Come insegnare ai bambini il rispetto per gli insegnanti

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il ruolo educativo di un genitore è molto diverso rispetto a quello di un insegnante, ma nel momento in cui il bambino fa il proprio ingresso nel mondo della scuola le reciproche competenze non sono ancora ben delineate.
Questo può generare confusione e sfociare in comportamenti negativi da parte del bambino che non riesce ad accettare né la presenza, né le regole imposte da questa nuova figura.
È compito del genitore indirizzare il bambino, per consentirgli di gestire al meglio un nuovo tipo di rapporto.
In questa guida capiremo come insegnare ai bambini il rispetto per gli insegnanti.

25

La fiducia

Il primo passo per creare una base di rispetto nei confronti di un insegnante, è quello di instaurare un rapporto di fiducia.
Il bambino o il ragazzo deve poter vedere, nella persona che ha di fronte quotidianamente, una figura positiva, a cui poter chiedere consiglio o assistenza. Deve vedere nell'insegnate qualcuno che è lì per aiutarlo.
Da questo punto di vista può essere utile che un genitore dica al bambino frasi come: "Se hai un problema parlane alla maestra"; oppure "Se questo compito ti risulta difficile parlane pure con la maestra, così potrà spiegartelo meglio".
Ovviamente questi suggerimenti devono avere poi un riscontro da parte dell'insegnante, che dovrà riuscire a guadagnarsi la fiducia che il bambino ripone in lui.

35

L'autorità

Affinché un ragazzo abbia rispetto nel proprio insegnante è fondamentale che ne accetti l'autorità.
Rispettare un insegnante significa infatti rispettare le sue regole, le sue scelte educative, le sue direttive didattiche.
La maggior parte dei bambini e dei ragazzi tende a lamentarsi della quantità dei compiti assegnati, della loro tipologia, della difficoltà nelle interrogazioni o delle valutazioni ricevute nelle esercitazioni pratiche. Questo atteggiamento è del tutto naturale, e fa parte dell'apprendimento.
Un genitore dovrebbe avere l'accortezza di non sminuire le scelte didattiche di un insegnante, anzi dovrebbe far comprendere al ragazzo che le difficoltà servono ad aiutarlo, a migliorarsi.
In tal modo il ragazzo sarà maggiormente propenso ad accettare l'autorità dell'insegnante.
In questi casi può essere bene sottolineare gli aspetti positivi dell'educazione scolastica, dicendo al bambino frasi come: "Vedi quante cose utili stai imparando in questo modo".
È comunque giusto che un genitore non sottovaluti le lamentele del ragazzo (soprattutto se ripetute in specifiche occasioni), perché potrebbero celare un disagio oppure un'insoddisfazione di natura diversa, su cui può essere opportuno indagare.

Continua la lettura
45

La collaborazione

La collaborazione tra insegnanti e genitori può trasformarsi in un ottimo modo per creare una base di rispetto reciproco.
Se un ragazzo o un bambino si accorgerà che il suo genitore è presente nelle scelte fatte da parte dell'insegnante, che ne condivide le metodologie didattiche, che afferma il suo punto di vista anche nel fare proposte, che l'insegnante ascolta e valuta tali proposte, allora il rispetto si radicherà in modo spontaneo.
Ovviamente, nei casi in cui ci saranno posizioni discordanti, il genitore dovrà avere l'accortezza di non mettersi in aperto contrasto con l'insegnante, soprattutto in presenza del bambino.
Il ragazzo percepirà così che il rispetto è una condizione di base per le relazioni degli adulti, e gli risulterà naturale avere rispetto anche nei confronti di persone con cui ha divergenze.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come insegnare ad un bambino il rispetto degli animali

Gli animali domestici sono degli ottimi compagni per l'uomo, tuttavia è fondamentale riuscire a curarli e rispettarli in maniera perfetta. È dunque importante iniziare già da bambini ad insegnare il rispetto per gli animali e per farlo potremo provare...
Bambino

Come insegnare ad un bambino il rispetto delle regole

Tutti quanti abbiamo dovuto sottostare a delle regole sociali impartite dai nostri genitori, nonostante le abbiamo trasgredite regolarmente. Quando si tende a diventare adulti e genitori, ovviamente, si comprende che insegnare il rispetto ad un bambino...
Bambino

Come insegnare i mesi dell'anno ai bambini

Tutti i bambini sono sempre molto curiosi di imparare continuamente delle cose nuove, e per questo motivo sia gli insegnanti che i genitori devono cercare di assecondare in tutti i modi la loro voglia di conoscere ed esplorare, senza mai forzare le cose....
Bambino

Come insegnare ai bambini a non sprecare l'acqua

Risorsa importantissima e vitale, l'acqua è un bene estremamente prezioso. Sprecare l'acqua, equivale a dimostrare una totale mancanza di amore e rispetto. Per questo motivo è di vitale importanza insegnare ai bambini a non sprecare l'acqua, ma ad averne...
Bambino

Come insegnare ai bambini a scrivere

Negli anni passati, per insegnare ai bambini a scrivere, si faceva disegnare loro i "bastoncini". In questo modo i bambini acquisivano dimestichezza nel tenere in mano una penna. Oggi non si utilizza più questo tipo di metodo perché antiquato, ripetitivo...
Bambino

Come insegnare l'arte del riciclo ai bambini

Con il trascorrere degli anni, l'essere umano acquista una maggiore sensibilità per la tutela ambientale e, quindi, il riciclo rappresenta un ottimo mezzo per prendersi cura dell'intero pianeta Terra: in numerosi centri, esso è ormai una pratica obbligatoria,...
Bambino

Come insegnare ai bambini a gestire il loro tempo libero

Per tempo libero s'intende quel momento in cui non si hanno più impegni lavorativi. Quindi, non è altro che un tempo da dedicare a se stessi. Oppure ad attività piacevoli e rilassanti. Tuttavia, a volte si finisce per far diventare routine anche questo...
Bambino

Come insegnare le note musicali ai bambini piccoli

Wolfgang Amadeus Mozart. Chi di noi non conosce questo celebre compositore? Dalla metà del '700 sino ai giorni nostri, egli ha scritto la musica migliore di tutti i tempi. Il giovane Mozart iniziò la sua carriera proprio da bambino, il che fa significa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.