Come inserire serenamente il bambino all'asilo

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Per tutti i bambini arriva il momento fatidico dove dovranno essere inseriti all'asilo, e diversi di loro, per esigenze diverse famigliari, affronteranno tale esperienza nuova abbastanza presto, fin dai primi mesi di vita, invece altri, vivono tale realtà leggermente più avanti con l'età, anche se di qualche anno. In tutti i casi, sarà bene tale avvenimento così importante, sia preparato inizialmente dai genitori, con un po' di anticipo, ed anche nel migliore dei modi facendo in modo, che esso possa essere serenamente agevolato, e senza contrattempi spiacevoli. Non tutti i bimbi reagiscono allo stesso modo quando arriva il momento dello stacco dalla loro mamma, per andare all'asilo. Dipende tanto dal tipo di legame che ha stabilito con i genitori fino al momento determinato, ed anche dal carattere proprio del bambino. Si potrà però realizzare di inserire all'asilo il piccolo/a, nel modo corretto affrontando il distacco con meno disagi sia per lui/lei stesso/a, ma anche per la mamma. In seguito vedrete come fare.

26

Occorrente

  • calma, serenità
  • rapporto con le maestre
36

Un'ottima regola è quellla di iniziare a preparare il bimbo/a parlando loro di tale esperienza nuova, che avverrà tra un po' di mesi, in modo da presentare tale opporturnità con dei toni che hanno entusiasmo, esaltandone tutti gli aspetti positivi. Dovrete spiegare loro che trascorrerà del tempo con altri bimbi come lui/lei, che giocherà con loro ed imparerà moltissime nuove cose. Sarebbe meglio portarlo anche qualche volta, a fare visitare la scuola, organizzando, anche magari con l'insegnante, un giro per le aule, negli spazi che sono destinate alle attività di ludica, o nelle aree che ospitano la mensa, ed anche nei laboratori. Si potrebbe eventualmente, fargli conoscere qualche bambino/a della sua stessa età, sempre sotto consiglio della maestra, così facendo incentiverà i rapporti di amicizia preparandosi un po'. Una volta che avrete fatto le visite guidate, dovrete ricordare al bimbo, ogni tanto, le attività svolte con gli altri bambini, i giochi che avranno fatto, e le esperienze positive vissute: questo lo potrà aiutare ad inserirsi nel migliore dei modi.

46

Voi genitori vi dovrete preparare in modo psicologico per tale momento del distacco: specialmente all'inizio i bambini, sono dei veri maestri in questa fase: certi proveranno a fare i capricci piangendo, in modo da diventare teneri davanti ai genitori. In tal caso, bisognerà dimostrare loro serenità e fermezza. Dovrete avere un atteggiamento deciso, non cedendo ai loro capricci, dando spazio ai ripensamenti, facendo vacillare anche il bambino più temerario. Inoltre, potrete evitare che l'atteggiamento che capriccioso e i piagnistei del bambino si possano prolungare per i giorni successivi.

Continua la lettura
56

Altro aspetto molto importante è quello di essere sempre sinceri relativamente al proprio figlio: gli dovrete cercare di spiegare il motivo per il quale andrà a scuolina. Dovrete dire ad esempio che la mamma deve andare al lavoro, oppure che i genitori hanno molti lavori da fare a casa. Non dovrete mentire inventando scuse poco credibili, come ad esempio dicendo magari che deve andare la scuola perché ha avuto un comportamento scorretto, oppure ancora peggio per una specie di punizione. Per il motivo stesso, se possibile non dovrete far coincidere il momento dell'inserimento all'asilo con l'arrivo di un fratellino o sorellina, in quanto per questo potrebbe pensare di essere messo come da parte, cioè "scartato", a favore del piccolo/a arrivato.
Dovrete proporgli tale esperienza nuova, come un motivo di arricchimento per lui/lei, e dovrete spiegargli che è già capace di fare cose nuove da solo, ma anche insieme ad altri bambini e che per questo motivo, voi siete molto orgogliosi di lui.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come fare se il bambino non vuole andare all'asilo

I bambini, specie se sono ancora molto piccoli, non riescono ad esprimere in maniera chiara le proprie emozioni, le proprie sensazioni, i propri disagi interiori, le proprie angoscie. Il compito di ogni genitore dunque, è fondamentale: essi devono cercare...
Bambino

Come aiutare i bambini a socializzare all'asilo

Le prime persone con le quali interagiscono i bambini sono i genitori, i nonni e le persone più vicine alla famiglia. In una società con basso tasso demografico, spesso si parla di figlio unico. Questo comporta un'interazione esclusiva con gli adulti....
Bambino

Asilo nido: come gestire il distacco dalla mamma

Come nel regno animale anche per noi umani arriva il momento in cui dobbiamo distaccarci dall'amore materno. Il primo passo viene effettuato quando il bimbo inizia l'asilo nido. Infatti dopo le coccole e l'amore materno il bambino, andando all'asilo nido,...
Bambino

Bambini: guida alle strategie per farli dormire serenamente

Se anche voi avete problemi per far addormentare i vostri figli, e quando ci riuscite il loro sonno è irrequieto e si svegliano spesso, questa guida fa al caso vostro. Il sonno è molto importante, specie nei bambini. Il sonno irrequieto può essere...
Bambino

Come far addormentare serenamente i bambini

I bambini sono la vera felicità della propria casa, ma per essere sereni noi stessi, è necessario che essi vengano cresciuti ed educati in maniera consona e adeguata. Considerate che il loro primo esempio di vita sono proprio i genitori (o chi ne fa...
Bambino

Come preparare il bambino al primo giorno di scuola dell'infanzia

Il fatidico primo giorno di asilo arriva per tutti ed è molto atteso e parecchio temuto sia dalle mamme che dai bambini: le numerose domande che solitamente le donne (sempre eccessivamente ansiose e spaventate anche dagli eventi naturali) si pongono...
Bambino

Come stimolare lo sviluppo sociale del bambino

I bambini nascono con un carattere personale e un indole più o meno favorevole alla socializzazione: ad esempio, ci saranno dei piccoli maggiormente estroversi, socievoli e gioiosi.Questo non toglie che, le esperienze maturate durante i primi anni di...
Bambino

Come ottenere l’attenzione di un bambino

Il dialogo fra adulti e bambini avviene secondo modalità diverse dal dialogo fra soli adulti. Infatti fra grandi e piccoli esiste una forte discrepanza di lingua, di conoscenza del mondo e di aspettative. Per superare gli ostacoli nell'interazione, è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.