestire un animale domestico con l'arrivo di un bambino può non essere semplice. Se anche voi avete un animale da compagnia e un bimbo in arrivo potreste...
Bambino

Come gestire un bambino difficile

In questa guida verranno dati utili consigli su come gestire un bambino difficile. Come ben saprete, un bimbo di pochi anni nella fase della crescita, ha un temperamento e un modo di fare difficile da controllare. Questo è dovuto da diversi fattori ma,...
Bambino

Come gestire un bambino che fa a botte con i coetanei

Ci sono bambini calmi e altri dall'indole più focosa, sempre pronti alla rissa e a scatenare putiferio tra gli altri bambini, talvolta imponendo il loro volere con la violenza. Alcune volte gli atteggiamenti aggressivi da parte dei figli sono da reperire...
Bambino

Come gestire un bambino che porta via i giochi agli altri bimbi

Molto spesso capita che in età infantile, il bambino mentre gioca con gli amichetti, porta via in modo presuntuoso e prepotente i giochi agli altri facendoli piangere oppure creando delle situazioni di tensione. Naturalmente, di fronte a questi particoli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.