Come insegnare ai bambini ad essere ordinati

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Quando si hanno dei bambini piccoli, capita molto spesso che alcuni aspetti riguardanti la cura della casa, come ad esempio ciò che concerne l'ordine, siano, nostro malgrado, trascurati, in quanto il nostro tempo per poter dedicarci alla cura della casa si riduce in modo notevole: giocattoli sparsi ovunque, scarpine e indumenti vari vengono lasciati in ogni angolo della casa, dopo essere lavati. Inutili i tentativi e le operazioni di riordino, in quanto dopo poco tempo tutto ritorna come prima. Questa guida è dedicata a tutte le mamme che credono sia un' impresa ardua insegnare ai loro bambini, sin da piccoli, ad essere ordinati. Non è affatto difficile, ma bisogna iniziare presto per avere risultati sicuri... Vedrete che con le giuste tattiche l'ordine nelle vostre case regnerà sovrano... O per lo meno non dovrete sgobbare da mattina a sera a riporre giocattoli, indumenti e cose varie... Sparpagliate per casa, senza grandi risultati. Seguite la guida per sapere come insegnare ai bambini ad essere ordinati.

27

Occorrente

  • Pazienza
  • Costanza
  • Convinzione
  • Determinazione
  • Scatole di varie misure
  • Un posto per ogni cosa
37

I bambini sin da piccoli, imitano i gesti dei genitori, appunto per questo è necessario dare il buon esempio fin da subito. I più piccoli non sono naturalmente predisposti a creare il disordine, semplicemente tendono ad emulare i comportamenti altrui. Se in casa, i genitori sono soliti abbandonare per casa i loro oggetti in posti non adeguati, il bambino stesso, acquisirà automaticamente questa errata abitudine, per cui, occorre iniziare molto presto, abituando i più piccoli all'ordine puntando sul fatto che i nostri pargoli sono degli abitudinari e che fin da piccoli copiano i nostri gesti e il nostro comportamento anche per quanto riguarda l' ordine.
Quindi, prima iniziamo ad evidenziare comportamenti errati, migliori saranno i risultati.

47

Un bambino che vive nel disordine non può percepire il concetto di ordine, in quanto non ne è mai venuto in contatto con il concetto di ordine, quindi è ovvio che non sa cosa sia. Quindi è necessario, prestare attenzione a come insegnargli che ogni cosa ha il suo posto. Inizia dapprima tu a riporre sempre ciò che prendi per poi ricollocare al suo posto, dopo averlo utilizzato, quello che abbiamo adoperato, facendo di conseguenza notare questa azione al vostro piccolo. Con il passare del tempo anche il piccolo metterà nel posto dove ha preso il gioco, senza lasciarlo in giro per casa.

Continua la lettura
57

Il segreto è dare un posto prestabilito alle sue cose. Il cesto colorato serve per i giocattoli, la scatola quadrata per i colori, la cartellina per i suoi disegni, il ripiano basso dello scaffale per i suoi libri e le mensole ad esempio per i giochi in scatole tipo puzzle o costruzioni. Questi rituali insegnano al bambino che deve riporre esattamente in un posto, sempre lo stesso, le sue cose. Ogni cosa ha il suo posto. Il suo pigiamino deve essere riposto in un simpatico porta pigiama e bisogna invitare il bambino ogni mattina ad andare da solo a metterlo al suo posto. Le sue scarpette abitano nella scarpiera di mamma e papà o per lo meno lì vicino e sarà suo il compito di riporle lì tutte le volte che sarà necessario.
Lo spazzolino da denti va messo nel bicchiere e dopo il bagnetto le paperelle vanno appoggiate sulla vasca o su un ripiano apposito...

67

Se poi gli insegni che le cartacce vanno buttate in un cestino apposito messo alla sua portata e lo inviti a fare lo stesso con le carte delle caramelle non le vedrai più sparse sul tavolo e sotto il divano...
Insomma, basta non imporgli le regole rigide, ma farle rispettare con naturalezza e coerenza per ottenere risultati sorprendenti!

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • non perdete la pazienza e non demordete. I risultati si vedranno dopo un pò di tempo
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come insegnare ai bambini il rispetto per gli altri

Se in questa guida cercate un decalogo da seguire per insegnare il rispetto per gli altri ai vostri figli, forse è il caso che vi chiariate un po' le idee. Non esistono regole da osservare, precedenze da accordare o inchini da eseguire. Il rispetto è...
Bambino

Come insegnare le note musicali ai bambini piccoli

Wolfgang Amadeus Mozart. Chi di noi non conosce questo celebre compositore? Dalla metà del '700 sino ai giorni nostri, egli ha scritto la musica migliore di tutti i tempi. Il giovane Mozart iniziò la sua carriera proprio da bambino, il che fa significa...
Bambino

Come insegnare i mesi dell'anno ai bambini

Tutti i bambini sono sempre molto curiosi di imparare continuamente delle cose nuove, e per questo motivo sia gli insegnanti che i genitori devono cercare di assecondare in tutti i modi la loro voglia di conoscere ed esplorare, senza mai forzare le cose....
Bambino

Come insegnare ai bambini a leggere e scrivere

Il primo impatto con la scuola non è mai semplice per i bambini perché segna sia la lontananza dai genitori che un reale cambiamento nelle abitudini quotidiane. Il primo passo da compiere è sicuramente imparare a leggere e a scrivere. A tal proposito,...
Bambino

Come insegnare ai bambini le sillabe

Imparare a leggere e scrivere è sicuramente uno dei traguardi più magici del percorso di crescita di un bambino. I genitori condividono questo momento, di curiosità e fatica, con i propri figli e sono molto fortunati. Questo compito risulta essere...
Bambino

Come insegnare i colori ai bambini

Sebbene non possiedano ancora la proprietà di linguaggio i bambini apprendono rapidamente tutte le informazioni con le quali vengono a contatto. Non è mai troppo presto per offrire delle nuove nozioni ai piccoli, ma il buonsenso e l'esperienza suggeriscono...
Bambino

Come insegnare ai bambini a chiedere scusa

Insegnare ai bambini a chiedere scusa non è sicuramente un' impresa da poco. È molto importante però riuscirci con calma e pazienza, facendogli capire che nella vita si sbaglia ma è giusto scusarsi con l'altra persona quando ciò accade. Le scuse...
Bambino

Come insegnare danza ai bambini

In questo tutorial di oggi vi spiegheremo come insegnare danza ai bambini. L'insegnamento di questa disciplina dovrà essere eseguita da mani maggiormente esperte, in quanto è formata da esercizi che dovranno essere imparati gradatamente, seguendo un...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.