Come insegnare a leggere al bambino

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Come ben sappiamo, quello dei bambini è un universo davvero particolare che si compone di mille e più sfaccettature. I più piccoli si trovano a scoprire il mondo e ne prendono ufficialmente parte quando cominciano la scuola.
Un ambiente come quello scolastico, offre molte opportunità di crescita. Tra i primi insegnamenti troviamo la lettura. Si parte da piccoli testi, fatti di sillabe e parole molto semplici, per poi arrivare a letture un po' più articolate.
Grazie a questa piccola guida, scopriremo come insegnare a leggere ad un bambino, con tutti i procedimenti ed i consigli in merito. Possiamo agire sia in veste di insegnanti che di genitori. Basta che seguiamo attentamente tutti i consigli che troviamo nei passi successivi.

27

Occorrente

  • Carta
  • Colori
  • Disegni
  • Libri di fiabe illustrate
  • Testi di canzoncine
37

Seguire ogni bambino in modo diverso e catturare la sua attenzione

Per insegnare la lettura, possiamo iniziare dai bimbi che ricoprono una fascia d'età tra i 3 e i 6 anni. La mente di un bambino è una spugna che assorbe numerose informazioni. A meno che non vi sia un deficit di apprendimento, i più piccoli assimilano con estrema rapidità ciò che gli viene insegnato a casa quanto a scuola.
Innanzitutto, teniamo conto del fatto che ogni bimbo è un individuo a sé, quindi dovremo seguire in modo diverso ognuno di loro. Per trasmettere insegnamenti come quello inerente alla lettura, dobbiamo in primo luogo catturare l'attenzione dei nostri piccoli allievi. Coinvolgiamoli in questa attività presentandola come puro divertimento. Non dobbiamo far apparire la lettura come un noioso compito da svolgere, perciò evitiamo di essere troppo severi sin dall'inizio.

47

Stimolare la fantasia dei bambinipiù piccoli puntando sul potere di colori e immagini

Quando insegniamo a leggere ai bambini, soprattutto i più piccoli, dobbiamo cercare di non creare condizioni di stress. Dosiamo sapientemente la mole di lavoro e facciamo delle pause. In questo modo i piccoli ci seguiranno con maggior entusiasmo. A tal proposito, esistono delle tecniche che potremmo adottare per rendere l'insegnamento più agevole. Se insegniamo ai più piccoli, cerchiamo di stimolare la loro fantasia visiva puntando sulle immagini e sui colori. Dobbiamo fare in modo che ogni singola lettera dell'alfabeto venga memorizzata al meglio. Inventiamo quindi delle lettere creative, che si trasformino in coloratissimi disegni.
Ad esempio, la lettera "V" può diventare il muso di una volpe sorridente, per cui sarà facile associare poi l'immagine alla lettera. Aumentiamo gradualmente il livello di difficoltà associando le immagini a intere parole.

Continua la lettura
57

Coinvolgere i bambini più grandi nella lettura con le fiabe illustrate e le canzoncine

Per insegnare a leggere ai bambini più grandi, possiamo puntare sulle fiabe illustrate. Anche in questo caso, cerchiamo di rendere graduale l'apprendimento. Cominciamo dalle semplici lettere, vocali e consonanti, per poi procedere con le varie combinazioni in sillabe. Terminiamo poi con le prime semplici parole.
Il bambino dovrà imparare a identificare dapprima in maniera visiva i vari segni grafici, poi a livello fonetico. Tracciamo le lettere con chiarezza e invitate i bimbi ad osservarle. Quando le avranno memorizzate, allora potremo insegnare loro ad associarle ai diversi suoni. Gli esercizi di riconoscimento e ripetizione si devono fare con continuità. Quando i piccoli avranno appreso lettere e parole, potremo iniziare ad insegnare loro qualche canzoncina semplice.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Stimoliamo interesse e la motivazione del bambino per ottenere un apprendimento efficace e a lungo termine
  • Evitiamo rimproveri e punizioni se i bambini non si sentono invogliati ad imparare.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Modi divertenti per insegnare ad un bambino l'alfabeto

Il passaggio dall'età del gioco a quella dell'apprendimento rappresenta una fase molto delicata per lo sviluppo dei più piccoli. Tuttavia, è importante cercare di far capire ai bambini che imparare qualcosa di nuovo non è solo utile, ma anche divertente,...
Bambino

Come invogliare un bambino a leggere

La passione per i libri e l'amore per la lettura si imparano fin dall'infanzia. È importante leggere fiabe ad un bambino già in tenera età, regalargli libri e proporgli storie interessanti. Ma, a volte, capita di dover affrontare il fatto che un figlio...
Bambino

Come insegnare ai bambini a leggere e scrivere

Il primo impatto con la scuola non è mai semplice per i bambini perché segna sia la lontananza dai genitori che un reale cambiamento nelle abitudini quotidiane. Il primo passo da compiere è sicuramente imparare a leggere e a scrivere. A tal proposito,...
Bambino

Come insegnare le parole al bambino

Genitore si diventa piano piano crescendo col proprio bambino. Per questo non bisogna accanirsi sul piccolo pretendendo a tutti i costi che lui/lei ripeta le parole che noi vogliamo sentirci dire solo perché magari non vediamo l'ora che dica le due parole...
Bambino

Come insegnare a un bambino a lavarsi la faccia

Insegnare ad un bambino a lavarsi la faccia non rappresenta affatto un'impresa complicata, sopratutto se si riesce a porre il gesto come un'attività ludica. È molto importante se non fondamentale, rispettare assolutamente i suoi tempi e cogliere prontamente...
Bambino

Come insegnare a un bambino a camminare

I primi passi di un bambino sono un grande momento nella vita di ogni genitore e del bambino stesso. Imparare a camminare è tanto difficile quanto spontaneo ma non è affatto semplice. In questa guida vi daremo dei pratici consigli su come insegnare...
Bambino

Come insegnare a un bambino a lavarsi i denti

Lungo i passi che andranno a comporre questa breve guida, andremo a occuparci di igiene personale, collegata anche all'educazione. Infatti, i protagonisti di questa guida saranno i bambini. Proveremo a spiegarvi in pochi passi Come insegnare a un bambino...
Bambino

Come Insegnare Al Bambino Ad Interagire Con Gli Altri

Il bambino che sistematicamente si isola dagli altri in quanto si ritiene non bene accetto agli altri, rappresenta una situazione che non deve essere sottovalutata, ma adeguatamente affrontata da parte dei genitori e degli insegnanti. L'intervento precoce...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.