Come presentare il nuovo partner alla famiglia

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Non tutte le relazioni durano per sempre, e a volte viene davvero il momento di cambiare. Per noi può essere difficile, oppure liberatorio, ma sicuramente per i nostri cari questo cambiamento sarà altrettanto complicato da gestire. Sentimenti contrastanti, paure e ostilità possono essere all'ordine del giorni, e quindi la transizione deve essere gestita in maniera opportuna per non risultare troppo traumatica ed avere brutte conseguenze. Sia gli adulti che i bambini devono essere opportunamente guidati attraverso l'intero processo di normalizzazione. Vediamo quindi alcuni consigli su come presentare un nuovo partner alla famiglia senza troppi traumi.

26

Occorrente

  • Un nuovo partner ed una famiglia
36

Essere sicuri

Una dei fatti più traumatiche per tutti quanti è il periodo in cui un partner nuovo deve inserirsi in un ambito familiare instabile. Non c'è niente di peggio di un continuo viavai di partner temporanei, magari distribuito nell'arco di settimane e mesi. Una figura nuova non può apparire improvvisamente e scomparire senza preavviso. Quando si sceglie di alterare una situazione già precaria come quella in cui manca la presenza costante di uno dei genitori, non si deve assolutamente permettere che anche la nuova figura risulti temporanea. Prima di presentare un nuovo partner ai figli, si deve essere abbastanza sicuri che il rapporto sia già ben assestato e che il nostro nuovo compagno o compagna abbia precisa coscienza di ciò che sta accadendo.

46

Preparare il terreno

I figli meritano rispetto, ed anche il vecchio partner, persino nel caso in cui si sia comportato male in passato. Prima di introdurre una nuova figura in una situazione in cui l'equilibrio è davvero precario si deve essere sicuri che tutte le parti in gioco abbiano una precisa coscienza della situazione. I figli e l'ex devono capire che non ci sarà possibilità di un ricongiungimento futuro e che il rapporto che si deve formare sarà stabile. In questa fase si devono affrontare le questioni e mettere in chiaro soprattutto con l'ex come stanno le cose, magari con l'aiuto di un terapeuta che funga da arbitro senza essere impositivo. Niente di peggio di sfuriate, tentativi di complotto e di ricatto da parte di uno o dell'altro per impedire che la situazione evolva naturalmente. Il secondo passo è preparare i figli, ed è una cosa che ambedue i genitori devono fare in maniera adulta e di comune accordo, ed è un processo non breve per il quale può anche servire l'auto di uno psicologo infantile specializzato.

Continua la lettura
56

Esporre i fatti

Una volta preparato il terreno si devono mettere in chiaro le cose coi figli. Il nuovo partner non è un genitore e come tale va trattato. Il partner uscente resta comunque titolare del suo ruolo di padre o madre. La nuova figura non deve assolutamente essere romanzata e soprattutto non deve pretende di comprarsi una posizione con uscite teatrali, regali o quant'altro. Per i figli all'inizio può risultare un completo estraneo, e la sua introduzione può essere lunga e non si può affrettarla. Niente di peggio per ottenere un'accettazione da parte dei figlia che pretendere di comprare il consenso. I figli devono maturare lentamente la consapevolezza della nuova figura e le si approcceranno con i loro tempi e i loro modi, ed in questa fase devono essere tenuti sotto osservazione eventuali comportamenti che devino dalla normalità. Inutile rattristarsi o arrabbiarsi se le cose all'inizio non vanno come immaginato, perché il tempo gioca un ruolo determinante, considerando anche che per i bambini scorre in maniera differente, e per gli adolescenti ogni giornata è critica.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Procedete per gradi e avvicinate lentamente la sfera familiare e quella sentimentale
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Famiglia

Come migliorare il rapporto con l'ex partner

Avere una famiglia unita è sicuramente il sogno di tutti. Tutti vorrebbero avere un compagno ideale e rispettoso, un figlio perfetto e una famiglia ad hoc. In alcuni casi però, a causa di incomprensioni o di varie problematiche di diverso tipo, le famiglie...
Famiglia

Pro e contro della famiglia allargata

Il nuovo modello di famiglia proposto dalla società di oggi prevede l'inserimento, accanto ed in sostituzione dei componenti del nucleo originario, di una serie di altri membri che a diverso titolo si collocano in quella che viene definita"società allargata"....
Famiglia

Come essere una famiglia felice

Essere felici è il desiderio di tutti, il diritto alla felicità è addirittura il fulcro della Costituzione Americana. Essere una famiglia felice, poi, può essere persino più difficile, poiché presuppone il raggiungimento non solo della propria felicità,...
Famiglia

Come gestire una famiglia allargata

Il nucleo familiare, come ben sapete, non sempre è formato da 2 o 3 persone, ma il più delle volte anche da tante persone. Infatti in tante famiglie sono presenti anche 4-5 figli ed a volte con genitori paterni o materni a carico nello stesso tetto....
Famiglia

Come scegliere o cambiare medico di famiglia

Il medico di famiglia o medico generico, è un medico specializzato in medicina generale che può anche avere più specializzazioni e che deve essere scelto da ogni singolo componente della famiglia, per consigli medici di ogni tipo e per la prescrizione...
Famiglia

5 modi per dire al partner che si desidera un figlio

Per il sesso femminile pensare ad una gravidanza e quindi ad un figlio è una cosa che viene naturale, anche in età giovanile. Le donne quindi, chi prima chi poi, crescono con la consapevolezza e con il desiderio che un giorno della loro vita saranno...
Famiglia

Come organizzare una cena perfetta in famiglia

Organizzare una cena in famiglia è un ottimo modo per ritagliarsi un momento di relax senza rinunciare a trascorrere del tempo con i propri cari. Una cena perfetta riuscirà a riempire di calore e convivialità la sala da pranzo che, per l'occasione,...
Famiglia

Mamme al lavoro: come conciliare famiglia e carriera

Essere oggi una donna è veramente molto impegnativo, soprattutto se si sceglie di crearsi una famiglia. Per sostenere una famiglia, non basta più un solo stipendio, e spesso è necessario che entrambi i coniugi lavorino. Fino a pochi anni fa, la donna...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.