Come massaggiare la pancia del neonato

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Ogni volta che un neonato piange in maniera incessante come se chiedesse aiuto, si potrebbe trattare del fastidioso problema delle coliche gassose. Durante uno di questi attacchi dolorosi, si può intervenire con dei massaggi sulla pancia, in grado di alleviare questi fastidiosi dolori addominali. Tuttavia, un pianto sfrenato del neonato può indicare una semplice richiesta di attenzioni, non associata a dolori particolari. Anche in questo caso, massaggiare la loro pancia si dimostra assai utile. Nella seguente guida vedremo come massaggiare la pancia del neonato in modo corretto.

25

Esegiore movimenti lenti e circolari

In caso di coliche gassose, il massaggio sulla pancia è sicuramente un valido metodo per alleviare il dolore. Il massaggio deve essere praticato mediante un tocco delicato sulla zona addominale, tramite movimenti lenti e circolari. Per eseguirlo in modo corretto è necessario distendere il bimbo con la schiena rivolta verso il materasso, oppure collocarlo comodamente sulle proprie ginocchia. In seguito, quindi, si procede con l'esecuzione del massaggio sulla pancia. Ogni movimento che viene effettuato sull'addome deve essere molto lento, circolare e sempre rivolto in senso antiorario. Questa tecnica può essere praticata, indistintamente, dalla presenza o meno delle coliche.

35

Utilizzare l'olio di mandorle

I massaggi sull'addome possono, anche, essere effettuati utilizzando un po' di olio di mandorle dolci, in modo da favorire lo scorrimento delle proprie dita sulla pancia del piccolo, senza provocare abrasioni. Se si decide di effettuare questa tecnica è fondamentale accertarsi di acquistare un prodotto del tutto naturale e senza aggiunta di agenti chimici. Tramite un tampone o un batuffolo di cotone, opportunamente imbevuto di olio, bagnare la punta delle dita ed il palmo delle mani. Esercitare, così, il delicato massaggio, appoggiando completamente la propria mano sulla pancia del piccolo, esercitando una lieve pressione.

Continua la lettura
45

Eseguire movimenti con la punta delle dita

Un'altra tecnica da eseguire potrebbe essere quella del massaggio ad U rovesciata. È pressoché la stessa di quella appena descritta, anche se cambia il movimento esercitato con la propria mano. In questa modalità, i massaggi devono essere eseguiti soltanto con la punta delle dita, preferibilmente con l'ausilio del solito olio di mandorle. È necessario tenere in considerazione che l'addome è un punto molto delicato per il neonato, quindi frequenti massaggi possono essere molto utili per alleviare le coliche ed eventuali disturbi intestinali.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come calmare un neonato che piange

Avere a che fare con un neonato è una delle gioie più grandi che una mamma possa desiderare di provare, anche perché si tratta di un periodo relativamente breve. Molto spesso, però, questa felicità si può trasformare in un incubo anche per i genitori...
Bambino

Come calmare il pianto di un neonato

Capita spesso, quando ci si prende cura di un neonato, che il piccolo pianga, ma senza che noi sappiamo il perché. Essendo il pianto l'unico modo che hanno i neonati per esprimersi, diventa importante, soprattutto per i neogenitori, riuscire a interpretare...
Bambino

Come stimolare un neonato pigro

L'allattamento al seno di un piccolo neonato è, di certo, una bellissima esperienza per una giovane mamma. Allattare un bambino è una perfetta occasione di intesa, magica ed irripetibile, tra il neonato e la sua preziosa mamma. Alcuni neonati, però,...
Bambino

Come e quanto deve dormire un neonato

Le fasi di crescita di un neonato preoccupano sempre i neo-genitori. In particolare, il sonno rappresenta una delle questioni più interessanti. Come tutti, vi chiederete quali siano gli orari più idonei per il bambino, quale sia la durata minima e massima...
Bambino

Come stimolare il ruttino a un neonato

Impartire una buona alimentazione al bambino già dai primi mesi di vita è fondamentale, in quanto lo farà crescere in salute e lo preserverà da intolleranze e allergie. I neonati non hanno un apparato digerente completamente sviluppato, per cui nei...
Bambino

Come gestire il pianto del neonato

Ogni neonato affinché possa comunicare con l'ambiente esterno e con tutte le persone che lo circondano ricorre al pianto. Quando un bambino piange infatti può avere tanti significati, bisogna perciò imparare ad interpretare e di conseguenza a gestire...
Bambino

Pianto del neonato: 5 consigli per calmarlo

Tutti i neonati piangono, chi più chi meno, ma la maggior parte dei genitori ha, spesso, numerose difficoltà nel calmarli, soprattutto se alla prima esperienza. Calmare il pianto di un bambino, infatti, può rivelarsi un'impresa molto ardua. Per risolvere...
Bambino

Come riconoscere i segni del disagio nel neonato

Con il passare dei mesi il bambino cresce e cambia modo di esprimersi, infatti oltre al pianto inserisce dei piccoli gesti, delle espressioni del viso e anche una postura del corpo che, associati ai diversi tipi di pianto, ci fanno capire i suoi bisogni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.