Come insegnare ai bambini a scrivere

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Una volta per insegnare ai bambini a scrivere gli si facevano disegnare i "bastoncini". In questo modo i bambini acquisivano dimestichezza nel tenere in mano una penna che all'epoca era ancora col pennino ed il calamaio. Oggi non si utilizza più questo tipo di metodo perché antiquato, ripetitivo ed anche abbastanza noioso e soprattutto perché le penne di ora non fanno disastri come quelle di una volta. Ai piccoli si inizia ad insegnare la scrittura partendo direttamente dalle vocali, così da entrare subito nel vivo della scrittura. Ad ogni lettera saranno associati dei disegni da colorare, così da giocare con le lettere e divertirsi imparando. Perché insegnare ai bambini a scrivere non è per niente facile. Per farlo dovrete munirvi di tanta buona volontà ed infinita pazienza. Inoltre, dovrete saperli comprendere. I bambini ovviamente preferiscono di gran lunga giocare nel parco o vedere i cartoni animati in Tv. Quindi non impostate l'insegnamento della scrittura come un impegno gravoso ma proponetelo come un gioco. Ricordatevi, inoltre, che il passaggio dall'asilo alla prima elementare può risultare anche molto traumatico per un bambino. Vediamo come insegnare ai bambini a scrivere!

27

Occorrente

  • fogli di carta
  • cartoncino
  • forbici dalla punta arrotondata
  • colla stick
  • matite colorate
  • giornali e riviste
  • penne cancellabili
37

Imparare giocando

Per insegnare ai bambini a scrivere, dovrete utilizzare tutta la vostra fantasia. Iniziate preparando un cartellone dove disegnerete tutte le lettere dell'alfabeto, in carattere sia maiuscolo che minuscolo. Accanto ad ognuna, disegnate un animale o un oggetto il cui nome inizi per la lettera corrispondete. Utilizzate anche delle canzoncine proprio sull'alfabeto, ce ne sono di molto divertenti, orecchiabili e di facile memorizzazione. Cantatele insieme con i bambini, senza vergognarvi, anche se non siete particolarmente intonati, anzi in alcuni casi un canto sguaiato coinvolgerà ancor di più i bambini che si sentiranno giustificati anche nell'elaborare a volontà la canzone. In questo modo le lettere rimarranno certamente impresse nella loro mente. Ogni volta che riusciranno a ricordare una lettera e ad associarla correttamente al relativo simbolo grafico e al disegno sul cartellone premiateli in qualche maniera, di solito basta una bel "bravo!", ma evitate di riempirli di premi in giocattoli o dolci, perché potrebbero anche iniziare a cercare di barare per avere altri premi. Tentate di indirizzare la loro attenzione più sul disegno che sulla scrittura. Tutto dovrà apparire come un gioco e non come un compito noioso. Per insegnare ai bambini a scrivere, procuratevi un semplice quaderno, non importa se a righe o a quadretti. Su questo farete disegnare la lettera associata all'iniziale di un determinato disegno. Per esempio, accanto al disegno di un fiore, farete scrivere la lettera F. Scrivetela prima in carattere minuscolo e poi in maiuscolo, come mostrato sul cartellone precedentemente preparato.

47

Stimolare la creatività

La seconda parte del gioco consisterà nel colorare le figure secondo il loro gusto personale. Non impartite regole precise. I bambini si concentreranno sulle tonalità e sulla colorazione. Solo in seguito assoceranno la letterina al disegno realizzato. Per insegnare ai bambini a scrivere non andate di fretta. Rispettate i loro tempi, anche se potranno essere lunghi. Di colore in colore, di disegno in disegno, pian piano i piccoli impareranno tutto l'alfabeto. Solo a questo punto potrete tentare di far formare loro delle piccole frasi. Invogliateli a formare delle semplici frasi sul papà o sulla mamma, senza pretendere da loro aggettivi elaborati o complessi enunciati. I piccoli potranno scriverle su di un foglio da regalare poi ai propri genitori. Incentivateli facendo loro dei complimenti ed incoraggiandoli a continuare con passione. L'importante è che i bambini si sentano interessanti alla scrittura e cerchino di affrontarla loro stessi, senza dover essere stimolati. Scrivere dovrebbe diventare una specie di sottofondo ludico, un componente indispensabile di tutti i giochi, perché fissare le lettere è un processo piuttosto lungo perché purtroppo si tratta di molti caratteri e oltretutto dotati di un ordine preciso, che per le menti galoppanti dei bambini fanno presto a confondersi e sovrapporsi.

