Come intervenire sulla disgrafia del bambino

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La disgrafia può compromettere il normale percorso di apprendimento del bambino. La Legge 170/2010 riconosce questa difficoltà e fornisce gli strumenti per diagnosticarla in età prescolastica. Se si interviene ai primi segnali, si può limitare il decorso del problema, evitando che peggiori. In questa guida vediamo come è possibile affrontare le difficoltà che il disturbo può far emergere.

27

Occorrente

  • Quaderni di Erickson
  • Penne e matite ergonomiche e cancellabili
  • Piano inclinabile
  • Esercizi e test specifici
37

La disgrafia e come si manifesta

La disgrafia consiste nella difficoltà a scrivere e presenta alcuni sintomi specifici: corpo esageratamente inclinato, strumento grafico impugnato in modo scorretto, scrittura e pressione irregolari, dolore ed affaticamento alla mano. Inoltre il bambino non riesce a riprodurre correttamente le singole lettere in quanto non le riconosce. Chi soffre di questo disturbo non ricorda bene la forma di ogni lettera e numero così la grafia risulta illeggibile e spesso non si rispettano margini e spazi, lasciando spazi irregolari tra grafemi e parole; a volte risultano difficili anche la copia e la produzione autonoma di forme geometriche. Tutto questo porta il bambino a sviluppare senso di inadeguatezza e scarso rendimento scolastico. Modificare questi comportamenti significa apportare un notevole miglioramento nella vita del bambino, fornendogli la giusta soluzione per l'acquisizione di autostima e serenità.

47

Le soluzioni utili

Prima di tutto bisogna sottoporre il bambino ad alcuni test specifici da fare a scuola valutando la gravità del problema e si stabilendo un programma di recupero: occorrono, ad esempio, i materiali scolastici giusti come i quaderni Erickson, fogli particolari che hanno i margini colorati per facilitare la scrittura. Le penne inoltre devono essere ergonomiche e cancellabili, in modo tale che, quando il bambino fa un errore, può rimediare facilmente. Un altro metodo per intervenire è proporre al bambino alcuni esercizi di recupero.

Continua la lettura
57

Altre tipologie di intervento

Per intervenire sulla posizione della schiena e del busto bisogna inclinare il quaderno di massimo 30 gradi e sgombrare il tavolo cosicché il bimbo possa focalizzare l'attenzione sul quaderno e sugli esercizi. I genitori devono seguire il piccolo durante lo svolgimento dei compiti e non punirlo in caso di errori, non facendogli pesare questa condizione. Il ricorso a specialisti è un aiuto indispensabile in tutte le fasi del percorso; nello specifico il grafomotricista e lo psicomotricista rappresentano un'ottima risorsa per accelerare la guarigione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Sottoporre il bambino al test per la disgrafia ai primi sospetti
  • Proporre esercizi divertenti al bambino, evitando di trasmettergli ansia e fargli pressione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come insegnare ai bambini a scrivere

Negli anni passati, per insegnare ai bambini a scrivere, si faceva disegnare loro i "bastoncini". In questo modo i bambini acquisivano dimestichezza nel tenere in mano una penna. Oggi non si utilizza più questo tipo di metodo perché antiquato, ripetitivo...
Bambino

Idee per una festa bimbi a tema bosco incantato

Quando ci si trova davanti a dover scegliere un tema per la festa di compleanno dei propri bimbi, non è mai una scelta sbagliata quella di puntare sul tema del bosco incantato. Non c’è niente di più divertente, entusiasmante e magico delle fate e...
Bambino

Come gestire l'ansia dei bambini

Spesso può capitare che i bambini soffrano di ansia dovuta a motivi particolari che creano in loro spavento e paura. Quest'ansia generalmente va via dopo poco, ma se si prolunga o comincia a interferire con le normali attività quotidiane del bambino...
Bambino

Come aiutare un bambino a non mangiare le unghie: onicofagia

L'onicofagia costituisce un disturbo compulsivo che potrebbe causare gravi problemi alla salute umana ed è famosa come il vizio di mangiarsi le unghie: a differenza di quanto si possa ritenere, ciò rappresenta un disturbo che può nascere anche in tenera...
Bambino

Rigurgito neonato: cause e rimedi

Il rigurgito del piccolo neonato è anche chiamato reflusso, ed è uno dei fenomeni che maggiormente preoccupa i genitori nei prima mesi di vita dei loro piccoli. Anche se è un disturbo molto comune, che soltanto in casi molto rari potrà sfociare veramente...
Bambino

Logopedia: quando serve

La logopedia è una branca della medicina atta ad aiutare tutti coloro che presentano difficoltà nel parlare. Ci riferiamo a tutte quelle persone per esempio colpiti da ictus che, necessitano di un corso di riabilitazione o anche per alcuni bambini che...
Bambino

Come capire se il tuo bebè ha mal di testa

Il mal di testa, è un disturbo comune anche nei bambini. Un dolore costante che crea nervosismo, dolore e insofferenza sono solo alcuni dei sintomi di una fastidiosa cefalea. Nei bambini molto piccoli, non è sempre facile intuire quando un bebè soffre...
Bambino

Come aiutare il bambino a stimolare la stitichezza

La stitichezza (o stipsi) indica un disturbo nelle funzioni fisiologiche, sia per quel che riguarda la difficoltà che la frequenza con la quale si va di corpo. La stipsi è spesso causata da una dieta povera di fibre e di liquidi, e prestare molta attenzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.