Come realizzare una copertina da culla in punto croce

Tramite: O2O 10/10/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

Un regalo o comunque un oggetto che, nonostante il passare del tempo, resta intramontabile da preparare quando nasce un bambino è sicuramente la copertina da culla realizzata a punto croce, oggetto reso ancora più caro e prezioso per la cura, l'amore e la dedizione che ci si mette nel realizzarlo, soprattutto se il destinatario è il proprio bambino o magari un nipotino. Sebbene la realizzazione possa apparire, a chi non è pratico, difficoltosa, in realtà è estremamente semplice e in questa guida cercheremo di spiegarvene i punti principali. Vediamo, dunque, insieme, come realizzare una copertina da culla in punto croce.

26

Occorrente

  • Tela aida
  • Ago da cucito con cruna da ventisei
  • Stoffa in cotone a quadretti per punto croce
  • Matassine colorate
  • Forbici
  • Schemi da disegno
36

Come iniziare

Sebbene al primo approccio il punto croce possa apparire una tecnica di cucito difficile, in verità è una delle più semplici, tanto che alcuni schemi vengono proposti, con successo, anche a coloro che sono alle prime armi con ago e filo. Non solo. Una delle caratteristiche di questa tecnica è che, trattandosi sostanzialmente di eseguire dei disegni con l'ago su un tipo di stoffa particolare che ben si presta ad essere adoperata per questo fine, essa si basa in pratica sul ricopiare dei disegni rappresentati in degli schemi, rispettati i quali il lavoro risulta essere di una semplicità estrema. Ora, come tutti avranno avuto occasione di vedere, sono tantissime le possibilità, soprattutto in edicola ed in rete, di trovare schemi semplificati con disegni al tempo stesso bellissimi e facilissimi per poter iniziare nel migliore dei modi questo lavoro! Per iniziare a lavorare occorre fornirsi dei materiali necessari alla particolare tecnica che dovremo seguire (ci riferiamo in particolare al tipo di stoffa su cui lavorare) e dello schema che vorremo seguire. Trattandosi di copertine per bambini potremo scegliere la rappresentazione di animaletti come le farfalle, gli uccellini o i cagnolini; di fiori; di macchinine; di angioletti, ecc. Naturalmente occorrerà misurare preventivamente la stoffa per sincerarsi che sia della grandezza desiderata e commisurata alla culla, dopodiché occorrerà sovrapporre i disegni che si vogliono realizzare per posizionarli idealmente, in modo da non sbagliare poi al momento della realizzazione. Per poter ricamare è necessario, nel rispetto dello schema prescelto, seguire le diagonali dei vari quadretti: si parte sempre da sinistra verso destra, ricamando seguendo la diagonale che va verso il basso.

46

Come posizionare il disegno

I bordi devono essere lasciati liberi. Il ricamo di ciò che si vuole rappresentare deve essere effettuato al centro o, se si tratta di più disegni (ad esempio fiori), vanno posizionati comunque in modo che non intacchino lo spazio dei bordi. Considerate che si tratta di una coperta, pertanto sarà la parte centrale che risulterà in evidenza. Non solo, soprattutto se non siete molto pratici, non scegliete soggetti troppo complessi, ma prediligete qualcosa di semplice con poche figure. È consigliabile, prima di iniziare a rappresentare il soggetto scelto, rifinire con un punto a zig zag la tela di aida affinché non si sfili durante il lavoro. Utilizzando la tecnica di ricamo che va da sinistra verso destra, seguendo il disegno che si vuole realizzare, bisogna procedere in senso opposto, ovvero da destra verso sinistra seguendo la diagonale che porta verso l'alto.

Continua la lettura
56

Come decorare i bordi e fermare il disegno

Effettuato il ricamo nella parte centrale della stoffa secondo il metodo appena descritto, occorre distendere la copertina e porla sul piano di lavoro, ponendo il disegno al centro con la parte ricamata rivolta verso l'alto. A questo punto bisogna piegare, di circa un centimetro, i bordi della coperta verso il disegno e ricamarli. In questo modo potremo ottenere un orlo ricamato alla perfezione. L'ultima cosa da fare è fissare per bene il disegno sulla coperta stessa, in maniera tale che questo non si possa scucire. Un'opzione potrebbe essere quella di comprare in merceria delle imbottiture da applicare (foderando e sfoderando) in modo tale da ottenere una copertina facilmente trasformabile in un piumino.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Iniziare con schemi semplici
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come scegliere il materasso per la culla

Per un bambino, la culla rappresenta il suo primo vero letto che mediamente utilizza per almeno dodici ore al giorno. Proprio per questo motivo, deve essere di ottima qualità, confortevole e salutare. In questo caso, il materasso gioca un ruolo importantissimo...
Bambino

Come far dormire il bambino nella culla

Quando nasce un figlio, la prima cosa che si prova è un immensa felicità. Felicità che però potrebbe essere ostacolata dalle mille difficoltà che ha ogni genitore, a cominciare dalle notti insonni causate dai pianti del bambino. Per preservare la...
Bambino

Come preparare la culla del bambino

Si sa che l'arrivo di un figlio è per tutti i genitori un vero dono e proprio per questo motivo deve essere accolto nel modo migliore. Se il grande giorno è arrivato, il neonato è anche uscito dall'ospedale e ben presto arriverà nella sua nuova casa,...
Bambino

Come passare dalla culla al letto: bambini

Prima o poi capita a tutti i bambini. Crescono e cominciano a stare stretti nel lettino con le sbarre dove dormivano fino a poco tempo prima. È un momento importante ed emozionante per tutti i genitori, il bambino sta crescendo ed è giunto il momento...
Bambino

Come avvolgere il neonato nella copertina per calmarlo

L'arrivo di un bambino in una famiglia porta sempre tanta gioia. Tuttavia, specialmente se si tratta del primo figlio, farsi prendere dall'ansia e dal panico per ogni piccolo lamento del neonato è tipico dei neo genitori. Che un bambino così piccolo...
Bambino

Come realizzare un sacchetto-corredino del neonato per l'ospedale

Diventare mamma rappresenta un'esperienza straordinaria e piena di emozioni. Quando la data relativa al parto si avvicina, è possibile cominciare la realizzazione di una sacca da portare in ospedale. Al suo interno si mette tutto il necessario per la...
Bambino

SIDS neonatale: regole per un sonno sicuro

Il SIDS neonatale acronimo di Sudden Infant Death Syndrome (sindrome della morte improvvisa infantile) maggiormente conosciuta come "morte da culla", è un particolarissimo fenomeno che causa il decesso del neonato e può verificarsi generalmente entro...
Bambino

Sonno agitato nei bambini: come affrontarlo

In Italia, secondo le stime, circa il 25% dei bambini tra 0 ed 8 anni dorme male oppure non riesce ad addormentarsi: tutto si riversa anche sulla qualità del riposo dei genitori, i quali divengono sempre più nervosi e assonnati. Vi siete mai chiesti...