Continua la lettura
57

Evitare le punizioni

Per insegnare ai bambini a scrivere, evitate di sgridarli. Non fatelo mai, neanche se le loro letterine sono solo dei ganci deformi. Spiegate loro con calma, magari guidando la loro mano, come elaborare correttamente ogni singola lettera. Ed invitateli a trovare schemi mnemonici nelle forme delle lettere, come per esempio "l'occhio" oppure "la pancia" o "le manine". Impegnate i bambini nel disegno in maniera naturale e divertente. Sarà proprio attraverso le figure che il piccolo imparerà ad associare lettere e disegni. Potreste anche far ritagliare loro delle figure colorate da giornali e riviste da applicare poi su di un quaderno. Accanto ad ogni ritaglio i bambini potranno scrivere la parola che lo rappresenta. È solo con la calma e la tranquillità che si potranno ottenere ottimi risultati nell'insegnare ai bambini a scrivere. Anche se alla fine della giornata la casa sarà piena di ritagli e pezzetti di carta, evitate assolutamente di far pesare la cosa ai bambini, anzi, dovrebbero essere stimolati anche a cercare in mezzo ai ritagli tutti gli oggetti che possono anche solo da lontano somigliare alle lettere.

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come insegnare i mesi dell'anno ai bambini

Tutti i bambini sono sempre molto curiosi di imparare continuamente delle cose nuove, e per questo motivo sia gli insegnanti che i genitori devono cercare di assecondare in tutti i modi la loro voglia di conoscere ed esplorare, senza mai forzare le cose....
Bambino

Come insegnare ai bambini le sillabe

Imparare a leggere e scrivere è sicuramente uno dei traguardi più magici del percorso di crescita di un bambino. I genitori condividono questo momento, di curiosità e fatica, con i propri figli e sono molto fortunati. Questo compito risulta essere...
Bambino

Come insegnare ai bambini il rispetto per gli altri

Se in questa guida cercate un decalogo da seguire per insegnare il rispetto per gli altri ai vostri figli, forse è il caso che vi chiariate un po' le idee. Non esistono regole da osservare, precedenze da accordare o inchini da eseguire. Il rispetto è...
Bambino

Come insegnare le note musicali ai bambini piccoli

Wolfgang Amadeus Mozart. Chi di noi non conosce questo celebre compositore? Dalla metà del '700 sino ai giorni nostri, egli ha scritto la musica migliore di tutti i tempi. Il giovane Mozart iniziò la sua carriera proprio da bambino, il che fa significa...
Bambino

Come insegnare i giorni della settimana ai bambini

Quante volte vi è capitato che i vostri bambini non sappiano i giorni dalla settimana e facciano confusione tra di loro? Sicuramente tante. La cognizione del tempo è difficile da imparare per un bambino piccolo, ma fortunatamente, i bambini possiedono...
Bambino

Come insegnare i colori ai bambini

Sebbene non possiedano ancora la proprietà di linguaggio i bambini apprendono rapidamente tutte le informazioni con le quali vengono a contatto. Non è mai troppo presto per offrire delle nuove nozioni ai piccoli, ma il buonsenso e l'esperienza suggeriscono...
Bambino

Come insegnare ai bambini a chiedere scusa

Insegnare ai bambini a chiedere scusa non è sicuramente un' impresa da poco. È molto importante però riuscirci con calma e pazienza, facendogli capire che nella vita si sbaglia ma è giusto scusarsi con l'altra persona quando ciò accade. Le scuse...
Bambino

Come insegnare danza ai bambini

In questo tutorial di oggi vi spiegheremo come insegnare danza ai bambini. L'insegnamento di questa disciplina dovrà essere eseguita da mani maggiormente esperte, in quanto è formata da esercizi che dovranno essere imparati gradatamente, seguendo un...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.