Come organizzare un brunch per bambini

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il brunch, una commistione fra le parole "breakfast" e "lunch" (colazione e pranzo) è una tradizione sbarcata di recente nella nostra cultura culinaria, ma che ha ovvie origini americane. Pare infatti che il pasto servito tra le 10 e le 15 del pomeriggio fosse tipico di quelle persone (come vip, musicisti) abituè delle notti bianche che desideravano gustare, al risveglio nel tardo mattino, un pasto completo che contenesse il dolce della colazione e il salato del pranzo. Diventato popolare anche nella nostra bell'Italia il brunch diventa un'ottima occasione per organizzare una festa con i bambini.

27

Occorrente

  • Stuzzichini in piccole porzioni: panzerotti, pizzette, crocchette, olive, patatine, salatini
  • Dolcetti vari: cupcake, muffin, tartufini al cioccolato, biscotti, ciambelline
  • Bibite fresche: thè deteinato, succhi di frutta, frullati
  • Ampio spazio: una sala, un giardino, un cortile, un terrazzino
  • Tavoli a ferro di cavallo
  • Tovaglie, tovaglioli, piatti, bicchieri usa e getta
  • Decorazioni varie: palloncini, festoni, stelle filanti
37

Innanzitutto bisognerà scegliere la data e l'ora per un brunch perfetto. Nessun problema si pone durante i periodi di vacanza poiché essendo che i bambini sono a casa, ogni giorno è buono per fare festa. Ovviamente tutto dovrà coincidere con gli impegni dei genitori. Durante i giorni di scuola sarebbe meglio optare per la domenica, a meno che non si scelga di preparare una festa direttamente a scuola. L'orario dovrà essere posto fra le 10 e le 15, tenendo conto che i bambini, a differenza degli adulti, mal sopportano l'attesa prima di mangiare. Quindi le 11 o mezzogiorno può essere un orario ideale.

47

Scegliete un luogo molto grande, poiché dovrete sistemare i tavoli a ferro di cavallo, lasciando un ampio spazio centrale all'interno del quale darete la possibilità ai bambini di sedere e di giocare. L'ideale sarebbe sistemare dei tappeti e dei cuscini in modo da consumare il cibo seduti per terra, a maggior ragione se il brunch verrà servito nel giardino di casa. Potreste seguire anche l'idea dei locali più alla moda e accorpare i tavoli al centro, ma lo spazio riservato ai giochi sarà notevolmente ridotto. Ricordate infatti che l'area centrale permette la realizzazione di molte attività ludiche.

Continua la lettura
57

Cucinate gli stuzzichini e i dolcetti anche qualche giorno prima, riscaldandoli nel forno al momento del brunch. Posizionateli sul tavolo in modo alternato: dolce, salato e bibite, magari già versate dentro ai bicchieri. In tal modo i bambini avranno modo di scegliere il dolce e il salato contemporaneamente, senza tralasciare nulla e avranno ampia scelta anche sulle bibite che, essendo già versate, non saranno accidentalmente buttate a terra. Preparate dei giochi da alternare ad ogni boccone. L'attività aiuterà la digestione senza appesantire troppo e divertirà sia i grandi che i piccini.

67

Qualche accorgimento. Non lasciate digiuni i bambini prima del brunch. Piuttosto fate fare loro una colazione leggera in modo da affrontare bene le prime ore del giorno. Inoltre cercate l'aiuto di qualche altro genitore per gestire meglio l'organizzazione e le attività ricreative. Prestate attenzione affinché i bambini non si facciano male e fate durare il brunch per non più di tre - quattro ore. Per il resto buon divertimento!

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Preparate tutto con le vostre mani. I cibi già precotti contengono conservanti e non sempre fanno bene alla salute.
  • Se amate l'ambiente non accumulate immondizia. A parte i bicchieri e i piatti usa e getta utilizzate tovaglie di stoffa facilmente lavabili e festoni riciclati da vecchi giornali.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come organizzare una festa in ludoteca

I compleanni dei bambini, devono sempre essere festeggiati, per permettere ad ogni bambino di trascorrere un giorno di divertimento e relax insieme agli amichetti o ai compagni di scuola. Se non avete molto spazio in casa o non avete il tempo di organizzare...
Famiglia

Idee per feste di compleanno: 6 anni

I nostri figli sono importanti e a volte dimostrarglielo può essere difficile, specialmente quando si è genitori che lavorano a tempo pieno. Il compleanno è un'occasione per far capire ai vostri bambini che ci tenete a loro, quindi perché non sbizzarrirsi?...
Bambino

Svezzamento: come introdurre il pesce fresco

Ricco di nutrienti e fonte principale di omega tre e fosforo, il pesce è un alimento indispensabile nell'alimentazione di grandi e piccini. Per questo diventa molto importante introdurlo fin da subito nella dieta dei bambini, meglio ancora se già a...
Bambino

5 consigli per stimolare olfatto e gusto nei bambini

L'olfatto e il gusto sono due dei cinque sensi che camminano in coppia. Non è facile separarli specialmente quando si è di fronte ad una bella torta profumata. In questo caso infatti si mette in moto prima l'olfatto, che acquisendo l'odore della torta...
Bambino

Come giocare con i cinque sensi

Crescere dei bambini è un impegno molto serio. Ogni futuro genitore dovrebbe essere cosciente e responsabile verso i propri figli. I piccoli hanno tantissime esigenze. Nei primi anni di vita non sono autonomi e avranno bisogno di tutte le nostre energie....
Bambino

10 merende alternative per lo spuntino dei bambini

Al giorno d'oggi è sempre più difficile trovare il tempo da dedicare a se stessi e agli altri. Alcune attività non sono più necessarie grazie all'esistenza di sostituti preconfezionati. Per esempio: risparmiamo tanto tempo in cucina grazie a prodotti...
Bambino

Come insegnare a un bambino a mangiare le verdure

Una buona alimentazione è la base della crescita di ogni bambino. Introdurre frutta e verdura nel quotidiano garantisce uno sviluppo equilibrato e graduale. Tuttavia, da sempre, i bambini si mostrano restii agli ortaggi e a qualche frutto. Probabilmente...
Bambino

Come abituare il bambino alle prime pappe

Le più fortunate alimentano il proprio neonato con il latte materno, che in genere arriva abbondante nella seconda giornata dopo il parto. Inizialmente è sufficiente il colostro, siero di colore giallastro, che contiene tutti i nutrienti di cui il bambino...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.