Come incuriosire i bimbi a suonare il pianoforte

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il pianoforte è, da sempre, uno degli strumenti più affascinanti per tutti i bimbi. La sua maestosità, l'eleganza di un lungo piano a coda è in grado di catturare l'attenzione anche dei più piccoli. Suonare questo magistrale strumento, però, non è così semplice. Se è vero che i bambini hanno una maggiore capacità di apprendimento, è altrattanto vero che per incuriosirli a suonare uno strumento musicale in tenera età occorre avere il giusto approccio allo studio che, a volte, potrebbe apparire ai loro occhi troppo impegnativo od addirittura noioso. Questa guida vuole esservi d'aiuto per capire come poter avvicinare il proprio figlio al pianoforte, così da appassionarlo ad uno strumento e migliorare il suo senso del ritmo, trasmettendogli l'amore per la musica. Ricordate sempre che per i bambini tutto, o quasi, deve essere concepito come un gioco, per cui non riponete le vostre aspettative su di lui e non pretendete che diventi un concertista famoso, ma lasciatelo libero di sperimentare, conoscere e vivere la musica come un valore aggiunto alle sue giornate.

28

Occorrente

  • Pianoforte o pianola
  • Buona insegnante
38

Scelta dell'insegnate

La prima cosa da fare è quella di scegliere bene la futura insegnante di pianoforte. Spesso, queste figure, forse per l'austerità dello strumento stesso, sono persone rigide e molto legate a regole di comportamento che non permettono errori. È, invece, importantissimo scegliere un'insegnate capace di valutare l'età del bambino/a e organizzare le lezioni proprio sulla base della sua capacità di concetrazione e della sua voglia di suonare. Se la lezione dura un'ora non è, infatti, concepibile che l'insegnante obblighi il piccolo a fare noiosi solfeggi, ma al contrario è importante che gli permetta di suonare, anche brevi melodie che però appassionino il bambino/a alla musica, dandogli nel contempo sicurezza con lo strumento.

48

Acquisto del pianoforte

Una cosa molto importante per fare in modo che il bambino viva il suo quotidiano con lo strumento è quella di acquistare un pianoforte. Sicuramente questo strumento musicale non è uno dei più economici in commercio, ma non è necessario che si indirizzi l'acquisto verso un imponente e lussuoso piano a coda. Ci sono diversi tipi di pianoforte sul mercato, come, per esempio, quelli a muro che sono sicuramente più economici e occupano meno spazio e, se proprio proprio, non ci possiamo permettere un vero pianoforte, il bambino saprà sicuramente accontentarsi anche di una pianola, magari di media qualità, che permetta al piccolo di sperimentare suoni più moderni e sequenze melodiche vicine ai suoi gusti musicali, di modo che possa appassionarsi non solo alla musica classica, ma sperimenti ritmi e suoni diversi, dando vita a quelle contaminazioni musicali che, nel corso del tempo, potrebbero fare la differenza.

Continua la lettura
58

Visione di concerti

Se per gli adulti essere originali è importante, per i bambini il senso di emulazione è, invece, fondamentale. Dare ai piccoli un soggetto a cui ispirarsi o metterli davanti a persone che compiono un'azione perfettamente è il modo migliore per spingerli a fare meglio e progredire. Portarli, quindi, con cadenza mensile a concerti di pianoforte potrebbe essere un modo per incuriosirli e per incentivarli nello studio. Ascoltare musica dal vivo dà un senso completamente diverso che ascoltare cd registrati, seppur di bravi musicisti. Ricordate, quindi, di sfruttare qualche occasione per regalare a vostro figlio/a un biglietto per un concerto di pianoforte, magari scegliendo posti nelle prime file del teatro di modo che il vostro bambino/a possa concentrarsi sul movimento delle mani del concertista, appassionandosi alla sua bravura.

