Come insegnare a scrivere a un bambino

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Per prendersi cura dei bambini ed educarli sono necessari esperienza, costanza e veramente molta pazienza. I bambini non imparano tutti alla stessa velocità e, soprattutto per i piccoli che non apprendono i modo rapido e rappresentano, dunque, casi più "complessi" è necessario avere un buon metodo. Apprendere la scrittura è un processo complesso che richiede molto impegno per un bambino che ci si approccia per le prime volte. Oltre agli aspetti cognitivi e linguistici che entrano in gioco intervengono moltissime variabili che possono entrare in gioco quando ci si riferisce alla scrittura di lettere e numeri. Una prima regola d'oro è quella, ovviamente, di cominciare in modo graduale facendolo passare quasi come un gioco ed andando a svolgere esercizi che fungono da preparazione a quello che sarà il lavoro scolastico vero e proprio. Qui di seguito andremo a vedere come insegnare a scrivere a un bambino.

26

Occorrente

  • esercizi di pregrafismo
  • schede operative di linee orizzontali e verticali
  • schede operative di linee curve ed oblique da tracciare
  • schede operative di linee spezzate ed ondulate
36

Riproduzione grafica

Un bambino è pronto ad approcciarsi alla scrittura nel momento in cui è in grado di andare a riconoscere delle forme grafiche. Per allenare questa capacità si possono utilizzare dei semplici giochi che si trovano comunemente in libricini colorati. Il passo successivo è quello di far sì che il vostro piccolo riesca a riprodurre dei segni sul foglio seguendo una traiettoria che va da sinistra a destra. Durante questi esercizi non dimenticate di insegnare ai piccoli la corretta postura sulla sedia e la giusta impugnatura della penna.

46

Esercizi di pregrafismo

I primi esercizi che normalmente si svolgono sono definiti, dagli esperti, "pregrafismo". Questi racchiudono tutte quelle pratiche che hanno il fine di andare a sciogliere i muscoli che interessano il polso e le dita. Per fare questo esistono delle schede operative su cui vengono tracciate (a mano libera o seguendo delle tracce punteggiate) delle linee orizzontali, verticali, oblique, ondulate ecc.. Questa tipologia di esercizi è consigliabile a partire dai quattro/cinque anni di età e possono essere svolti anche in casa utilizzando dei pennarelli che sono man mano sempre più sottili.
In ogni caso risultano utili tutti i giochi e le attività che stimolano la manualità; tra questi: abbottonare (e sbottonare), infilare delle stringhe e dilettarsi con le bacchette dello Shangai.

Continua la lettura
56

Dalle linee alle lettere

Se prendiamo in considerazione, nel dettaglio, le diverse linee che possono essere tracciate con i vari colori è facilmente notabile che disegnare la spirale di una chiocciola si basa su movimenti che possono tornare utili per disegnare la lettera "o". Le linee rette interessano, invece, lettere scritte in maiuscolo del tipo "L-M-N-A".
Il primo strumento consigliato per approcciarsi alla scrittura vera e propria è la matita che permette non solo movimenti più dolci rispetto la penna ma di rimediare ai vari errori senza lasciare alcuna traccia lasciando il lavoro finito più ordinato e quindi più gratificante per il bambino (questo si traduce con maggiore motivazione).
Procedete nell'insegnamento con calma senza introdurre più di una lettera al giorno in modo di lasciare il giusto tempo, al piccolo, di esercitarsi alla riproduzione sul foglio. Man mano che procedete in questo modo arricchite gli esercizi con parole di esempio per creare l'associazione tra la lingua parlata e la scrittura.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • impegnate il bambino in attività non più lunghe di 15-20 minuti

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Come insegnare ai bambini a scrivere

Negli anni passati, per insegnare ai bambini a scrivere, si faceva disegnare loro i "bastoncini". In questo modo i bambini acquisivano dimestichezza nel tenere in mano una penna. Oggi non si utilizza più questo tipo di metodo perché antiquato, ripetitivo...
Bambino

Come insegnare a un bambino a lavarsi la faccia

Insegnare ad un bambino a lavarsi la faccia non rappresenta affatto un'impresa complicata, sopratutto se si riesce a porre il gesto come un'attività ludica. È molto importante se non fondamentale, rispettare assolutamente i suoi tempi e cogliere prontamente...
Bambino

Come insegnare a un bambino a camminare

I primi passi di un bambino sono un grande momento nella vita di ogni genitore e del bambino stesso. Imparare a camminare è tanto difficile quanto spontaneo ma non è affatto semplice. In questa guida vi daremo dei pratici consigli su come insegnare...
Bambino

Come insegnare a un bambino a lavarsi i denti

Lungo i passi che andranno a comporre questa breve guida, andremo a occuparci di igiene personale, collegata anche all'educazione. Infatti, i protagonisti di questa guida saranno i bambini. Proveremo a spiegarvi in pochi passi Come insegnare a un bambino...
Bambino

Come Insegnare Al Bambino Ad Interagire Con Gli Altri

Il bambino che sistematicamente si isola dagli altri in quanto si ritiene non bene accetto agli altri, rappresenta una situazione che non deve essere sottovalutata, ma adeguatamente affrontata da parte dei genitori e degli insegnanti. L'intervento precoce...
Bambino

5 modi per insegnare a leggere al tuo bambino

Avviare i bambini in età prescolare alla lettura implica un processo educativo impegnativo. I genitori che intendono insegnare a leggere al proprio figlio dovranno munirsi di una buona dose di pazienza, nella consapevolezza che ciascun bimbo necessita...
Bambino

Come insegnare ai bambini a leggere e scrivere

Il primo impatto con la scuola non è mai semplice per i bambini perché segna sia la lontananza dai genitori che un reale cambiamento nelle abitudini quotidiane. Il primo passo da compiere è sicuramente imparare a leggere e a scrivere. A tal proposito,...
Bambino

Come insegnare le parole al bambino

Genitore si diventa piano piano crescendo col proprio bambino. Per questo non bisogna accanirsi sul piccolo pretendendo a tutti i costi che lui/lei ripeta le parole che noi vogliamo sentirci dire solo perché magari non vediamo l'ora che dica le due parole...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.