Come ottenere l’attenzione di un bambino

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il dialogo fra adulti e bambini avviene secondo modalità diverse dal dialogo fra soli adulti. Infatti fra grandi e piccoli esiste una forte discrepanza di lingua, di conoscenza del mondo e di aspettative. Per superare gli ostacoli nell'interazione, è necessario scegliere strategie precise e adottare criteri nuovi, come il linguaggio del corpo e l'espressività facciale. Al centro della comunicazione deve esserci sempre forte attenzione e disponibilità da parte dell'adulto, ovvero l'interlocutore con maggiore competenza espressiva, il quale deve adattarsi alle esigenze del bambino, anticipandone le richieste e decodificandone le risposte. Se l'adulto fallisce in questo compito, il bambino non sarò coinvolto dal dialogo e non presterà attenzione. In questa guida osserviamo come e cosa fare per ottenere l'attenzione di un bambino attraverso una comunicazione efficace.

27

Occorrente

  • Attenzione
  • Buona volontà
  • Empatia
  • Capacità di ascoltare
  • Disponibilità
  • Pazienza
37

Empatia

Per catturare l'attenzione di un bambino occorre per prima cosa essere empatici. L'empatia è la capacità di identificarsi e immedesimarsi nell'altro, ascoltando attivamente chi ci sta di fronte per stabilire un rapporto sincero e diretto. L'empatia si alimenta fortemente del linguaggio non verbale, ovvero di tutte le forme di comunicazione che non passano attraverso le parole. Per far percepire la propria empatia al bambino e rendere la comunicazione diretta, ci si deve quindi porre al suo stesso livello. Dobbiamo perciò sorridere, prenderlo per mano, aprire le braccia, battere mani e piedi come fa lui e sdraiarsi per terra insieme. Non possiamo aspettarci che il bambino si elevi al livello dell'adulto, dobbiamo essere noi a scendere di tono e immedesimarci nel suo ruolo.

47

Rendere il bambino protagonista

Per conquistare l'attenzione del bambino, quest'ultimo deve sentirsi speciale, come un protagonista al centro della scena. Per creare questo effetto, è importante non porgli limiti e non creare costrizioni. Bensì, gli si deve lasciare spazio e non si deve essere invadenti nei suoi confronti. Non dobbiamo imporci, ma al contrario dobbiamo assumere un atteggiamento ricettivo. In questo modo, il bambino non ci identificherà come adulti, ma come dei compagni di gioco alla pari. Tra gli accorgimenti per non essere troppo opprimenti, è importante evitare gli stimoli verbali continui e le domande inutili che il bambino ha difficoltà a elaborare. Anche il silenzio ha un ruolo importante nel rapporto con il bambino per creare un'atmosfera serena e tranquilla in cui essere felici semplicemente della compagnia reciproca. In altre parole, per attirare l'attenzione del bambino dobbiamo tornare a essere bambini. Per farlo bene, è necessario liberarsi delle tensioni e degli atteggiamenti negativi tipici degli adulti, perché i bambini, soprattutto quelli molto piccoli, sono estremamente sensibili ai nostri sbalzi d'umore e ai nostri stati d'animo. Cerchiamo di essere sereni e di interagire col bambino come amici.

Continua la lettura
57

Ottenere la fiducia del bambino

Attirare l'attenzione del bambino parte con il guadagnarsi la sua fiducia. Per riuscire in questo compito, è necessario rimanere sempre sereni e positivi, ma mostrare anche un'aria autorevole. Questo non significa essere autoritari, tutt'altro: il bambino deve riconoscere l'adulto come una figura su cui può fare affidamento, che sa aiutarlo nelle sue esigenze, che lo protegge, che lo comprende e lo fa divertire più di chiunque altro. Questi ingredienti costituiscono un atteggiamento positivamente autorevole e conquistano la fiducia del bambino. Comportamenti autoritari, invece, minano a schiacciarlo e a prendere il sopravvento, provocando solo la sua paura.

67

Conclusione

Riuscire a catturare l'attenzione del bambino è il punto di partenza per costruire una comunicazione costruttiva con lui, per insegnargli dei concetti nuovi e trasmettere dei valori significativi. Inizialmente è normale fare degli errori e creare degli equivoci. Se non assumiamo un atteggiamento duro e difensivo, riusciremo però a imparare col tempo e l'esperienza a perfezionare le strategie, raggiungendo risultati più soddisfacenti. Nel rapporto genitore-figlio, maestro-allievo o tutore-bambino, è basilare che l'adulto non si scoraggi e non ceda a comportamenti negativi per stizza. Seguendo gli accorgimenti indicati in questa guida, chiunque sarà in grado di attirare l'attenzione dei bambini nel modo migliore.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Serve poco per ottenere l'attenzione di un bambino, ma è altrettanto importante mantenerla nel tempo: continuiamo a seguire le tecniche indicate nella guida durante tutta la durata dell'interazione affinché i bambini non perdano subito interesse!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Cosa fare se il bambino rifiuta il cucchiaio

Lo svezzamento comporta il drastico passaggio dal seno materno al contatto con un oggetto come il cucchiaio estraneo alla quotidianità del bambino. La reazione del piccolo è del tutto normale e non deve destare preoccupazione. Se il bambino rifiuta...
Bambino

Cosa fare se il bambino rifiuta i cibi solidi

Prenderci cura del nostro bambino è un qualcosa di molto importante se vogliamo che il nostro bimbo cresca forte e sano. Se il nostro bimbo si rifiuta di mangiare dei cibi solidi, dovremo adottare alcuni validi accorgimenti per riuscire a far mangiare...
Bambino

Tutto quello che non puó mancare con un bambino in casa

Prepararsi alla nascita di un bambino e all'arrivo di nuovo membro della famiglia, è un lavoro abbastanza complesso. I nuovi genitori devono abituarsi a cambiare drasticamente tutte le loro abitudini, pensando a tutto il necessario che occorre per potersi...
Bambino

Come mandare nel proprio letto un bambino

Difficilmente il bambino è contento di cambiare le sue abitudini, per questo il momento di andare nel proprio letto, diventa molto complicato. Per non commettere il più comune degli errori dei genitori, cioè quello di lasciarli dormire con sè nel...
Bambino

5 risposte efficaci al pianto di un bambino

Il pianto è il mezzo di comunicazione con cui un bambino, specie in tenerissima età, esprime le proprie sensazioni verso determinati stimoli. Considerate che mediamente, almeno nei primi mesi di vita, un bebè piange da due a tre ore al giorno. Se il...
Bambino

Come insegnare a un bambino a camminare

I primi passi di un bambino sono un grande momento nella vita di ogni genitore e del bambino stesso. Imparare a camminare è tanto difficile quanto spontaneo ma non è affatto semplice. In questa guida vi daremo dei pratici consigli su come insegnare...
Bambino

Consigli per far passare il singhiozzo a un bambino

Capita a volte che il vostro bambino, quando mangia o beve troppo in fretta, quando è sottoposto a repentini sbalzi di temperatura o quando è molto eccitato, venga sorpreso da un fastidioso singhiozzo. In generale questo piccolo fastidio passa autonomamente...
Bambino

Giochi educativi per il tuo bambino

I giochi educativi sono fondamentali per la crescita intellettiva e per lo sviluppo psicomotorio di ogni bambino. Ogni forma di gioco può essere per loro uno stimolo, ma bisogna saper scegliere i giochi più adatti a ogni bambino. Questa guida può essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.