68

Gestione del talento

Fin dalle prime note è fondamentale ricordare sempre che ogni soggetto ha le sue attitudini e il suo talento. Occorre, quindi, capire fino a che punto il proprio bambino/a può arrivare, magari confrontandosi con l'insegnate di riferimento che deve essere la prima a comprendere le doti naturali dello studente. Se anche lo studio e la pratica sono importanti nell'apprendimento di qualcosa, a volte non sono elementi sufficienti. Ci sono bambini che hanno un'attitudine naturale verso uno strumento, nonchè una corretta conformazione fisica. Se un bambino/a, per esempio, è alto allora potrà arrivare con più facilità ai pedali del pianoforte e se è dotato di dita lunghe ed affusolate sarà sicuramente più predisposto all'uso della tastiera. Ma la cosa da valutare è il talento innato dei bambini. Quando si capisce che il bimbo/a ne è fornito, allora, il tutto, va gestito al meglio. Se, quindi, capite che vostro figlio potrebbe avere tutte le carte in regola per diventare un bravo musicista non fatelo mai sentire sotto pressione. Non parlate, troppo precocemente, di scuole come conservatorio, o studi specifici che possono stressare il piccolo. È fondamentale che lo strumento resti sempre una scelta primaria di chi lo suona che non deve, quindi, ricevere pressioni dall'esterno e non deve sentire il peso delle aspettative di chi gli sta vicino. Il talento non svanisce nel tempo, ma al contrario cresce e, spesso, si trasforma in passione, per cui non abbiate paura. Se vostro figlio ha nel sangue la musica, prima o poi, si esprimerà con una dirompente energia.
.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • L'età migliore per iniziare a suonare uno strumento è dai 6 anni in avanti
  • Fate vivere il bambino/a in un ambiente dove la musica fa parte del suo quotidiano. Ascoltate la radio, portatelo in negozi di CD, appassionatelo ai concerti
  • Organizzate lezioni a cadenza settimanale. Il bambino non deve vivere il pianoforte come un impegno troppo ossessivo
  • Chiedete a vostro figlio/a di insegnarvi qualche facile melodia. Condividere con i gentiori una passione a volte è un ottimo incentivo per il bambino/a
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bambino

Strabismo nei bimbi piccoli: quando e come intervenire

Lo strabismo nei bambini è più frequente di quanto si possa pensare. Fino ai sei mesi di età però è ancora solo transitorio. I bimbi spesso non riescono a posizionare le pupille nella stessa direzione. Ma si tratta quasi sempre di un disturbo che...
Bambino

5 idee per un book fotografico per bimbi

Più i nostri bimbi sono piccoli, più viene voglia di fare milioni di scatti per immortalare questi momenti bellissimi e unici. I bimbi però sono soggetti difficili da fotografare, perché si muovono in continuazione, chiudono gli occhi, si mettono...
Bambino

Come gestire due bimbi piccoli

Come sapete, gestire due bimbi piccoli in casa non è mai facile, soprattutto quando si tratta di bambini iperattivi o irrequieti. Di seguito alcuni consigli utili per tutte quelle giovani mamme o baby sorger che si dovessero trovare a fronteggiare una...
Bambino

Idee per una festa bimbi a tema bosco incantato

Quando ci si trova davanti a dover scegliere un tema per la festa di compleanno dei propri bimbi, non è mai una scelta sbagliata quella di puntare sul tema del bosco incantato. Non c’è niente di più divertente, entusiasmante e magico delle fate e...
Bambino

Ricetta per una pastina gustosa per bimbi

Il vostro bambino fa i capricci durante l'ora della pappa? Se proprio non gli piace quello che gli date da mangiare di solito, non preoccupatevi: potete dire addio alle sue lamentele! Cercheremo infatti di spiegarvi come sarà possibile realizzare una...
Bambino

Bimbi: come gestire la paura degli estranei

I bambini, è risaputo, hanno bisogno dell'appoggio e degli insegnamenti dei genitori per imparare cose nuove ma soprattutto per superare le proprie paure. Una di queste, tra le più diffuse nei bambini, è la paura degli estranei che mi manifesta spesso...
Bambino

Come insegnare ai bimbi le lettere dell'alfabeto

I bambini piccoli sono paragonabili a delle spugne: assorbono tutto quello che li circonda e lo imprimono nella loro mente, senza che nulla possa eliminarlo. Pertanto, i primi insegnamenti sono fondamentali per la loro crescita. Le lettere, le forme,...
Bambino

10 idee per creare giochi per bimbi dai 3 ai 6 anni

I bambini hanno sempre voglia di giocare e divertirsi e al giorno d’oggi ci sono più giochi elettronici che altro. Allora come possiamo farli divertire, soprattutto se hanno un’età compresa tra i 3 e i 6 anni, senza l’uso della tecnologia? Ecco...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.